Stretta della Libia sulle Ong: ​"Vietati i salvataggi in mare"

Tripoli mette nel mirino le navi straniere che ora dovranno tenersi a centinaia di chilometri dalle acque territoriali libiche

E anche dal fronte della Libia arriva una stretta sul fronte dei salvataggi da parte delle navi delle Ong a largo delle coste di Tripoli. La Marina libica di fatto ha vietato qualunque operazione di salvataggio da parte di navi straniere ben oltre le 12 miglia nautiche delle acque territoriali. A deciderrlo è stato il governo di unità nazionale guidato da Fayez al Serraj. Questa decisione impedirà alle navi delle Ong di intervenire non solo nelle acque territoriali libiche ma si dovranno tenere ad una distanza di centinaia di km dalla costa. A dare la notizia il generale Abdelhakim Bouhaliya, comandante della base navale di Tripoli di Abu SiTta che ospita anche lo stesso premier Serraj: la Libia ha "istituito ufficialmente una zona di ricerca e salvataggio (SaR) nella quale nessuna nave staniera avrà il diritto di accedere salvo una richiesta espressa alle autorità libiche" che dovranno poi concedere la loro autorizzazione caso per caso. Un portavoce della Marina libica ha chiarito che il provvedimento è stato adottato esplicitamente "per le Ong che pretendono di salvare i migranti clandestini sostendendo che si tratta di un’azione umanitaria". "Vogliamo inviare un chiaro messaggio a tutti coloro che violano la sovranità libica e mancano di rispetto alla Guardia Costiera e alla Marina", ha aggiunto il portavoce della Marina, il generale Ayoub Qassem.

Commenti

Royfree

Gio, 10/08/2017 - 22:24

E' finita la cuccagna per i traditori e parassiti. Ora dovranno andare a zappare la terra sti schifosi.

istituto

Gio, 10/08/2017 - 22:45

È finito il MAGNA MAGNA e poi i CLANDESTINI verranno riportati in Libia. Bene bene bene...La Libia sta facendo quello che dovrebbe fare il nostro governo cioè di difendere i nostri interessi e la nostra libertà ed identità.E poi quando ci sarà il CENTRODESTRA al Governo le cose cambieranno decisamente.

Ritratto di alichino

alichino

Gio, 10/08/2017 - 23:10

Se e' vero e speriamo lo sia,assistetemo allo strappamento di capell accompagnato dalle strida piu disperate e forsennate dello intero fronte cattocomuradicalschik pro ong, pro risorse e pro invasion

ambidestro

Gio, 10/08/2017 - 23:14

volontari tutti a casa, dai che la mamma vi prepara i bastoncini di pesce

billyjane

Gio, 10/08/2017 - 23:24

Quando si dice avere i cabasisi tosti.

ioiome

Gio, 10/08/2017 - 23:37

Ke la Libia avesse ragione e tenere lontane le ONG ?

Ritratto di Kjitt

Kjitt

Ven, 11/08/2017 - 03:53

ricreazione finita!!!!!!

Iacobellig

Ven, 11/08/2017 - 06:20

UN PO' TROPPO TARDI, DOPO CHE PER ANNI HANNO FATTO GUADAGNARE MILIONI AGLI SCAFISTI E COMPAGNI, COOPERATIVE ROSSE COMPRESE!

mstntn

Ven, 11/08/2017 - 08:33

Centinaia di esperti di sinistra tra politici e giornalisti corrono da una trasmissione all'altra in TV da mattina a sera, per predicare accoglienza. Ora che faranno?

carpa1

Ven, 11/08/2017 - 09:30

Dovranno tenersi ben oltre il limite delle acque territoriali libiche. Perché altrimenti che fanno: li affondano? Speriamo che almeno loro siano in grado, vogliano ed abbiano le palle per farlo. Certo, ne basterebbe almeno una per far capire anche alle altre che è ora di prendere per i fondelli il mondo intero e, soprattutto, l'Italia. Oltretutto sarebbe una bella lezione per questi governi di debosciati.

mannix1960

Ven, 11/08/2017 - 09:41

Bene, tutte quelle navi battenti BANDIERE OMBRA ora su quali traffici saranno riconvertite?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 11/08/2017 - 09:44

Ed ora il servizio taxi a domicilio chi lo fa più?

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Ven, 11/08/2017 - 09:50

E sarebbe anche ora che la Libia cominciasse a preoccuparsi delle proprie frontiere.

meverix

Ven, 11/08/2017 - 09:57

Chisà che i libici non si facciano rispettare, quelli sparano senza pensarci due volte.

venco

Ven, 11/08/2017 - 10:03

Riprovo: i libici hanno più a cuore il blocco dell'immigrazione e la nostra sicurezza che noi stessi che la subiamo. Siamo in mano a politici e clero massoni antipopulisti, che significa nemici del popolo che rappresentano.

aitanhouse

Ven, 11/08/2017 - 10:06

forse i libici si son resi conto che non possono diventare il terminal di tutta l'africa dal momento che anche quel popolo di pecoroni addormentati stanno cercando di bloccare gli ingressi sul loro territorio, quindi bisogna dare un segnale di stop . A proposito, senza tante storie, cari libici, voi che avete le mani libere, non avete i soliti imbecilli radical shic,non avete toghe rosse che remano contro, prendete le navi delle ong , requisitele e trasformatele per le vs esigenze.

Cheyenne

Ven, 11/08/2017 - 10:46

speriamo bene, ma ci credo poco

Jesse_James

Ven, 11/08/2017 - 10:46

Magari, ma calma! Innanzi tutto vista la complessità della Libia di oggi occorre vedere se la Marina libica sarà in grado di mantenere ciò che annuncia. Poi, anche se funzionasse, gli scafisti non rinunceranno tanto facilmente ai loro guadagni. Si riorganizzeranno come una volta con i barconi al posto dei gommoni, in modo da essere in grado di percorrere i circa 100 km dove le ONG li aspetteranno a braccia aperte. Bisognerebbe distruggere tutti i barconi in legno che le Autorità trovassero vicino le spiagge, allora sì che si può fare.

Ritratto di alichino

alichino

Ven, 11/08/2017 - 10:52

Che faranno? Fatta la legge troveranno l'inganno: partirano dalla Libia torme di (presunti) minori non accompagnati in modo che il fronte mediatico dei buoni e giusti possa gridare all'infanticidio con strida altissime, inducendo il governo ad una precipitosa calata delle braghe del ns. con quanto ne consegue

CidCampeador

Ven, 11/08/2017 - 11:09

era ora

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Ven, 11/08/2017 - 11:12

Questa la differenza tra la civiltá libica e la barbarie mafiosa italica.

CidCampeador

Ven, 11/08/2017 - 11:13

i buonisti pensano che possano risolvere i problemi del mondo!!!! spero un giorno arriveranno a comprendere la gravita' del danno procurato a tutta la nazione

19gig50

Ven, 11/08/2017 - 11:23

E se qualcuna tentasse di entrare affondatela con tutto l'equipaggio.

UgoCal

Ven, 11/08/2017 - 11:25

Era ora che qualcuno prendesse un'iniziativa seria e concreta. L'amarezza è che siano stati i libici dimostrando quale pochezza ci sia in UE. Bravi i libici

handy13

Ven, 11/08/2017 - 11:49

...ma ci prendono in giro.?...finiamola di chiamarli salvataggi.!!! è un normale traghettare, solo che il biglietto lo pagano a dei delinquenti di scafisti, che magari si comprano le armi...

Holmert

Ven, 11/08/2017 - 11:58

"Fusse ca fusse la vorta bbona"! Diceva un noto attore comico e non solo. Ci voleva Minniti, un comunista togliattiano, per smuovere le acque, è il caso di dire. La Libia se dice alle ONG, di tenersi alla larga dalle sue coste,fa sul serio,perché quelle sanno che se ci vanno, vengono prese a mitragliate ad altezza d'uomo. E nessuno avrebbe da ridìre, perché in Libia non c'è la canea cattocomunista con i centri sociali al seguito ed i cortei accoglientisti. E soprattutto non c'è Cecco Beppe che predica di fare venire frateliii e soreleee,tutti figli dello stesso padre. Io sono sicuro che le ONG si terranno ben alla larga. Mica stanno in Italia?

crane111

Ven, 11/08/2017 - 12:18

mi sembra improbabile si tratti di centinaia di km. sarei curioso di sapere quale è il vero limite oltre le acque libiche

investigator13

Ven, 11/08/2017 - 13:00

la pacchia è finita, anche per le coop rosse e associazioni dedite al commercio degli schiavi. La visita di Macron in Libia doveva in qualche modo penalizzare l'Italia dando più visibilità a Haftar più vicino alla Francia. Invece è servita solo a Al Serraj di prendere coscienza quanto sia intollerabile che lo schiavismo passi in terra libica. Una considerazione: Obama si serviva di Terry per esplorare le tensioni in medio oriente sbagliando sempre. Macron uomo di Trump pare sulla stessa linea.