Stamina, il ministro Lorenzin: la sperimentazione non può ripartire

Il ministro rassicura: "Esperti internazionali nel nuovo comitato scientifico". E fa sapere: "Ho subito anche minacce di morte"

Davide Vannoni, presidente di Stamina Foundation

La sperimentazione del metodo Stamina non può ripartire. Non ha dubbi il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Intervenuta alla trasmissione Cofee Break, su La7, la Lorenzin precisa che le persone già in trattamento con il metodo Stamina negli Spedali Civili di Brescia "già per legge possono continuare con il trattamento". Quindi per loro non ci sarà alcuna interruzione. Tuttavia, ha tenuto a precisare, "la sperimentazione del metodo è cosa ben diversa e deve rispettare dei parametri". Nessuna speranza, dunque, per i malati che chiedono di potersi avvalere ancora del metodo ideato da Davide Vannoni? La Lorenzin lascia aperto uno spiraglio: "Rifacciamo il comitato scientifico e vediamo l’evolversi". E su questo punto precisa di aver "già attivato i maggiori istituti negli Stati Uniti e in Europa per avere curricula di scienziati autorevoli disponibili a far parte del comitato". Nessuna chiusura a priori dunque.

Quanto all’ordinanza di ieri del Tar del Lazio, che ha bocciato il comitato scientifico e il parere contrario alla sperimentazione del metodo, il ministro ha sottolineato che il Tar "poteva nominare periti di parte per un nuovo comitato, ma non lo ha fatto". Poi, sottolineando di "non voler entrare nel merito della sentenza", la Lorenzin ha ribadito che la sua volontà è quella di dare risposte alle famiglie: "Non si possono aspettare mesi perché ci sono persone che per le loro gravi patologie sono condannate a morte". Tuttavia, ha aggiunto, "è difficile trovare nel mondo scientifico uno scienziato autorevole che non abbia espresso opinioni".

Particolare inquietante: il ministro fa sapere di aver ricevuto anche minacce di morte. Ma nonostante la gravità dei fatti cerca di minimizzare: "Credo sia normale di fronte alla disperazione di genitori straziati dalla morte del figlio. Mi sono arrivate migliaia e migliaia di email con drammi veri. Quando una famiglia attraversa tragedie del genere, ci si deve interrogare anche sui drammi di solitudine che attraversano queste persone". La Lorenzin ha raccontato questo particolare nel colloquio "Question Time" organizzato dal think tank La Scossa. "La vicenda stamina - ha aggiunto il ministro - mi sta coinvolgendo tantissimo e mi sforzo di avere un atteggiamento terzo, perché sono il ministro della Salute". L'ultima parola passa ora agli scienziati. Com'è inevitabile che sia.

Commenti

vince50

Gio, 05/12/2013 - 11:44

Stamina oppure no,gli"Esperti internazionali"obbediscono agli ordini e di conseguenza agli interessi degli innominabili.

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Gio, 05/12/2013 - 12:08

Beatrice giuda lorenzin, per fortuna che ha fatto il salto della quaglia, è in piena sintonia con alf ano....potevano anche pigliarsi la brambilla e le sue sante bestie

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 05/12/2013 - 12:23

Prima di tutto gli interessi delle case farmaceutiche , poi la sperimentazione, infine gli ammalati. Come il cancro, chi scopre la cura?? NESSUNO? Allora o abbiamo una manica di incapaci a condurre le ricerche, oppure una manica di collusi. Dove sono finiti i.."madame Curie","Alexander Fleming", ecc.. con pochi mezzi e TANTA fame , hanno salvato l'umanità. PRIMA GLI INTERESSI DELLE CASE FARMACEUTICHE poi...Beatrice ti dispiace se scelgo io come MORIRE!!! O dovi "MANGIARE" anche sulla morte!!

Boxster65

Gio, 05/12/2013 - 12:50

Il vero problema è che purtroppo si limitano solo alle minacce, cara Lorenzin!!

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 05/12/2013 - 13:12

Questa storia di Vannoni mi fa VOMITARE. E dimostra che l'ItaGlia è davvero una repubblica delle banane MEDIOEVALE. Questo sciamano laureato in materie letterarie (quindi sul NULLA) dovrebbe essere sbattuto in gabbia per truffa e circonvenzione di incapaci, invece qui si sta anche a discutere sui 'meriti' del suo NULLA, si buttano risorse pubbliche per supportare la sua TRUFFA e si mettono a serio rischio di vita persone già decisamente debilitate. La storia di Vannoni dimostra che Galileo è morto invano e 500 anni di progresso scientifico hanno riportato l'ItaGlia ai blocchi di partenza: IL MEDIO EVO.

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 05/12/2013 - 13:40

_alb_. Allora Lei ,dalla Sua certezza, è in grado di risolvere il problema di quelle famiglie che da più di due mesi sono davanti al ministero della salute. Lo faccia al più presto!!! visto che si tratta di persone allo stadio finale della loro VITA. Altrimenti se parla SOLO perché ha la lingua in bocca .... speri che non le capiti MAI!!! qualche cosa simile a QUELLE PERSONE . Mentre Lei è in casa, al caldo, davanti ad una tastiera loro sono fuori a DICEMBRE per DIFENDERE CIO IN CUI LORO CREDONO!!!SI VERGOGNI!!!!

goliotok

Gio, 05/12/2013 - 13:44

In questa storia se c'è qualcuno che fa vomitare sono soltanto la Don Abbondio-Giuda Lorenzin e la banda dei bravi del comitato scientifico. Spero che al primo rimpasto di governo la silurino e che qualche giudice la metta sotto inchiesta. E', come la Bindi ai tempi della sperimentazione truffa del prof. Di Bella, una vergogna di ministro. Tutti i suoi predecessori, salvo pochissime eccezioni, sono sempre stati supini alle volontà di veri e propri comitati d'affari in odore di business con big pharma. E la Lorenzin ha mantenuto la tradizion.

eras

Gio, 05/12/2013 - 14:03

-alb- lei mi inquieta e ormai siamo troppo vicini al medioevo porca vacca oddiooooooooo noo ci salvi lei grande immensità culturale divino e immenso ci illumini oddiooo moio il medioevo nooooo noooooo moio

Ritratto di _alb_

_alb_

Gio, 05/12/2013 - 14:08

falso96 mi dispiace per lei che si fa prendere in giro da questa 'Vanna Marchi' della medicina, non fa che dimostrare che la scuola italiana non funziona (se mai l'ha frequentata). Già che c'è, prepari i suoi soldi anche per l'eCat di Rossi, le prenotazioni del suo miracoloso dispositivo sono iniziate.

teopa

Gio, 05/12/2013 - 14:48

spero che non succeda la stessa cosa nella tua famiglia, ma se dovesse succedere, allora sarei disposto a tagliarmi le palle se il tuo comportamento sarebbe lo stesso.

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 05/12/2013 - 14:51

_alb_: lasciamolo decidere chi è fuori dal parlamento a lottare. Non credo siano TUTTI degli allocchi come ME' e te. A scuola NON CI SONO MAI andato , non ti ricordi, eravamo insieme nel paese dei balocchi vestiti da ASINI a raccontarci TANTE BALLE SPAZIALI!!!!

Ritratto di Geppa

Geppa

Gio, 05/12/2013 - 16:20

Ma smettetela di pensare come il popolino. Questo individuo vuole brevettare e fare milioni e milioni sulla pelle della gente malata. La disperazione e' una brutta cosa ma e' preferibile affidarsi a metodi certi che non a praticoni improvvisati. Non si puo' autorizzare l'utilizzo di metodologie raffazzonate ed empiriche, vanno prima testate, se non fosse cosi' sarebbe il chaos e si tornerebbe a livello primitivo. Come se da oggi qualcuno dicesse che al posto del casco in moto funziona meglio una croce dipinta in fronte. Io vigile ti faccio la multa, prima sperimenta la croce in fronte poi si legalizza. Stamina ha qualche fondamento di verita' ed il resto e' fumo negli occhi. Questo capellone turlupinatore non ha mai reso note le cartelle e mai standardizzato i pazienti. L'efficacia e' solo in chi e' disperato, alla stregua di Lurdes.

Ritratto di Manieri

Manieri

Gio, 05/12/2013 - 19:07

Gli adoratori delle case farmaceutiche che cosa pensano, che quei poveretti che manifestano ad oltranza per essere curati con il metodo stamina siano tutti cretini? Lo fanno perché ne hanno constatato sulla loro pelle l'efficacia e non hanno bisogno di sperimentazioni addomesticate per averne la prova. Le case farmaceutiche hanno il terrore delle cure semplici, efficaci, economiche e soprattutto di quelle che escono dal controllo della loro cupola di spietati papponi.

Ritratto di scriba

scriba

Gio, 05/12/2013 - 19:15

IMPROVVISAZIONE. Quando uno diventa ministro( di qualsiasi colore) viene colpito dalla sindrome della competenza per nomina e vaneggia, straparla e sentenzia manco fosse un Nobel. E' la faccia sporca della Democrazia purtroppo.

giovanni951

Gio, 05/12/2013 - 20:42

non può ripartire? alla lorenzin è arrivato l'ordine dalle case farmaceutiche?