Stx France, i cantieri appetito di Fincantieri

Stx France fa parte di una compagnia molto più grande, la Stx Europe attiva nel settore delle costruzioni navali

Il caso della trattativa tra Stx France e Fincantieri agita e non poco la politica e il governo. La società francese fa parte di una gruppo molto più vasto, la Stx Europe che opera nel settore delle costruzioni navali. Controlla il 50,01% dei Chantiers de l’Atlantique a Saint-Nazaire dove scorre la Loira. L'azienda era sotto controllo di una società sudcoreana, ora in fallimento: negli ultimi anni ha accumulato un rosso di bilancio a causa della contrazione della domanda globale.

Anche Stx France, come Fincantieri, vanta una lunga e prestigiosa carriera: già nella seconda metà del diciannovesimo secolo, Saint-Nazaire, porticciolo con meno di 1.000 abitanti, i cantieri erano attivi grazie all’ingegno dello scozzese John Scott, direttore del sito navale Greenock. Nel 1864, offre all’imperatrice Eugenia, la prima nave di dimensioni eccezionali per l’epoca. Nei decenni, i cantieri di St-Nazaire hanno sviluppato una serie di progressi tecnologici, tra cui la produzione di navi sempre più veloci, segnando anche battute d’arresto significative: nel 1945, durante la seconda guerra mondiale, l’infrastruttura viene distrutta al 45%. Un decennio dopo, diventano di nuovo operativi. Negli anni Ottanta, si rafforzano nel mercato delle navi da crociera, ma proseguendo l’attività anche nel comparto di quelle militari. Nel 2008 vengono acquisiti dal gruppo sudcoreano Stx business, che dà luogo a StX Europe. Conta 2.500 addetti.