Soldi ai rom per lasciare la tendopoli e vivere in case dignitose

Una delibera comunale mette sul piatto 136mila euro per cercare nuove case ai rom. Ma le tende in cui vivono erano costate 200mila euro

Soldi a palate per i rom. Così potranno finalmente lasciare la tendopoli provvisoria, costata 200.000 euro, e avere il trasferimento in altre località del territorio nazionale o estero. Altri 136.500 euro.

Avete capito bene. a Cosenza infatti, verranno dati 600 euro per ciascun nucleo familiare e altri 300 euro per ogni ulteriore membro del nucleo, oltre il capo famiglia. Dopo lo sgombero delle baracche abusive che erano state costruite lungo le sponde del fiume Crati a Cosenza, ora i rom vivono in una tendopoli provvisoria, una sistemazione non degna.
Questo ingente contributo servirà a coprire i primi costi derivanti dal trasferimento ad altre località del territorio nazionale o estero, e alla copertura dei primi costi per la detenzione di un alloggio nel territorio locale, nazionale od estero, da erogarsi in un’unica soluzione al momento del rilascio della tenda assegnata a giugno.

Il provvedimento è stato deliberato all’unanimità dalla giunta comunale guidata dal sindaco Mario Occhiuto il 25 settembre scorso. L’operazione costerà 136.500 euro, che si sommano ai circa 200.000 euro spesi per l’allestimento della tendopoli tre mesi fa. Vi si farà fronte mediante prelevamento dal fondo di riserva.

Nella delibera su legge che "essendo la soluzione del campo necessariamente temporanea, occorre procedere ad una diversa sistemazione dei nuclei familiari rom" per le quali "nella generalità dei casi la carenza di risorse economiche costituisce il primo ostacolo a una dignitosa dimora, a una concreta attività lavorativa in grado di garantire un minimo di reddito familiare e, una costante frequenza della scuola da parte dei componenti più giovani".

Ma proprio sulla tendopoli rimane ancora aperta un'inchiesta. C'è ancora l’attenzione da parte della procura della Repubblica, chiamata dalle associazioni che si battono per i diritti dei rom a verificare eventuali reati commessi nell’allestimento, per le condizioni di vita delle persone ospitate, e atti di razzismo.

L’ufficio guidato dal procuratore capo Dario Granieri e dal procuratore aggiunto Marisa Manzini, subito dopo aver ricevuto l’esposto presentato dall’avvocato Eugenio Naccarato il 4 agosto scorso, ha dato mandato di indagini alla Digos di Cosenza. E i poliziotti hanno consegnato un’informativa nei primi giorni di settembre.

I denuncianti hanno chiesto di verificare l’eventuale sussistenza di violazioni di diritti umani, ma anche – ed è su questi aspetti che probabilmente si concentrerà l’approfondimento di indagine - eventuali violazioni nelle procedure di allestimento della tendopoli: per la scelta di ricorrere alla “somma urgenza” e non alla gara d’appalto pubblica; in relazione al loro costo e alla tipologia delle tende, “non idonee ad accogliere esseri umani” per tre mesi.

Nella denuncia è stata anche fatta richiesta di sequestro preventivo dell'area allo scopo “di ripristinare il rispetto della dignità umana e dei diritti fondamentali delle persone” e ordinare così un'evacuazione del sito con ordine di sistemare le persone in alloggi adeguati. Ma la exit strategy stabilita del Comune potrebbe rendere inutile il provvedimento poiché tra qualche giorno quelle tende potrebbero essere vuote.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 29/09/2015 - 17:51

Per questi FURBACCIONI che SFRUTTANO la comunita,i soldi si trovano sempre. Non si trovano invece per gli Italiani alluvionati terremotati ecc. Pace e bene dal Nicaragua FELIZ

ziobeppe1951

Mar, 29/09/2015 - 18:12

A Cosenza saranno contenti i cxxxxxxi che hanno votato il sindaco Occhiuto

paci.augusto

Mar, 29/09/2015 - 18:31

Questa giunta comunale ha proprio completamente smarrito il SENSO DELLA VERGOGNA!!! Dopo aver speso inutilmente e,assai probabilmente, anche disonestamente, una considerevole cifra per tende, adesso finanzia anche altre spese non indispensabili di questa genia di zingari, ladri e accattoni, che rifiutano il lavoro come ' pratica umiliante ' e vivono in CAMPI ABUSIVI che riducono a vergognosi letamai!! In paesi civili,come la Svizzera, questa gente viene giustamente respinta alla frontiera!! Qui, grazie all'infame legge della sinistra entrano liberamente anche SENZA DOCUMENTI e permesso di lavoro e vengono curati e mantenuti a spese degli italiani!! Tutto questo in TOTALE DISPREZZO dei tantissimi cittadini italiani in difficoltà economiche!!! VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA!!!!

Nonmimandanessuno

Mar, 29/09/2015 - 18:44

Sono felice per gli emiliani e i romagnoli che continuano a votare il PD.

elena34

Mar, 29/09/2015 - 19:02

Il comportamento del PD e' veramente scandaloso. Per queste persone che non lavorano e non hanno mai voluto lavorare i soldi ci sono sempre. Terremotati votate ancora il PD ma non lamentatevi .

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mar, 29/09/2015 - 19:06

A parte che, secondo me, questi intascano i soldi e vanno a ricostruirsi la baracca 50 metri più in là, mi chiedo: se a Cosenza sono convinti che con 136.500 euro li convincono ad andarsi a cercare casa altrove, non potevano darglieli tre mesi fa e risparmiare i 200.000 spesi per la tendopoli? O sono un ingenuo a farmi certe domande?

roberto.morici

Mar, 29/09/2015 - 19:12

Un investimento di 336.000 euri...

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 29/09/2015 - 19:30

HERNANDO45 PER I TUOI INTERVENTI MERITI UN PREMIO SEI SEMPRE BRAVO