Staminali, accolto il ricorso: riprendono le cure del piccolo Daniele

Accolto il ricorso presentato dalla famiglia Tortorelli contro la decisione del Tar di Brescia che aveva sospeso le cure per Daniele, 5 anni e mezzo, affetto dal morbo di Niemann-Pick

I genitori del piccolo Daniele Tortorelli, il bambino di cinque anni e mezzo affetto dal morbo di Niemann-Pick, possono tornare a sperare. Il giudice del lavoro di Matera, Roberto Spagnuolo, ha accolto il loro ricorso contro la decisione del Tar di Brescia che aveva sospeso le cure con cellule staminali. Ora potranno quindi riprendere.

Il ricorso d'urgenza (ex art. 700) era stato presentato dagli avvocati Vincenzo Pizzilli del foro di Matera e Marco Vorano e Dario Bianchini del foro di Venezia. I legali avevano motivato il ricorso con la necessità di continuare le cure per il piccolo Daniele, che aveva tratto giovamento dalle prime somministrazioni di cellule staminali. Le cure erano state sospese lo scorso 5 settembre dopo la decisione del Tar di Brescia.

Commenti
Ritratto di aliberti.

aliberti.

Lun, 17/09/2012 - 13:53

le cellule staminali hanno un potenziale in termini di cura delle più svariate patologie quasi illimitato,ben venga il suo utilizzo in barba ai fondamentalisti religiosi e non...

liibalaaba

Lun, 17/09/2012 - 13:53

Meravigliosa notizia! Ora non bisogna mollare;si deve andare avanti con la ricerca in questa direzione e,sopratutto,sulla strada delle staminali totipotenti. Mandiamo affan....il Vaticano e la maggioranze trasversali di democristiana memoria. La salute innanzitutto! Con la ricerca medica in tal senso,potremmo davvero lasciare qualcosa di buono a chi verrà dopo di noi e cioè delle speranze concrete per una vita davvero migliore!

Mattro Dellanoce

Lun, 17/09/2012 - 15:44

I soliti due geni del cogito ergo sum. Sono cellule staminali ADULTE!!!!!!! Certo che anche su questo sito "froci con le ciape degli altri" se ne trovano! Matteo Dellanoce

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Lun, 17/09/2012 - 16:05

Mattro Dellanoce - ADULTE? e magari con prole...

Ritratto di pietrom

pietrom

Lun, 17/09/2012 - 16:08

Mattro Dellanoce: che siano staminali adulte o embrionali credo sia secondario. Che si usino quelle che hanno la piu' alta probabilita' di successo. E se la Chiesa ha qualcosa da dire, liberissima; nessuno pretende che negli ospedali del Vaticano si debba fare il massimo per la cura dei pazienti!

Mattro Dellanoce

Lun, 17/09/2012 - 16:29

Pietrom la differenza è che con le staminali adulte non ammazzi nessuno con le staminali embrionali si! E non è roba da poco conto.Non c'entra il Vaticano basta leggere Hayek sull'aborto per comprendere la differenza tra le due azioni. Matteo Dellanoce

Ritratto di pietrom

pietrom

Mar, 18/09/2012 - 13:00

Mattro, direi che paragonare l'uso di cellule staminali embrionali all'aborto e' un atto di disonesta' intellettuale enorme.