Spiare fa ingrassare Carabiniere risarcito

Il militare, assegnato alle intercettazioni, ha preso troppi chili. E poi era depresso. Il giudice gli concede la pensione a 52 anni

Genova Notti insonni attaccato alle cuffie nella speranza di ascoltare la telefonata che può dar la svolta all’indagine. atten­to a ogni parola, sillaba, accen­to. Ore tra sbadigli, occhi che si chiudono, sacchetti di patatine da sgranocchiare e caffè super­zuccherati per stare svegli.
Dura la vita dell’intercettato­re notturno. Dura, anzi pesante a giudicare dai chili messi su e dallo stress accumulato nastro dopo l’altro dal carabiniere. Una vita che non può continua­re così, e che pertanto, per i giu­dici, vale il diritto alla pensione immediata. A 52 anni. Con tan­to di ritocchino sull’assegno.
La sentenza del Tar di Genova è di quelle destinate a cambiare il modo di assegnare gli incari­chi a poliziotti e carabinieri. A sollevare il problema è stato pro­prio un militare dell’Arma. Gio­vane considerando gli attuali
parametri, 52 anni appena com­piuti, e teoricamente tanti ordi­ni ancora da eseguire per rende­re servizio allo Stato. Eppure an­che talmente stressato da non poter andare avanti. Tutto per colpa degli incarichi ricevuti do­po un grave incidente stradale avvenuto qualche anno fa.
Uscito dal coma solo dopo 20 giorni, M.R. aveva lentamente ripreso una vita quasi normale. Rientrato in servizio, era stato subito messo a lavorare alle tele­scriventi. Tutto bene, fino a quando un superiore non aveva deciso di completare la sua «ria­bilitazione » chiamandolo a fare il capo pattuglia nei servizi di ronda, con tanto di rischio di in­seguimenti e corpo a corpo con i
delinquenti. Un compito fatico­so, anche per un costante au­mento di peso e per condizioni fisiche non più ottimali. Così il carabiniere era passato al servi­zio intercettazioni, ma senza esclusione dei turni di notte. Inutile sperare che magari qual­che telefonata piccante potesse alleviare il peso di quel servizio psicologicamente massacran­te. Il militare si è trovato così schiacciato da quello che clini­camente è definito «disturbo dell’adattamento», che tradot­to significa depressione, stress e tutta una serie di reazioni in grado di rovinare una persona. Tanto che persino quella che prima era la classica «pancetta» da ultraquarantenne era diven­tata obesità.
Tre anni fa il carabiniere ave­va così deciso di chiedere all’Ar­ma un equo indennizzo per i problemi dovuti a cause di servi­zio. Niente da fare, la risposta era stata tassativamente negati­va.
«Usi obbedir tacendo», è il motto del corpo. E così a M.R. era stato ordinato di andare avanti. A quel punto è intervenu­to l’avvocato Andrea Bava, che ha preparato il ricorso al Tar contro la decisione della Com­missione Previdenza dell’Ar­ma. La battaglia a colpi di consu­lenze mediche è andata avanti per due anni e alla fine i giudici amministrativi si sono affidati alla perizia di specialisti del­l’Università di Genova e del­l’ospedale San Martino, che hanno dato ragione al carabinie­re. «C’è un aspetto molto impor­tante e innovativo della senten­za - spiega l’avvocato Bava - . Il Tar ha accolto il principio che per concedere l’indennizzo non è necessario che la malattia sia dovuta esclusivamente al ti­po di servizio prestato. Si parla infatti di concausa. Il fatto che l’incarico aggravi lo stress è già sufficiente». Ed è per questo che il carabiniere è stato dichiarato non idoneo a continuare il pro­prio lavoro. In pratica, è stato congedato e messo in pensione in quanto aveva già i requisiti minimi come anni di anzianità. E in pensione si godrà anche un assegno più ricco per le ore pas­sate a intercettare le telefonate altrui.

Commenti
Ritratto di mistereaster

mistereaster

Mar, 31/07/2012 - 10:40

solo in italia, porca di quella vacca, succedono queste schifezze.. ma un po' di dieta????????????? buzzicone.....

Ritratto di Aulin

Aulin

Mar, 31/07/2012 - 10:50

Massimo rispetto per l'Arma, però questo qui se doveva lavorare in miniera o in cava cosa faceva?

no b.

Mar, 31/07/2012 - 11:05

ahahahah! pur di attaccare i metodi sacrosanti con cui è stato inchiodato più volte il vostro padrone vi mettete a dire pure che le intercettazioni fanno INGRASSARE!! ahahah! colpa delle intercettazioni ora? O di uno stile di vita sedentario fuori dall'ufficio? Che schifo!!

antiquark

Mar, 31/07/2012 - 11:20

Vorrà dire che da oggi tutti i Carabinieri, Poliziotti, Vigili & C. dovranno correre almeno un ora al giorno Ci costa meno dei bambini in pensione

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 31/07/2012 - 11:55

Ennesima dimostrazione dei clamorosi privilegi che una parte degli statali, ovvero gli appartenenti alle forze di polizia, hanno e che non verrammo mai intaccati.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 31/07/2012 - 12:20

O sapeva troppo...

odifrep

Mar, 31/07/2012 - 15:01

Ho lavorato per 5 anni presso la Procura, Polizia Giudiziaria, sono salito soltanto una volta sopra alla sala intercettazioni, per rendermi conto del lavoro "opprimente". Bene ha fatto il giudice del TAR a concedergli la "libertà" a quel carabiniere. Sono persone che, credono di essere -indispensabili ed amici dei P.M.- mentre non si rendono conto che, più i giorni passano e più continuano a camminare come i "gamberi". Sono i più "chiaccheroni", infatti, parla poco l'indagato sotto intercettazione. Saluti.

curatola

Mer, 01/08/2012 - 18:23

ma non erano estinte le baby pensioni?

a.zoin

Ven, 03/08/2012 - 21:28

E chi sarebbe questo Giudice,>>>IL PADRETERNO