La Spezia, detenuto marocchino incendia cella per evitare espulsione

Il folle gesto, avvenuto in mattinata, sarebbe stato compiuto per evitare l’applicazione del decreto di espulsione a cui l’uomo era stato condannato

Voleva assolutamente evitare che venisse applicato contro di lui il decreto di espulsione previsto al momento della conclusione della pena detentiva, che stava scontando nel carcere Villa Andreino di La Spezia.

È questo il motivo che ha spinto un detenuto di nazionalità marocchina ad appiccare un incendio all’interno della sua cella, durante la mattinata. Il rogo sarebbe stato alimentato grazie a dell’olio e si sarebbe diffuso in maniera abbastanza rapida nel piccolo ambiente, costringendo i compagni di cella del responsabile a cercare scampo all’interno del bagno.

Rapido l’intervento del personale del carcere di La Spezia, che ha domato le fiamme e messo in sicurezza i detenuti che si erano venuti a trovare in pericolo a seguito del folle gesto; purtroppo, a causa dell’inalazione di fumi tossici è stato necessario, per alcuni degli agenti intervenuti, ricorrere al pronto soccorso.

Non si tratta di un caso isolato, come denuncia il sindacato Sappe sulle pagine de “Il Secolo XIX”: “Anche la sera precedente c’è stato un altro “evento critico”, che ha richiesto un intervento d’urgenza del personale di turno, quando 3 detenuti stranieri hanno dato vita a una rissa, malmenando un altro detenuto ricoverato in ospedale”. Il carcere di La Spezia, come ci tiene a segnalare lo stesso sindacato, si trova in una evidente condizione di carenza di organico: mancano all’appello almeno “40 poliziotti, mentre la popolazione detenuta risulta essere di 230 su 151 posti disponibili e il 65% è di nazionalità straniera. È ormai chiaro che è indispensabile che il nuovo governo inizi a occuparsi anche delle carceri liguri”.

Commenti

carpa1

Dom, 01/07/2018 - 08:52

Ma perchè l'espulsione deve attendere e ci dobbiamo sobbarcare pure il loro mantenimento? Fuori dalle balle subito ma non con un decreto che lascia il tempo che trova bensì coi fatti.

steacanessa

Dom, 01/07/2018 - 09:37

Clandestino delinquente, non migrante.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Dom, 01/07/2018 - 09:41

Sinceramente avrei alimentato l'incendio se aveva freddo.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 01/07/2018 - 09:56

visto che ama il fuoco fategli provare anche l'acqua...a casa a nuoto deve andare.

Massimom

Dom, 01/07/2018 - 10:40

Cara risorsa pidiota.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 01/07/2018 - 11:04

Quando provocano incendi lasciate che brucino.

Ritratto di Memphis35

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Dom, 01/07/2018 - 12:15

Questi sono i risultati d'una sinistra buonista ed ipocrita, sorretta da una magistratura calabrache...

giusto1910

Dom, 01/07/2018 - 12:40

Una parte della comunità magrebina manifesta comportamenti altamente violenti e pericolosi. Agire con fermezza e se necessita anche con qualcosa di più.

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 01/07/2018 - 13:25

Incendiano la cella? Usateli come coperta per spegnere l'incendio!!!!! certi bastardi non meritano umanità!!!!!