Strage di Erba, nuovi accertamenti: accolto il ricorso di Olindo e Rosa

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso del legale di Olindo Romano e Rosa Bazzi che chiede nuovi accertamenti scientifici, mai effettuati prima, su sette reperti relativi alla strage di Erba

Nuovi accertamenti in vista per la "Strage di Erba": la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso di Olindo Romano e Rosa Bazzi che chiedono analisi scientifiche mai effettuate prima su sette reperti.

I due coniugi sono stati condannati in via definitiva per l'omicidio di quattro vicini di casa a Erba l'11 dicembre 2006: il piccolo Youssef Marzouk, due anni, la mamma Raffaella Castagna, la nonna Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini, che aveva visto in faccia i killer. Dalla strage si salvò solo Mario Frigerio, il marito di Valeria, accoltellato alla gola, ma sopravvissuto grazie a una malformazione congenita alla carotide.

Fabio Schembri, il legale di Olindo e Rosa, aveva chiesto, con la formula dell’incidente probatorio, nuovi accertamenti scientifici, mai effettuati prima, su sette reperti relativi alla strage. Ma la sua richiesta era stata dichiarata "inammissibile" dalla Corte d’Appello di Brescia. L'avvocato, allora, aveva presentato ricorso, che è stato accolto dalla prima sezione penale della Corte di Cassazione mercoledì sera dopo una camera di consiglio.

La Suprema Corte ha annullato con rinvio l’ordinanza di inammissibilità, scrive il Corriere della Sera, e ha stabilito che la Corte d’Appello di Brescia riesamini la questione. Ora bisogna attendere il deposito delle motivazioni per capire quali siano i vizi riscontrati dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza dei giudici di Brescia e quali siano i punti da chiarire con la nuova valutazione sulla richiesta di incidente probatorio.

Gli accertamenti richiesti dal legale della difesa riguardano sette reperti non considerati: un capello, un accendino, un mazzo di chiavi, un giubbotto, un cellulare e una macchia di sangue. In particolare, le nuove analisi dovrebbero interessare un capello trovato sul corpo del bimbo, Youssef Marzouk.

Commenti

demetrio_tirinnante

Gio, 06/04/2017 - 13:41

Accolto il ricorso che però sarà - ovviamente - rigettato. Insomma, è stata comminata ai due una pesante integrazione di pena: l'illusione della speranza.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 06/04/2017 - 14:13

questi sono 2 patani molto rappresentativi sono l'esatto specchio di una certa patania di sopra .

veromario

Gio, 06/04/2017 - 14:44

ma tu guarda dove vanno a perder tempo i magistrati con tutte le cause pendenti che ci dono in Italia,con questi due infami assassini e reo confessi,cosa ce da controllare?

osco-

Gio, 06/04/2017 - 14:46

la loro faccia di patani criminali mi convince della loro colpevolezza

Ritratto di orcocan

orcocan

Gio, 06/04/2017 - 14:52

Sono ancora in attesa di nuovi accertamenti sul presunto assassinio di Alessandro Magno, Giulio Cesare, Nerone, Caligola, decine di regnanti nel medioevo e risorgimento... per finire con Giacomo Matteotti, Salvatore Giuliano (cui hanno riesumato perfino la salma) e centinaia di altri casi irrisolti negli ultimi 50 anni.

Raffaello13

Gio, 06/04/2017 - 15:06

@giovinap; razzista verso i popoli padani, ovvero che vivono nella Pianura Padana: Lombardia, Emilia, Veneto, insomma le regioni più CIVILI d'Italia che fino ad ora hanno contribuito largamente a mantenere il resto del Paese.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 06/04/2017 - 15:19

@giovinap ore 14,13. Invece di pensare ai ''patani'' pensa invece alle centinaia di assassinati che ogni anno fa la camorra nella tua terra. Quella si che é una vera tragedia nazionale. Ma tanto non c'é nulla da fare, siete fatti cosí. Non cambierete mai. Perció io anelo un distacco totale da voi: ognuno a casa propria. Poi Romano é un cognome mica tanto ''patano'', se vogliamo dirla tutta.

ORCHIDEABLU

Gio, 06/04/2017 - 15:23

CHE SCHIFO.

Mizar00

Gio, 06/04/2017 - 16:27

La domanda è : PERCHé questi reperti NON sono stati considerati prima ???

effeerre61

Gio, 06/04/2017 - 16:45

per quel che vale... Li ho sempre ritenuti INNOCENTI.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 06/04/2017 - 16:55

raffaello13 ,faccio anche a te la classifica delle 10 città più pericolose d'italia(fonte il "sole 24 ore prima")in modo che lasciate a casa la spocchia che possedete : la più pericolosa , milano ,seguono rimini, bologa , torino ,roma , genova , firenze , ravenna ,lucca e prato .

baio57

Gio, 06/04/2017 - 17:09

@ giovinap - Mai vorrei mettermi al tuo basso livello ,ma guarda un po'cosa scopro : il padre di Olindo era di origini Pugliesi .....

osco-

Gio, 06/04/2017 - 17:14

per ottimoabbondante: dato che sei il classico patano ignorante, ti rammento che l'Italia è stata costituita tramite rapine e furti con scasso ad opera di circa 1000 ladroni settentrionali comandati a distanza da massoni piemontesi. Per cui aria, viaaaa, chi diavolo aspettate?

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 06/04/2017 - 17:23

baio57 , per colpa di gente come te la padania è diventata patania , sei di un minimalismo intellettuale...intellettuale ? volevo dire celebrale . per metterti al mio livello devi salire 10 piani : olindo è un tuo simile !

ziobeppe1951

Gio, 06/04/2017 - 17:48

GiovinaPatana...ecco la classifica (quella vera)...Le 10 città più pericolose d'Italia..1) Napoli 2) Salerno 3)Benevento 4)Avellino 5) Caserta 6) Pozzuoli 7)Ercolano 8) Aversa 9) Torre Annunziata 10) San Giorgio a Cremano

baio57

Gio, 06/04/2017 - 18:01

@ giovinap - Chi ha portato la discussione sul minimalismo intellettuale sei proprio tu fenomeno . Comunque sia, il padre di Olindo era PUGLIESE !!!!!!!

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 06/04/2017 - 18:08

ziobeppe , se passo per la valle brembana dove stai , mi fermo per farti vedere il clarinetto .

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 06/04/2017 - 18:10

egregi censori , grazie della collaborazione e buona sera .

dakia

Gio, 06/04/2017 - 18:10

Non sono buonista, specialmente in delitti tanto efferati che più tali sono stragi, ma non mi ha mai convinto il fatto che questi due possono aver compiuto tali misfatti. Mi rifaccio anche alla testimonianza del defunto Frigerio che in primis (tutti ricorderanno)dichiarò di non aver distinto l'uomo che lo accoltellò poiché la casa era invasa fin sul pianerottolo dal fumo.poi una volta sanato accusò l'Olindo con sicurezza, cosa fu paura da parte sua in quanto resosi conto dei veri responsabili? ma i morti oramai non possono parlare e l'accusa fu troppo rapida per i due.

edo1969

Gio, 06/04/2017 - 19:09

effeerre61, infatti come dici tu non vale un ca§§o

Ernestinho

Ven, 07/04/2017 - 06:48

Ma è mai possibile che delle belve possano sempre trovare "azzeccagarbugli" pronti a difenderli? Non lo faranno per facile fame di notorietà?

albifinax

Ven, 07/04/2017 - 09:09

Finalmente, una piccola speranza verso il ripristino della verità! E ancora una volta ripeto a tutti quelli che insultano Olindo e Rosa a prescindere: informatevi prima di sputare sentenze, prendetevi la briga di leggere le carte e ascoltare gli interrogatori e le intercettazioni, fate lavorare il cervello e poi vedremo se sarete ancora dell'idea di ironizzare sui 2 presunti mostri...