Sotto il velo via l'alcol e trucchi halal

Sotto il velo, una bellezza fatta come Corano comanda. Si chiamano infatti «halal» ovvero conformi alle severe prescrizioni del libro sacro dell'Islam, i prodotti destinati a una fetta di consumatori che nel mondo sono oltre un miliardo e 300 milioni. Per questa ragione, uno dei temi caldi di Cosmoprof riguarda proprio «Bellezza Halal e Spa Muslin Friendly: etica, tradizione, lusso e bellezza pura come strumenti di attrazione del cliente musulmano». Se ne parlerà nel corso di un convegno con AnnaMaria Aisha Tiozzo, attenta conoscitrice del mondo musulmano, consulente di marketing islamico e certificazione halal di cosmetici. Sono proibiti i prodotti che possono contenere tracce di elementi inebrianti o intossicanti come per esempio l'alcool.