In Sudafrica il primo trapianto di pene

A 4 mesi dall’intervento, nel paziente di 21 anni è stata certificata la piena funzionalità del nuovo pene

Medici in sala operatoria in ospedale

In Sudafrica ha avuto successo il primo trapianto di pene. A quattro mesi dall’intervento nel paziente di 21 anni, che aveva subito l’amputazione dell’organo in seguito ad una circoncisione, è stata certificata la piena funzionalità del nuovo pene. Secondo quanto riferisce l’emittente britannica Sky News, l’operazione è avvenuta lo scorso dicembre al Tygerberg Hospital. In passato altri interventi simili non erano a andati a buon fine e non era avvenuto il recupero da parte del paziente che in questo caso è stato molto rapido: quattro mesi contro i due anni previsti.

"C’è un grande bisogno di questo tipo di interventi in Sudafrica dove molti giovani perdono il loro pene ogni anno in seguito alle complicazioni dovute alla circoncisione tradizionale", ha detto il professor Andre van der Merwe, che ha guidato l’equipe. L'intervento è stato realizzato a un giovane di 21 anni sudafricano. L’operazione, la prima al mondo portata a termine con successo, è durata 9 ore ed è stata realizzata dall’équipe del Tygerberg Hospital di Cape Town.

"L’intervento è avvenuto lo scorso dicembre - riporta The Guardian - e oggi il ragazzo ha riacquistato le funzioni urinarie e sessuali". In Cina nel 2006 c’era stato un tentativo di trapianto di pene, ma il nuovo organo era stato rimosso dopo due settimane.