Spezia, medico accoltella la moglie all’addome, poi chiama i soccorsi

Ancora non si conoscono le ragioni che hanno spinto il dentista 60enne a compiere un simile gesto. Trasportata d’urgenza in ospedale, la donna si trova ora ricoverata in prognosi riservata

È finito in manette con l’accusa di tentato omicidio un 60enne di Montebello di Fondo (La Spezia), che la notte scorsa ha aggredito la moglie, pugnalandola all’addome.

Secondo quanto riferito dai quotidiani locali, è stato proprio l’uomo a chiamare i soccorsi dopo il grave episodio, avvenuto intorno alle 21:30.

Immediato l’intervento dei sanitari del 118, che hanno provveduto a trasportare d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale di La Spezia la donna, subito sottoposta ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto anche i carabinieri di Ceparana e di Sarzana, che hanno effettuato i primi rilievi e dato avvio alle indagini.

Ancora ignote le cause che hanno portato il 60enne a compiere un simile gesto nei confronti della consorte, sua coetanea. Entrambi dentisti, i due lavorano da tempo insieme in uno studio ed agli inquirenti non sono risultate precedenti denunce per maltrattamenti o violenze domestiche.

Al momento del fatto, si trovavano da soli in casa e non c’è nessuno che possa testimoniare. Sta ai militari, dunque, far luce sulla vicenda. Il coltello utilizzato durante l’aggressione è stato sequestrato, così come l’abitazione dei coniugi.

La signora, ricoverata in prognosi riservata, si trova ancora in gravi condizioni.