Sgozzata dal padre musulmano. La madre: "Lo perdono, l'ha deciso il destino"

Hina aveva uno stile di vita troppo occidentale. Dieci anni fa la barbara esecuzione nel Bresciano. La madre: "Perdono mio marito"

"All’inizio ce l’avevo con il mondo intero, con la vita. Pensavo: perché sta succedendo tutto questo? Perché proprio a me e alla mia famiglia? Poi ho capito. Era tutto già scritto, il destino aveva già deciso per Hina, per mio marito, per me. E allora ho trovato la pace che cercavo. Vivere senza Hina sarà per sempre il mio più grande dolore, ma Mohammed era e resta l’uomo della mia vita. È giusto che paghi per quel che ha fatto però io l’ho perdonato e non lo abbandonerò mai". Bushra non incolpa l'islam per quella barbara esecuzione. Eppure dieci anni fa, l’11 agosto del 2006, quando a Sarezzo (Brescia) la ventenne Hina Saleem fu sgozzata dal padre Mohammed "perché voleva vivere e vestire all’occidentale", la religione e le tradizioni del Paese d'origine, il Pakistan, c'entravano eccome.

Il padre si accanì sul corpo della figlia con un coltellaccio. Poi, la seppellì nel giardino di casa con la complicità di due parenti. "Perché voleva vivere e vestire all’occidentale - avevano spiegato - per motivi religiosi, perché lei rifiutò di andare in Pakistan a sposare uno sconosciuto". Oggi, a distanza di dieci anni, Bushra riscrive quella tragedia spiegando al Corriere della Sera che l'omicidio non ha niente a che fare con i precetti dell'islam: "Mia figlia è diventata il simbolo di una storia di integralismo che non è mai esistita. Mio marito è sempre stato un uomo buono e un padre esemplare, mai una volta ci ha obbligato a fare qualcosa. Quel giorno ha perso la testa in un impeto di rabbia, Hina era una ragazzina bravissima ma era finita in cattive compagnie e avevamo cercato di farglielo capire tante volte. In quel periodo ci chiedeva continuamente soldi e finché abbiamo potuto l’abbiamo aiutata. Quel giorno è stata colpa della rabbia…". Eppure, quando il padre ha seppellito il cadavere nel cortile di casa, è stato attento a mettere il corpo rivolto alla Mecca. Ma Bushra insiste: "È stato solo panico. Noi eravamo tutti in Pakistan, Mohammed voleva prendere tempo solo fino al nostro ritorno, voleva aspettarci per raccontarci tutto e andare a costituirsi, come poi ha fatto".

Mohammed è stato condannato a scontare trent'anni di carcere. Nayab, una delle sorelle di Hina, va a trovare il padre in carcere indossando la minigonna, le calze nere e una maglietta strettissima. "Vestirei così se davvero lui fosse un integralista fanatico? - dice - conosciamo il Corano e quando possiamo preghiamo, proprio come fanno i cattolici. Che male c’è? La verità è che ero io che compravo i famosi vestiti all’occidentale di Hina…".

Commenti

cgf

Ven, 22/01/2016 - 09:39

Sig.ra Bushra guardi che se fosse destino, è destino anche che Mohammed faccia la sua galera, è invece una FORZATURA del destino dichiarare santo Mohammed anche perché per l'Islam non esistono i santi.

Ritratto di petrus

petrus

Ven, 22/01/2016 - 10:09

Ricordatelo anche a papa Francesco (dato che legge solo "La Repubblica" non vedrà questa notizia) visto che tanto ama i...suoi fratelli... musulmani.

Lucky52

Ven, 22/01/2016 - 10:24

Se ci crede lei! Come fa ad amare una bestia per quel che si è rivelato suo marito solo Allah lo sa ma loro ci sono abituate.

venco

Ven, 22/01/2016 - 10:27

I musulmani sono fatti cosi, sono fatalisti, qualsiasi cosa facciano o subiscono dicono che l'ha voluto allah. Quando vengono raccolti e aiutati mica ringraziano chi li aiuta, ringraziano solo allah.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 22/01/2016 - 10:29

Pure Abramo per dimostrare l'attaccamento alla fede del suo Signore tentò di uccidere il figlio ma si sa come andò. Di certo quando la mente non sa discernere il bene dal male non servono regole o libri educativi ma un miracolo: che la persona malata non sia venuta al mondo.

Ritratto di Dentes72

Dentes72

Ven, 22/01/2016 - 10:44

bla bla bla bla.. intanto hanno ammazzato una figlia sgozzandola come un capretto e seppellendola in giardino. Il resto sono chiacchere da bar. Tutti a casa!!!

jeanlage

Ven, 22/01/2016 - 10:53

Sì è colpa del destino che l'ha fatta nascere maomettana!

giovanni PERINCIOLO

Ven, 22/01/2016 - 11:02

Balle! e chi crede che possa crederle???

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Ven, 22/01/2016 - 11:11

Ben detto petrus! 'Che' Bergoglio non vede mai la barbarie. Troppo occupato ad ammirare crocifissi a forma di falce e martello.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Ven, 22/01/2016 - 11:46

Visto che l'integrazione funziona? Hanno capito al volo che in Italia un omicidio, anche se rituale, avviene sempre per alterazioni mentali omicide PROVVISORIE, dette volgarmente RAPTUS.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 22/01/2016 - 11:51

La visione Cristiana di "Dio","ERA" basata su "Giustizia e Ragione",mentre quella musulmana,dopo una feroce lotta,nel XII secolo,si cristallizzò su "Volontà e Potere".In sintesi,per i musulmani,la Ragione è INCAPACE DI RAGGIUNGERE LA CONOSCENZA,ma se pure lo fosse,non c'è nulla da conoscere,perchè la realtà è incononoscibile...(sic!).Aggiungo:il "libero arbitrio" è un concetto Cristiano,basato sui cardini "Giustizia e Ragione"laddove invece è negato dai musulmani,che lo considerano "inesistente",perchè "ogni azione umana è predestinata(come sostiene la tipa...).Facendo scomparire ogni razionalità,e la distruzione della relazione "causa-effetto",hanno attuato il "suicidio dell'intelletto"!!!Altro che storie!!

Rossana Rossi

Ven, 22/01/2016 - 11:55

Evviva l'integrazione...........buffoni!.......

callaghan

Ven, 22/01/2016 - 11:58

Bestie che non siete altro, se non vi va bene il nostro modo di vivere e vi fa schifo non dovete venire. NON VENITE, ANZI ANDATEVENE VIA, ANDATE VIA, ANDATE VIA , ANDATE VIAAAAAAAA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

greg

Ven, 22/01/2016 - 12:01

SIGNORA BUSHRA - vada a raccontare le sue balle in moschea, dopo averle raccontare al Corriere della Sera che le ha prese per oro colato, ma a persone normali che vedono come i mussulmani iniziano a comportarsi in Italia, ora che ce ne sono veramente tanti e quasi incontrollabili, non tenti neppure di spacciarle, le sue balle. Questo è l'islam, c'è anche scritto sul CURARO (che è il corano scritto per i boccaloni che credono nel falso dio) che se non ti adatti al volere del profeta, Allah è un prestanome, devi morire. Punto, altri commenti sarebbero solo fiato sprecato.

FRANZJOSEFVONOS...

Ven, 22/01/2016 - 12:06

VENCO SOLTANTO UN MUSSULMANO ANZIANO HA RINGRAZIATO IL CHIRURGO ITALIANO CHE HA OPERATO AL CUORE SUA FIGLIA E HA SALVATO LA VITA. POI NESSUNO

AndreaT50

Ven, 22/01/2016 - 12:18

Stroncare una vita per una questione "ideologica" seppur religiosa é di una bestialità senza pari; ma questi tizi voglio o no progredire intellettualmente o no? Anche la Bibbia non é esente da scritture barbare ma i cristiani (noi) l'abbiamo interpretata e messa in pratica saggiamente, loro che cosa aspettano a farlo?

franco-a-trier-D

Ven, 22/01/2016 - 12:35

non dice deciso da Allah vedo

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Ven, 22/01/2016 - 12:46

Se vogliamo "integrarli" dovremo abituarci ad accettare la barbarie nella nostra terra. Questo tipo di islamici (e non posso dire che gli altri possano essere diversi e migliori) considerano la famiglia alla stregua di un gregge di pecore: la mogli può essere liberamente cornificata con chiunque e bruciata o sfregiata con l'acido se non obbedisce i figli sgozzati per qualunque motivo. E non parliamo poi della poligamia e della omosessualità. Donne e uomini di sinistra, preti e prelati compiacenti: in nome della tolleranza cristiana e della preconcetta libertà a tutti i costi, è questo che vorreste riservare al futuro dei nostri figli ? Ma la libertà non ha il limite di non offendere e limitare l'altrui diritto alla libertà. E la libertà non è un concetto sociale che deve tenere conto del "comune" senso civico ? Oppure libertà = anarchia? Se un Dio consente che un padre sgozzi il figlio per questi futili motivi, possano tutti costoro marcire per l'eternità all'inferno !

Maura S.

Ven, 22/01/2016 - 13:01

La famiglia dovrebbe essere rimpatriata, noi non vogliamo dei fanatici, in quanto alla madre io le auguro di fare la stessa fine, cioè si essere sgozzata dal marito quando uscira, ( se....) dalla prigione.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 22/01/2016 - 13:04

Non ho mai sentito che il destino decide per le bestie.

maelstrom

Ven, 22/01/2016 - 13:43

Questa dichiarazione riassume mirabilmente (si fa per dire….) un concetto basilare che a molti occidentali sfugge. Qualsiasi nefandezza accada sulla Terra, per tutti i musulmani credenti, è esclusivamente opera del destino, o meglio di Dio. Del loro Dio, Allah. Il concetto di libero arbitrio per loro è privo di significato. Ecco perchè nessun musulmano che creda nella propria religione può prendere le distanze in modo sincero dal terrorismo. Perchè anche il gesto più efferato, alla fine, è frutto della volontà di Dio. E senza quella volontà non si sarebbe verificato. Il resto sono chiacchiere e dichiarazioni di mero opportunismo per cercare di ingraziarsi gli stolti occidentali che credono all'Islam moderato; che, semplicemente, non esiste perchè non può esistere.

Alessio2012

Ven, 22/01/2016 - 13:45

Le donne sono superstiziose, credono nel destino, negli oroscopi... sono rimaste all'età delle caverne... e per questo vanno a nozze con questi qui.

Koch

Ven, 22/01/2016 - 14:12

L'articolo del Corriere è praticamente un'arringa per interposta persona,la madre della vittima,in difesa di un atto di barbarie al solo fine di giustificarlo agli occhi dei bravi borghesi benpensanti (progressisti ed antirazzisti), insinuando in modo subliminale il concetto che in fin dei conti quell'assassinio è stato solo un'accesso d'ira di una brava persona(perfettamente integrata)e che solo la perfidia di qualche leghista l'ha voluto vedere in chiave di fanatismo religioso. Il lettore borghese (politicamente corretto) ora è autorizzato a ritenere che non solo non è reato uccidere un fascista (questo lo si sapeva) ma anche uccidere la figlia perché "frequentava cattive compagnie" non è reato (ma solo un'accesso d'ira).

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 22/01/2016 - 14:17

@maelstrom:....vedo che siamo intonati!

Opaline67

Ven, 22/01/2016 - 14:18

chi accetta di essere e restare islamico nonostante tutto, accetta necessariamente certe nefandezze ed aberrazioni dettate dalla religione islamica. Punto.

Villanaccio

Ven, 22/01/2016 - 14:45

Il perdono è simbolo di misericordia e non esclude l'atto odioso di una persona soggiogata da una religione che non consente una giusta integrazione tra tutti.

alby118

Ven, 22/01/2016 - 14:50

Che tristezza pensare che al mondo esistano simili padri animali. E una madre che perdona il marito che le ha sgozzato la figlia per simili motivi, è anch'essa al limite del disumano e deve avere, perlomeno, capito il gesto del coniuge . Se poi una mamma trova giustificazioni per questo, come può non giustificare le teste cristiane mozzate dalle capre barbute ????? Abbiamo le serpi in casa che dormono e non ce stiamo accorgendo.

Fossil

Ven, 22/01/2016 - 15:20

Il destino?!? Ma questi culi al vento non dicono di credere in dio? (volutamente minuscolo), Quale dio? Il panico, la rabbia? Ma per favore!!! Selvaggi sono e selvaggi rimaranno.

Tuthankamon

Ven, 22/01/2016 - 15:23

Sto cominciando a perdere la pazienza! Al diavolo loro e chi gli permette di farlo e di dirlo, e ce lo impone! E al diavolo chi li vota!

paci.augusto

Ven, 22/01/2016 - 15:55

Facciamoci spiegare dalla Boldrini e dai fanatici sinistri in cosa consistono i valori di infami, truci assassini stranieri islamici che fanno a pezzi una figlia perché ha ' l'inaccettabile pretesa di voler vestire all'occidentale ' ( sic????!!!!)!!Oltretutto, gentaccia simile la curiamo e manteniamo a nostre spese!! VERGOGNA!!!

lamwolf

Ven, 22/01/2016 - 16:31

Alfano se non cacci questi barbari di genitori sei come loro punto.

rossini

Ven, 22/01/2016 - 17:39

Sono una massa di bastardi. La loro presenza in Italia è un male per tutti noi e forse anche per loro. E' chiaro che stando qui non si integrano ma continuano a pensarla secondo i principi incivili e disumani della loro religione. Ma perché non se ne rimangono nei loro paesi con le loro moschee, i loro imam e il loro Allah?

Nonmimandanessuno

Ven, 22/01/2016 - 18:13

Dipendesse dal sottoscritto, sempre per il destino, impiccherei la madre e il padre. A reti unificate. Purtroppo è solo un mio pio deesiderio.

titina

Ven, 22/01/2016 - 18:26

Come fa una madre a perdonare chi le ha ucciso la figlia? Così i mariti continueranno a fare i padri-padrone e la colpas è delle donne così

Arexsford

Ven, 22/01/2016 - 21:44

questa è da ricovero

MgK457

Ven, 22/01/2016 - 23:00

L'islam e' la piu' falsa di tutte le religioni.

Ritratto di StefanoParma

StefanoParma

Ven, 22/01/2016 - 23:18

Io spero che torniate nel vostro paese del cxxxo e moriate lentamente di cancro senza cure tra atroci tormenti. L'assassino e la complice.

Asimov1973

Ven, 22/01/2016 - 23:41

Avete visto?? ha perdonato il marito!!! e poi dite che l'islam non é la religione dell'ammmore!!! che vuoi che sia sgozzare la propria figlia quando é talmente svergognata da farsi la foto senza il lenzuolo nero addosso!! se l'é cercata! Al padre bisognerebbe subito dare la tessera del SEL e un lavoro in comune pensione d'invalidità (fa parte dei benefit come i buoni pasto per i bancari) e alla madre bisogna farla santa subito...anzi bisogna trovargli un lavoro in Vaticano come revisionista del Cattolicesimo ovviamente con l'augurio di pace del Santo Padre

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 23/01/2016 - 00:06

Sarà stata sollecitata da qualche imam a fare quelle orrende dichiarazioni PER SCAGIONARE L'ISLAM DALLE RESPONSABILITÀ DI QUELL'ORRENDO ASSASSINIO. Continua la subdola campagna di penetrazione dell'islam nella nostra società. Ora arrivano a far dire a quella povera donna "CHE ERA TUTTO SCRITTO". LO SAPPIAMO ANCHE NOI. QUELL'ORRENDO ASSASSINIO ERA GIÀ SCRITTO NEL CORANO.

Iacobellig

Sab, 23/01/2016 - 07:29

QUESTA GENTE SI CONSOLA COSÌ, INVECE DI GUARDARE LA REALTÀ IN FACCIA. QUESTA GENTE È MOLTO LONTANA DAI NOSTRI COSTUMI PERCIÒ NON PUÒ INTEGRARSI.

linoalo1

Sab, 23/01/2016 - 08:15

Se fossimo tutti Atei,ossia Intelligenti,cose come queste ed anche molte Guerre non avverrebbero!!!