Secondary ticketing, la Siae vince il ricorso per il concerto degli U2

La Siae ha vinto il ricorso presentato lo scorso 17 gennaio dopo il caso di secondary ticketing avvenuto per il concerto degli U2 a Roma

Dopo il caso di secondary ticketing per i concerti degli U2 a Roma, la Siae ha vinto il ricorso presentato lo scorso 17 gennaio.

L'ordinanza inibisce a Live Nation, Seatwave e Viagogo l'ulteriore vendita diretta o indiretta sul mercato secondario dei biglietti del concerto degli U2, così come stabilito dal tribunale civile di Roma.

La penale è di 2.000 euro per ogni ulteriore biglietto venduto mentre è stato riconosciuto alla Siae il rimborso delle spese legali. Il direttore generale della Siae Gaetano Blandini ha commentato la motivazione del tribunale reputandola"molto efficace e favorevole per la nostra battaglia contro il fenomeno. Il giudice infatti ha ritenuto che Siae abbia dato prova dell'illecita attività sia dell'organizzatore dell'evento che delle piattaforme online che alimentano il mercato secondario", come riporta Tgcom24.

"Continueremo a combattere in tutte le sedi il mercato secondario - ha concluso Blandini - attività riconosciuta anche dalla magistratura come gravemente lesiva dei diritti patrimoniali degli autori, dei diritti dei consumatori e degli interessi dell'erario".

Commenti

rokko

Ven, 09/06/2017 - 17:28

Spero che la Siae venga abolita al più presto, ed i fancazzisti che ci "lavorano" sbattuti in mezzo ad una strada.