Spagna, libertà vigilata per il capo dei Mossos: sequestrato il passaporto

Il tribunale spagnolo ha deciso che Lluis Trapero non andrà in carcere ma gli ritira passaporto e impone l'obbligo di firma

Detenzione preventiva per i capi delle due principali associazioni indipendentiste catalane. Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, leader di ANC e Omnium cultural sono stati fermati con l'accusa di sedizione. Niente carcere, invece, per il capo dei Mossos d'Esquadra Josep Lluis Trapero. Il tribunale spagnolo ha infatti concesso la libertà al capo della polizia catalana, con alcune restrizione come il ritiro del passaporto e l'obbligo di firma ogni quindici giorni.

L'Audiencia nacional spagnola ha concesso la libertà al capo della polizia catalana Josep Lluis Trapero (nella foto al centro) ma imponendogli altre misure cautelari. A Trapero è stato infatti sequestrato il passaporto, con la conseguenza che non può lasciare il Paese, e dovrà presentarsi ogni quindici giorni dal giudice per l'obbligo di firma. La procura aveva invece chiesto la carcerazione con l'accusa per sedizione. Sul conto del capo dei Mossos pesa infatti il sospetto di aver preso parte alla preparazione del referendum per l'indipendenza della Catalogna dello scorso primo ottobre, ritenuto illegale dal Tribunale Costituzionale, e di aver messo in pericolo la sicurezza degli agenti della Guardia Civil in occasione di una manifestazione.

Commenti

Anonimo (non verificato)

maricap

Lun, 16/10/2017 - 19:49

Processo e condanna... e così sia.

umbertoleoni

Lun, 16/10/2017 - 21:48

ebbene si: la "giustizia" ha iniziato a fare il suo corso! Anche la Spagna ha la sua brava democrazia con tanto di costituzione progressista, quindi a morte i criminali che ambiscono alla propria libertà! Questo è il concetto che esprimino "le democrazie progressiste" che si oppongono alle democrazie dittatoriali come quella russa! Si proprio come la filosofia del marchese Del Grillo (tradotto dal più emblematico romanesco) : "... perché io sono io e voi son siete un caxxo...."

PEPPINO255

Lun, 16/10/2017 - 21:52

Il governo spagnolo sta facendo di tutto per provocare la guerra civile. Poteva invitare i vertici catalani ad un tavolo e discutere, anziché trincerarsi dietro qualche articolo della costituzione, ignorando il voto di circa tre milioni di catalani. Questa è gente IRRESPONSABILE e PREPOTENTE. Tutto si può risolvere, ma le minacce sono sempre una miccia.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 16/10/2017 - 22:43

Si stanno giudicando i fatti del 20 settembre scorso quando la Guardia Civil e la Fiscale che perquisivano la Consejeria Economica sono stati bloccati per 24 ore abbandonati dai Mossos che hanno fatto orecchie da mercante mentre i due Jordi riunivano i loro fans per il linciaggio e distruggevano le macchine della Guardia Civil...peccato che queste immagini non abbiano fatto il giro del mondo!!!

Ritratto di joe pizza

joe pizza

Lun, 16/10/2017 - 23:34

Questi due sono anarchici proetarra ,convinti di essere portavoce del verbo. Pericolosi e solo capaci di riempirsi la bocca della parola "democrazia "Da incarcerare e buttare la chiave, perche LA MAGGIORANZA DEI CATALANI NON SONO SEPARATISTI. Il comandante dei mossos era pochi mesi che era stato messo in quel posto di comando, chissa`perche !!!!

umbertoleoni

Mar, 17/10/2017 - 00:48

koerentia .. quindi esistono delle immagini relative alle violenze degli indipendentisti contro i poveri poliziotti spagnoli e aggregati poveri funzionari, MENTRE ERANO INTENTI AD EFFETTUARE UNA PERQUISIZIONE IN CONFORMITÀ' CON LA MAGNANIMA E LIBERTARIA COSTITUZIONE SPAGNOLA ... immagini fatte sparire "dai servizi segreti catalani" ma che che pero', fortunatamente, tu sei riuscito a vedere ? lE IMMAGINI MOSTRAVANO IL LINCIAGGIO DEI POVERI DISGRAZIATI SPAGNOLI AD OPERA DELLA GHENGA DEI GIORDI. Ma dove sono le immagini relative al loro ricovero all'ospedale per curare ferite, fratture ed ematomi provocati dal "menzionato linciaggio"? eh si: KOERENTIA O MITOMANIA ?