Sgarbi assolto a Bari: non insultò Vendola

Il Tribunale di Bari ha assolto - "perchè il fatto non sussiste" - il critico d'arte, imputato per diffamazione ai danni dell’ex presidente della Regione Puglia

Il Tribunale di Bari ha assolto - "perchè il fatto non sussiste" - Vittorio Sgarbi, imputato per diffamazione ai danni dell’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, parte civile nel processo.

La vicenda risale al 18 maggio 2011. Nella trasmissione "Ora ci tocca anche Sgarbi" in onda su Rai 1, il giornalista Carlo Vulpio aveva affrontato il tema delle energie rinnovabili con riferimento a presunti interessi mafiosi, chiamando in causa il ruolo della Regione nella gestione del business dell’eolico.

Vendola, all’epoca governatore pugliese, aveva deciso di querelare il cronista (il procedimento è ancora pendente) e Sgarbi, difeso dagli avvocati Giampaolo Cicconi e Francesco Rotunno.

Sgarbi tra l’altro alcuni giorni prima, durante la presentazione a Bari degli artisti pugliesi selezionati per la Biennale di Venezia, aveva parlato di una "Puglia massacrata da una forma di criminalità istituzionale che l’ha sfigurata con pale eoliche". In occasione della trasmissione televisiva, però, non aveva detto nulla e il suo atteggiamento diffamatorio sarebbe stato legato a cenni di approvazione fatti con la testa mentre il giornalista parlava.

Commenti
Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 25/11/2015 - 00:43

I comunisti come Vendola non la raccontano giusta. Quando si è trattato di accusare, insultare e diffamare Berlusconi, lo hanno fatto per almeno vent'anni e nessuno li ha querelati. LORO INVECE VIVONO DI QUERELE. Vi ricordate D'Alema che chiese BEN TRE MILIARDI a Forattini per la vignetta sullo sbianchettamento Mitrokyn?

un_infiltrato

Mer, 25/11/2015 - 01:20

Nicky, che figura di medra.

oicul44

Mer, 25/11/2015 - 17:14

ewwiwa la magistratura