Studente morto in gita, spunta un messaggio in chat: "Così Domenico è volato giù"

Una chat di Whatsapp trasmessa a Chi l'ha visto: "Si fa tenere per le braccia e vola giù. Gli amici non hanno detto nulla a nessuno e son tornati in stanza"

"Se ti racconto cos’è successo ieri mattina in hotel non ci credi". Il messaggio risale a martedì 12 maggio. È stato inviato il giorno dopo il ritrovamento del cadavere di Domenico Maurantonio, lo studente di Padova trovato morto la mattina del 10 maggio a Milano dopo essere precipitato qualche ora prima dalla finestra del quinto piano dell’Hotel Leonardo dove era ospite con la classe per una visita ad Expo. Quello che segue nella chat del telefonino è drammatico, violento e allarmante. Perché viene raccontata, come se nulla fosse, la morte del ragazzo.

La conversazione su Whatsapp riguarda Maurantonio, anche se il suo nome non compare mai. La schermata è stata resa pubblica a Chi l'ha visto. Un anonimo testimone, probabilmente presente la notte in cui il ragazzo è morto, ha scritto tutto quello che è successo in un messaggio. "L’altra sera dei ragazzi di una scuola di Padova son venuti da noi in hotel... di notte si sono ubriacati da fare schifo e hanno deciso di fare degli scherzoni sui corridoi dell’hotel. il “migliore” di questi scherzi - si legge nel messaggio - è stato defecare per il corridoio del quinto piano... non contento, uno di questi per fare il figo decide di mettersi sul cornicione per farla dalla finestra... quindi si fa tenere per le braccia dagli amici e ad un certo punto vola giù. Morto. Gli amici non hanno detto nulla a nessuno e son tornati in stanza...". E l'altro, in tutta risposta, ride: "Ahahahahahah".

Chi ha diffuso questo messaggio, secondo gli investigatori, "non è un testimone diretto dell'accaduto, né ha saputo indicare un testimone diretto. Ha raccolto un pettegolezzo e lo ha diffuso sui social network e su whatsapp", ha dichiarato il dirigente della squadra mobile Alessandro Giuliano. L'investigatore ha puntualizzato che chi ha scritto è stato ascoltato come testimone e ha detto che "lui non ha avuto percezione diretta di questa ricostruzione e che nessuno che lui sappia indicare ha avuto percezione diretta di questa ricostruzione. Non abbiamo trovato nessuno nemmeno che ci dica "l'ha visto mio marito, mio cugino...". Giuliano ha, inoltre, puntualizzato che dai telefoni dei compagni di scuola del 19enne "non è emersa alcuna foto che permetta di stabilire se il segno trovato sul braccio del ragazzo fosse presente già prima della gita".

Intanto è emerso che mutande e pantaloncini del 19enne sono stati trovati accanto al suo cadavere. Un elemento che sembrerebbe andare nella direzione della goliardata tra compagni di classe finita tragicamente.

Commenti

SanSilvioDaArcore

Gio, 21/05/2015 - 09:39

I giovani d'oggi sono proprio dei cxxxxxxi, bisognerebbe ritornare alle bastonate...

Beaufou

Gio, 21/05/2015 - 10:02

Spero che sia una bufala, anche se ho molti dubbi.Se è andata così, la "maturità" di questi studenti lascia esterrefatti. Mai avrei pensato che si arrivasse a tal punto di indifferenza, incoscienza e cinismo, anche tenendo conto degli effetti dell'alcool.

Paul Bearer

Gio, 21/05/2015 - 10:17

Probabilmente è proprio quel che è successo con buona pace dei genitori che sono sempre arcisicuri che "il mio bambino" è quello che non beve,non si droga,non ruba,non pesta,non stupra,ecc... Ah! Core de mamma!

linoalo1

Gio, 21/05/2015 - 10:22

Ed alla fine salterà fuori che è stato un gioco,o meglio,una bravata,finita male!E che,quasi sicuramente,non era solo e che,gli amici presenti,tengono la bocca chiusa solo per paura delle conseguenze!Una enorme paura!Chiunque,al loro posto,avrebbe fatto lo stesso,specialmente a quell'età!

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 21/05/2015 - 10:25

I ragazzi approfittano delle uscite scolastiche per liberarsi dalle loto frustrazioni(?) e dare il peggio di sè. Questi erano maggiorenni! Dunque, per insegnar loro qualcosa, bisognerebbe vietare le cosiddette gite scolastiche di 'istruzione'.... intanto una famiglia, ancora una volta, piange il suo figliolo!

buri

Gio, 21/05/2015 - 10:30

è questa la gioventù formata daòòe scole. e poi dove eramo gli accompagnatori? ad ubriacarsi anche loro? troppo permissivismo e niente disciplina, ecco il risultato, forse si dovrebbe tornare al servizio di levaobbòigatorio per tutti maschi e femmine con una disciplina ferrea, così forse imparerebbero a vivere da èersone civili

rigadritto

Gio, 21/05/2015 - 10:36

Provo tantissimo dolore per i genitori del ragazzo. Vorrei solo dire loro che di stupidaggini in gioventù ne abbiamo fatte tutti tante, chi più chi meno. Il sottoscritto per esempio. Ma nessuno meriterebbe di perderci la vita. Un abbraccio con tutto il cuore al papà e alla mamma. E che Maurantonio riposi in pace.

magnum357

Gio, 21/05/2015 - 10:49

Noncuranti dei pericoli.............

Marlo

Gio, 21/05/2015 - 10:52

Tra il serio e il... serio, che fine di mer**a che ha fatto quel povero ragazzo. Dio lo abbia in gloria.

Blueray

Gio, 21/05/2015 - 11:15

Al di là della notizia che mi ha veramente basito, e che, se vera, appare allucinante in tutta la sua freddezza, rimane il fatto della pochezza delle nuove generazioni, del vuoto cosmico dei loro valori fino a quello della vita stessa, della deresponsabilizzazione e dell'incapacità a diventare uomini veri. Famiglie e scuola hanno fallito

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 21/05/2015 - 11:57

Noncuranti dei pericoli, magnum357? Direi piuttosto senza alcun rispetto per nessuno e tantomeno del lavoro degli altri. Pensa solo agli addetti alle pulizie dell'hotel... Ma loro erano in gita e avevano voglia mdi divertirsi, uno scherzo finito in tragedia... Tragedia? Mah.

Zizzigo

Gio, 21/05/2015 - 12:03

Mio padre, per molto, ma molto meno, m'avrebbe giustamente preso a cinghiate! Oggi vengono educati secondo il manuale no global?

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Gio, 21/05/2015 - 12:41

Puzza di bufala (e anche di qualcos'altro) lontano un miglio...

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Gio, 21/05/2015 - 12:42

Zizzigo - Anche mia madre, se avessi solo risposto male alla zia, si toglieva la ciabatta e mi faceva le chiappe rosse. Io ho cercato di educare i miei figli così, senza esagerare per non rischiare una denuncia perché oggi si usa così.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Gio, 21/05/2015 - 12:46

Ma voi ci pensate ad essere uno dei camerieri di quell'albergo e dover raccogliere la mxxxa di quattro ubriaconi nel corridoio? O se per caso uno va all'expo e capita nello stesso albergo di 'sti deficenti? Se ero io un vicino di stanza forse farlo volare dal 5° piano no, ma due schiaffoni non glie li pxxxonava nessuno!

Klotz1960

Gio, 21/05/2015 - 12:52

Mi dispiace per questo poveretto. I giovani sono giovani, ma certo, non c' una sola foto in cui abbia una espressione appena normale

magnum357

Gio, 21/05/2015 - 13:11

Denuncia penale per tutti i compagni per omicidio e sospensione dalla maturità con perdita dell'anno scolastico mi sembra l' atteggiamento più appropriato da considerare !!!!!!!!!!

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Gio, 21/05/2015 - 13:37

>cangrande 17< Bufala o no sta di fatto che il ragazzo è effettivamente volato dalla finestra!! Quello che si evince dalla chat è quanto di più probabile sia successo.In anni lontani sono stato anche io studente in gita formativa e gli scherzi erano all'ordine del giorno pur senza arrivare ai limiti di quanto è descritto nel messaggio!!!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 21/05/2015 - 14:11

Ragazzi la testa non è una brocca per pesciolini rossi.Ancora condoglianze alla famiglia.

roseg

Gio, 21/05/2015 - 15:10

chi è causa del suo mal pianga se stesso...Queste sono le future classi dirigenti ahahah ridiamoci su.

roseg

Gio, 21/05/2015 - 16:08

magnum357-- Denuncia penale per tutti i compagni per omicidio e sospensione dalla maturità con perdita dell'anno scolastico mi sembra l' atteggiamento più appropriato da considerare !!!!!!!!!! Ma va a ciapà i ratt, secondo te i compagni lo hanno obbligato a cagare fuori dalla finestra???

emigrante

Ven, 22/05/2015 - 00:33

Le gite scolastiche sono da sempre più "distruzione" che d'istruzione. Quando, a 13 anni, tornai dalla mia prima, ebbi la fortuna che mio padre mi trovò in tasca un pacchetto di sigarette. Erano altri tempi, la cinghia non serviva soltanto a sostenere i calzoni, e fu così che da allora l'unico fumo che inalai fu quello passivo. Un paio di giorni fa, in servizio con il 118, andammo a prelevare un giovane Americano che, ubriaco fradicio come tutti i coetanei assieme a lui, era caduto da un muretto su cui era accoccolato, procurandosi una profonda ferita sopraccigliare. Era tarda sera, e il gruppo era giunto in Italia solo quello stesso pomeriggio. Gite buone per spolpare il già magro portafoglio di papà, alimentare il turismo, consumare spinelli e alcoolici, tentare qualche avventura al sicuro dai genitori (delle ragazze). Storia ed Arte fanno da comodo paravento...

Dordolio

Ven, 22/05/2015 - 07:25

Con tutto il rispetto mi colpisce il tono saccente di un sacco di commentatori (evidentemente "di età") che hanno dimenticato i loro tempi. Da giovani si commettono bestialità e superficialità incredibili o addirittura crimini. Ma ce ne siamo veramente dimenticati tutti? Solo che allora l'informazione era solo riservata ai giornali (che celavano molti fatti), non si cercava l'audience e esisteva solo la RAI, completamente asettica e sterilizzata.