"Si fece toccare da minore". Ma il fatto non sussiste: risarcita un'ex pornostar

A Brigitta Bulgari 18mila euro: "È stato infangato il mio nome, mentre io stavo facendo soltanto il mio lavoro"

È stata risarcita con 18mila euro l’ex pornostar Brigitta Bulgari, arrestata per 11 giorni nel 2010 con l'accusa di prostituzione minorile dopo uno spettacolo hard in una discoteca di Fossato di Vico (Perugia).

"Il fatto non sussiste" ha sentenziato però il giudice, mentre la procura di Perugia aveva chiesto il rinvio a giudizio della trentunenne ungherese, che ha chiesto un risarcimento di 200mila euro per ingiusta detenzione. L'istanza è stata accolta dalla Corte d’appelloa che ha però quantificato in 18 mila euro, oltre alle spese legali, quanto spettante alla Bulgari. 

La pornostar era stata arrestata il 24 maggio del 2010 dopo lo spettacolo nella discoteca dove - secondo l’accusa iniziale - si era esibita anche davanti ad alcuni minorenni che l’avrebbero toccata nelle parti intime. Il gup l’ha poi però prosciolta ritenendola estranea agli addebiti ipotizzati. "È stato infangato il mio nome, mentre io stavo facendo soltanto il mio lavoro" disse la Bulgari dopo essere stata prosciolta.

Commenti

Gaby

Gio, 18/09/2014 - 01:10

I minorenni l'avranno toccata e si saranno toccati.... Mamma mia adesso diventano ciechi....come dicevano le mamme di una volta!

Solist

Gio, 18/09/2014 - 09:05

perseguire i gestori del locale perchè sapendo il tipo di intrattenimento offerto avrebbero dovuto proibire l'entrata a minori! E ora che ci penso perchè non punire il minore per palpata/aggessione a sfondo sessuale?