Stupro al Cara di Bari, preso 21enne nel Salernitano

Arrestato in Campania un 21enne nigeriano ritenuto membro della gang che nel maggio dello scorso anno violentò una connazionale di 24 anni

Stupro al Cara di Bari, arrestato l’ultimo presunto componente della gang. È finito in manette a Eboli, in provincia di Salerno, un 21enne nigeriano. L’uomo è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile della Questura del capoluogo pugliese, coadiuvati dai colleghi di Salerno.Lo straniero è accusato di aver preso parte allo stupro di gruppo che si verificò nel mese di maggio dello scorso anno, nel centro di accoglienza per richiedenti asilo a Bari, ai danni di una giovane loro connazionale di 24 anni.

La gang, composta da cinque persone tra cui il 21enne, fece irruzione nel modulo che ospitava la ragazza. Armati di coltello, rafforzati dalla convinzione del branco, costrinsero la ragazza a subire un rapporto sessuale senza alcun consenso. Ci volle molto tempo, alcuni mesi prima che la 24enne straniera trovasse il coraggio di denunciare quanto aveva avuto a subire.

Il giovane finito in manette nel Salernitano era già fuggito alla cattura a ottobre quando a finire in manette furono gli altri quattro membri della gang, uomini tra i 21 e i 37 anni, uno dei quali già detenuto in carcere perché ritenuto responsabile dell’omicidio di un connazionale avvenuto l’8 maggio dello scorso anno.