Il sindacato di polizia nella piazza dove morì Carlo Giuliani

Il Coisp annuncia una manifestazione per il 20 luglio in Piazza Alimonda, a Genova, 14 anni dopo il G8

Si torna a parlare di Carlo Giuliani, il giovane no global che morì 14 anni fa a Genova durante i disordini per il G8. "Il 20 Luglio 2015 il Coisp sarà in Piazza Alimonda - si legge in un comunicato del sindacato indipendente di polizia - per ricordare quei giorni, per ricordare gli scontri di piazza, le scene di devastazione e saccheggio con il pensiero che un estintore possa diventare un’arma da usare contro le Forze dell’Ordine".

Matteo Bianchi, segretario generale regionale del Coisp Liguria, annuncia la manifestazione in programma a Genova. "Quest’anno, dopo vari tentativi, siamo riusciti ad ottenere di poter svolgere la nostra democratica iniziativa proprio in Piazza Alimonda". La stessa piazza dove morì Giuliani. Ma il Coisp precisa che l'iniziativa "non vuole essere assolutamente etichettata come una boutade o peggio ancora una provocazione, ma vuole essere un momento costruttivo dal quale far emergere il G8 genovese in tutta la sua cruda e difficile realtà, evitando che diventi per l’ennesima volta solamente un pretesto per attaccare nuovamente l’operato delle Forze dell’Ordine che quotidianamente assicurano la sicurezza e la serenità di tutti i cittadini con il loro difficile e mai abbastanza gratificato lavoro".

La manifestazione indetta dal sindacato di Polizia non vuole neanche essere un attacco alla famiglia Giuliani, precisa il Coisp, ma una vera e propria azione per il senso civico della città di Genova". L’iniziativa, conclude Bianchi, sarà anche occasione per discutere "temi caldi quali i fatti della scuola Diaz e della caserma di Bolzaneto con tutti i successivi sviluppi che ci sono stati in questi anni sia dal punto di vista giuridico che deontologico per gli appartenenti alle Forze dell’Ordine e non solo".

Commenti
Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Mer, 08/07/2015 - 16:20

Io sto con la polizia (come il Pasolini del tempo che fu). Quelli come Carlo Giuliani non mi piacciono ed ancora meno le loro famiglie che li vogliono santificare.

lupo1963

Mer, 08/07/2015 - 16:33

Secondo me Giuliani si e' cercato quello che gli e' accaduto.Io sto dalla parte di Placanica e delle forze dell'ordinesenza se e senza ma.Trovo comunque un'inutile provocazione,checche' ne dica il coisp,andare a manifestare proprio la'. Perche' mettere in difficolta' i colleghi e i cittadini di quella zona.Inutile ripicca,in fin dei conti a Giuliani peggio di cosi' non poteva andare.Bisognerebbe manifestare in tante altre piazze d'Italia dove i delinquenti la fanno da padroni.

jazz00

Mer, 08/07/2015 - 16:39

mi vergogno di questo sindacato di polizia(!?)

Totonno58

Mer, 08/07/2015 - 16:47

Chissenefrega...fra gli "antagonisti" ed i sindacati autonomi di polizia non so chi è peggio...

Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Mer, 08/07/2015 - 16:48

Je suis Placanica

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Mer, 08/07/2015 - 16:56

Ma cosa andate a manifestare? Che la "poltrini" vuole intitolare al giuliani un'aula del parlamento Italiano. Ma vi rendete conto? Andrebbe intitolata al carabiniere Placanica, che si è difeso come da regolamento, evitando che terzi potessero venire ulteriormente feriti. Ma da uno stato che non riesce a portare a casa un marò non c'è da aspettarsi altro che intitoli le aule del parlamento ai delinquenti.

scarface

Mer, 08/07/2015 - 16:58

A prescindere dalle responsabilità, la famiglia giuliani avrebbe dovuto semplicemente 'tacere' e mantenere un profilo basso. La proposta strumentale della più bieca e vile sinistra, ha posto padre e madre in una posizione politica quantomeno inopportuna, date le gesta del "fino a qual giorno sconosciuto" loro figlio.

dondomenico

Mer, 08/07/2015 - 17:07

E' vero che sono passati 14 anni come è vero che esistono le registrazioni avvenute "a caldo"... " mi aspettavo che un giorno o l'altro mio figlio avrebbe fatto quella fine" forse le parole non sono giuste ma è giusto il senso della dichiarazione fatta dal Giuliani padre. Guarda caso, dopo un pò si è rimangiato tutto..il figliolo era uno stinco di santo...ma di cosa stiamo parlando? I veri avvoltoi sono quelli che invece di condannare questi fatti, li beatificano per ottenere consensi nella estrema sinistra...Sono e resto dalla parte della Polizia..sono e resto dalla parte di Caplanica..

vince50

Mer, 08/07/2015 - 17:14

Anzichè organizzare manifestazioni,unitevi a Carabinieri ed esercito e fate quello che andrebbe fatto da alcuni decenni.

dondomenico

Mer, 08/07/2015 - 17:16

Le mamme dei ragazzi perbene, cioè quei ragazzi che non fanno devastazioni, non appiccano il fuoco, non assaltano le camionette delle Forze dell'Ordine, restano a fare le casalinghe...le mamme dei no global devastatori diventano onorevoli con 15.000 euro al mese.... jazz00: forse adesso ti vergogni un pò meno di questo sindacato di polizia

arcierenero

Mer, 08/07/2015 - 17:16

giuliani doveva rimanere a casa o quanto meno non attaccare la camionetta dei carabinieri,non gliela aveva mica ordinato il dottore di agire in quel modo!!!!! si devono altresi vergognare tutti quelli che sulla sua morte ci hanno speculato su e si sono fatti una carriera politica e il vitalizio a spese nosstre!!!!!!!!

Ritratto di gian td5

gian td5

Mer, 08/07/2015 - 17:21

Finalmente i poliziotti mostrano di avere gli attributi, se non potessero più radunarsi nei luoghi dove è stato ucciso un delinquente sarebbero costretti a manifestare in caserma.

killkoms

Mer, 08/07/2015 - 19:15

@jazz00,devi vergognarti solo dei sinistri de noantri..!

Marcolux

Lun, 20/07/2015 - 14:10

Perchè i delinquenti diventano santi dopo la loro "giusta" morte?

Marcolux

Lun, 20/07/2015 - 14:13

Nella foto il delinquente con l'estintore in mano, che tenta di ammazzare un carabiniere barricato dentro la jeep. Gli è andata male, ma non per questo deve essere beatificato no?