Seat Ibiza suona la carica e punta sulla connettività

BarcellonaDa decenni icona e pilastro di Seat, Ibiza è stata da poco lanciata in versione rinnovata, non tanto nel design, moderno e sportivo, fatto di linee secche e profonde incisioni (lo stesso linguaggio stilistico della più grande Leon), quanto nei contenuti, con pesanti interventi nelle aree dei motori, della tecnologia di bordo e della sicurezza. La gamma dei propulsori, tutti Euro 6 e scelti, nella grande famiglia di motori Volkswagen, tra i più brillanti e parsimoniosi, spicca, tra le unità a benzina, il 3 cilindri 1.0 turbo Tsi da 95 cv (la versione da 110 cv è disponibile soltanto per la tre porte Sc), che consuma mediamente 4,2 litri/100 km (97 g/km di CO2). Questo 1.0, piacevole e divertente, può rispondere alla maggior parte delle esigenze del cliente-tipo della simpatica spagnola che, in alternativa, per chi macina un po' di chilometri in più, è proposto anche con i turbodiesel (3 cilindri 1.4) da 75, 90 e 105 cv.

Sulla rinnovata Ibiza (la 5 porte è lunga 4,06 metri) la tecnologia assume un peso più rilevante con l'introduzione del sistema di infotainment e comunicazione Seat Full Link, che assicura la massima connettività, e il lancio del nuovo livello di allestimento Connect che si colloca tra i classici Style e Fr.

L'offerta è completata dall' entry level Reference e dalle due versioni Business e Business High. Sul fronte della sicurezza debuttano il sistema per il riconoscimento della stanchezza del guidatore e il dispositivo Multi Collision Brake che attenua le conseguenze in caso di tamponamento a catena. Tutte le innovazioni, oltre a nuovi colori per la carrozzeria e per gli interni che consentono una facile personalizzazione, sono comuni a tutte le Ibiza: 5 e 3 porte, e wagon St (da 11.820 a 19.220 euro).