Sicilia: attivisti "No Muos" assaltano base, ferito militare

Prosegue la protesta contro i radar. Tafferugli tra i un gruppo di manifestanti e le forze dell’ordine. Divelta parte della recinzione. Procura apre inchiesta

Giornata decisamente movimentata a Niscemi (Caltanissetta). Dopo un corteo tutto sommato pacifico dei No-Muos (si battono contro le super antenne radar americane), i manifestanti sono arrivati davanti alla base militare Usa di Niscemi. E dopo poco sono iniziati i tafferugli con le forze dell'ordine, che presidiavano la base. Un uomo della Guardia di finanza è rimasto ferito. Alcuni manifestanti, invece, hanno divelto parte della recinzione e sono entrati dentro la base dove, da giovedì sera, in cima ad alcuni tralicci, si trovano dieci attivisti. Quelli della frangia più esagitata della protesta. 

Fino alle sei e mezzo circa del pomeriggio era filato tutto liscio. Il corteo scandiva slogan contro le antenne e contro gli Usa. Preso di mira anche il governatore Rosario Crocetta, con le "Mamme No-Muos" in prima fila che srotolavano striscioni con la scritta "diritto alla salute". Poi però c'è stato il "contatto" con le forze dell’ordine, seguito al lancio di fumogeni. Nel grande trambusto che si è generato alcuni attivisti hanno tagliato la recinzione e poi, con una corda legata a un palo, l’hanno divelta riuscendo a inoltrarsi nella base mentre calavano le prime ombre della sera.

La manifestazione di oggi, secondo la previsione degli organizzatori, avrebbe dovuto radunare a Niscemi almeno cinquemila persone. Alla fine, però, se ne sono viste 1500 circa.  Il 10 marzo scorso, invece, erano diecimila. Questo enorme divario si deve, forse, al fatto che siamo in piena estate e, con le vacanze in corso - e il forte caldo - la voglia di protestare si riduce.

Crocetta è stato preso di mira perché considerato un "traditore", dopo che il governatore ha ritirato l’esposto sul Muos, sottraendo ai magistrati la materia del contendere. La
ragione, aveva spiegato il governatore, sta nelle analisi condotte dall’Istituto superiore di sanità, che ha stabilito la non pericolosità dell’impianto per la salute. Andare avanti su questa strada avrebbe significato, secondo Crocetta, rischiare una multa salatissima: 25 mila euro per ogni giorno di stop del cantiere. Ma la mossa del governatore è stata vissuta come un tradimento dai No-Muos. Che non perdonano il governatore.

Il procuratore capo di Caltagirone, Francesco Paolo Giordano, ha aperto un’inchiesta sugli scontri di oggi. Le ipotesi di reato sono resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamenti.

Commenti

NoSantoro

Ven, 09/08/2013 - 21:30

Ma quali "super antenne radar americane"? IGNORANTE CAPRA. Prima di scrivere corbellerie passa almeno a dare una occhiata su Wikipedia per cercare di capire di cosa si tratta. Se fossi l'editore, un bel calcio nel posteriore non te lo leverebbe nessuno.

telli

Ven, 09/08/2013 - 21:42

Tutte scuse queste delle antenne radar nocive per la salute! La vera motivazione della protesta è politica! Ma andatevene in Nordcorea sinistrati!

frankie

Ven, 09/08/2013 - 22:03

ma essendo area militare, non è sufficiente che i soldati di guardia reagiscano come invasione del perimetro seguendo le regole d'ingaggio in vigore? ... ci penserebbero due volte, la volta seguente i vari no global o no tutto ...

frankie

Ven, 09/08/2013 - 22:03

ma essendo area militare, non è sufficiente che i soldati di guardia reagiscano come invasione del perimetro seguendo le regole d'ingaggio in vigore? ... ci penserebbero due volte, la volta seguente i vari no global o no tutto ...

pinosan

Ven, 09/08/2013 - 23:06

Questa manifestazione e l'arroganze dei partecipanti mi ricorda quanto ho sentito oggi in merito all'intervento della forza pubblica intervenuta per combattere gli estracomunitari che abusivamente vendono prodotti,di dubbia provenienza ,nelle spiagge della romagna."tanto non ci potete fare niente,perdete solo del tempo"domani saremo ancora qui.E purtroppo hanno ragione.In italia,leggi e magistratura sono dalla loro parte.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 10/08/2013 - 00:11

Hanno tante sigle tutte caratterizzate dal NO a qualcosa. La disinformazione rossa galoppa a tutto spiano dalla Val di Susa alla Sicilia. VUOI VEDERE CHE SONO SEMPRE GLI STESSI A DIRIGERLI? Tanto per non fare nomi, quelli che sono stati cacciati dal parlamento?

Ritratto di marione1944

marione1944

Sab, 10/08/2013 - 00:14

Base militare Usa di Niscemi? allora lasciate che siano gli Americani a presidiarla, loro non sono tanto gentili come le nostre forze dell'ordine, sono dalla parte delle ragione e non si lasceranno certo intimidire da un branco di scalmanati. Ci saranno certo delle botte da orbi ma scommetto che ci saranno più ammaccati tra gli attivisti che tra gli Americani e non come contro le nostre forze dell'ordine (alle quali va tutto il mio affetto) sempre in numero maggiore di ammaccati contro quella masnada di cretini attivisti che si sentono forti solo se sono in centinaia contro poche decine di carabinieri o poliziotti.

Massimo Bocci

Sab, 10/08/2013 - 01:48

Maus??? MAOISTI, BR, Prima Linea, PC,ecc.ecc.ecc...... insomma, dopo 65 anni di REAL COMUNISMO ISTITUZIONALE!!!! E facciamolo questo ultimo passettino, statutario democratico???? COMUNISTA!!!! Anche visto che dopo il fallimento (CRIMINALE!!!), il titolo di più,LADRI!!! Comunisti rimane vacante (e questi con 65 di nefandezze nel curricula) non avranno rivali,la maggior parte si sono scannati tra compagni, e poi non ci saranno nemmeno da pagare delle royalty, che ne dite compagnoshy, della minchia, " Italia CCCP", o vi basta Coop.

Tommaso Berretta

Sab, 10/08/2013 - 09:43

Sono siciliano; come tale mi permetto di dissentire da quanti paragonano i 'no muos' ai 'no tav'. Non è da porre in discussione il fine della battaglia dei siciliani contro un atto di ulteriore colonizzazione della nostra terra da parte degli USA. Purtroppo sono gli effetti ancora oggi presenti di una guerra perduta; ma adesso è ora di finirla. Non possiamo essere considerati sempre come terra di conquista e come tale sottoposta alle angherie di uno Stato che ha avuto sempre come fine lo sfruttamento selvaggio degli altri popoli. Siciliani, svegliatevi e ribellatevi a questo stato di cose!!!

Gius1

Sab, 10/08/2013 - 10:02

quelli che hanno assalito e ferito il militare, non sono neanche della zona. Vengono da lontano a rompere i collioni

fabianope

Sab, 10/08/2013 - 10:14

@telli & c. vi auguro di cuore che un bel giorno ve le montino fuori casa vostra!

Joecasti

Sab, 10/08/2013 - 11:33

Sono di destra, ma quando leggo alcuni commenti sul giornale...che cacchio di paragoni che fate No Muos=No Tav, e mettete sempre di mezzo la sinistra, ma chi se ne frega della sinistra, qui si tratta di qualcosa di profondamente diverso, gli amerdicani la devono smettere di fare quello che gli pare e piace a casa degli altri, innanzitutti si tratta di impedire la cementificazione in un parco ambientale protetto, e poi si tratta di impedire che gli amerdicani installano antenne per controllare tutto di noi (e-mail, telefonate, quante volte andiamo al cesso ecc.). Ma lo scandalo Datagate non vi dice niente a voi, lo so in Italia questo tema viene ignorato da giornali e tv, solo quando si tratta di intercettazioni su Berlusconi tutti ipocriti gridano allo scandalo. La mia privacy , il mio diritto di essere libero e non controllato come facevano il nazismo, il fascismo, il comunismo e altre ideologie malate é un dovere da difendere. Per questo i No Muos, indipendentemente dalle motivazioni che hanno di protestare hanno tutto il mio appoggio.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 10/08/2013 - 12:02

Tutto sta diventando nocivo per l'ambiente. Anche le flatulenze dei no Tav e no Muos. Aumentando pericolosamente l'effetto serra del globo. Si dovrà provvedere, per il futuro, ad impedire questo fenomeno stuccando adeguatamente l'orifizio incriminato. Chissà che non cessi questo turismo del NO.

lino961

Sab, 10/08/2013 - 16:32

Come mai le super antenne di Radio Vaticano non vengono prese di mira con incursioni di questi microcefali,forse sono dannose solo queste? Evidentemente si per l'accozzaglia di balordi e drogati di sinistra e comunque non capisco,se quella è una struttura di tipo militare a difendere l'area circostante dovrebbe essere l'esercito non la polizia,ma forse mi sono perso qualcosa e quindi sbaglio.

angelomaria

Mer, 14/08/2013 - 13:40

ANCHE LORO TERRORISTI E'ORA CHE SI DIA UN TAGLIO HA TUTTI QUESTI GRUPPI E CENTRI SOCIALI CHE ALTRO CHE DISTRUGGERE NON FANNO