Sito musulmano minaccia giornalista de Il Resto del Carlino: "Deve essere punita"

La giornalista Barbara Salsi è stata minacciata e offesa dal gruppo Facebook "Musulmani d'Italia". Avrebbe scritto "un articolo diffamatorio" contro un loro fratello

Il gruppo Facebook "Musulmani d'Italia" minaccia una giornalista de Il Resto del Carlino, ma loro smentiscono: "Sono solo degli islamofobi".

Benedetta Salsi è la cronista del quotidiano online che da ieri è finita nel mirino di alcuni musulmani. Il motivo? La giornalista aveva scritto qualche ora prima un articolo su un ragazzo convertito all'islam e indagato per terrorismo. L'uomo, definito "soggetto pericoloso" dal pm che ha seguito il caso, non potrà più uscire la sera, intrattenersi in bar o luoghi affollati, espatriare, né uscire dalla città.

Il pezzo della Salsi non è passato inosservato al mondo musulmano che immediatamente ha attaccato la cronista. "Benedetta Salsi di Reggio Emilia, giornalista presso Il Resto del Carlino, ha alle spalle una vita poco dignitosa e scarsi risultati nel suo ambito lavorativo. Voci indiscrete raccolte con molta facilità possono rivelare un passato all'insegna delle luci rosse e droga. E' islamofoba ovviamente, non poteva essere altrimenti". A queste parole sono seguite una serie di citazioni del Corano e alcune minacce nei confronti degli infedeli.

Benedetta Salsi di Reggio Emilia , giornalista presso resto del Carlino ... alle sue spalle una vita poco dignitosa ,...

Pubblicato da Musulmani D'Italia su Mercoledì 24 febbraio 2016

Le offese dei musulmani hanno preoccupato relativamente la giornalista, quello che più l'ha sconvolta è il finale del commento. "Considerando lo statuto giuridico islamico questi atti sono punibili severamente". Per il gruppo "Musulmani d'Italia" la Salsi ha compiuto un "reato" perché ha osato scrivere un "articolo diffamatorio" contro un loro fratello. La vera colpa della giornalista è soltanto quella di aver raccontato un fatto di cronaca che mette in relazione la religione musulamana e il terorrismo.

Commenti

venco

Ven, 26/02/2016 - 13:43

Il male dell'Italia sono i tantissimi sinistroidi che abbiamo, che pur di essere anticristiani, come una volta, adesso sono filo-islamici, e che hanno permesso questa nefasta invasione

polonio210

Ven, 26/02/2016 - 13:49

Se non sbaglio siamo ancora un Paese nel quale NON vige la sharia.Perciò,dello statuto giuridico islamico,non me ne può fregare di meno ed avrei in mente un modo,a me utile e molto personale,sul come servirmene.....Se questi poveretti pensano di imporre le loro usanze medioevali si sbagliano di grosso.A proposito:non c'è traccia da parte della magistratura,sempre così sollecita quando si tratta inquisire degli italiani,di una qualunque indagine giudiziaria per minacce e istigazione all'omicidio,nei confronti dei musulmani d'Italia.P.S: non sono islamofobico e che gente come questi musulamani d'italia mi stanno,per nulla cordialmente,sulle p...e.

roberto.morici

Ven, 26/02/2016 - 13:58

Se fossi credente e, putacaso, cristiano potrei considerare questi incazzatissimi maomettani degli infedeli?

CesareGiulio

Ven, 26/02/2016 - 14:02

Brava Barbara. É giusto che tu faccia il tuo lavoro come fai. Le cose vanno dette. Non farti intimidire da persone ottuse che vivono secondo leggi arcaiche contro la liberta'' degli esseri umani e che vorrebberlo imporle a noi!

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 26/02/2016 - 14:16

Hanno ragione,,Come si permette di offendere(la giornalista non indossa neanche il burqa) un fervente muslims tutto casa e terrorismo??? Mahhh il pm, vista la sua pericolosità ,lo lascia a casa imponendogli di non uscire la sera(forse perché di giorno si trasforma in angioletto??)

marygio

Ven, 26/02/2016 - 15:04

brava...mandali a cagare

malfiero

Ven, 26/02/2016 - 15:54

Piano piano ci stiamo arrivando ora smentiscono domani agiranno perchè gli abbiamo permesso di comandare in casa nostra