L'immigrato pestava la moglie ma per le toghe può stare in Italia

La sentenza del Tar della Lombardia, che riabilita un extracomunitario africano al quale era stato negato il rinnovo del permesso di soggiorno

Gli era stato negato il rinnovo del permesso di soggiorno per aver pestato la moglie: ora, però, un immigrato africano si è visto dar ragione dal Tar della Lombardia. I giudici, infatti, hanno condannato il ministero dell'Interno (al pagamento delle spese legali), e hanno dato il via libera alla concessione dei documenti all'extracomunitario.

Sia nel 2017 che nel 2019, il Viminale non aveva accordato il rinnovo delle carte e nell'ultimo caso aveva intimato al migrante di abbandonare il territorio italiano nel giro di quindici giorni. Vista la decisione del dicastero, la Questura di Milano aveva rigettato la richiesta di riottenere i documenti da parte dell'uomo, condannato nel 2014 per violenza domestica.

Ora, il ribaltamento. Il Tribunale amministrativo lombardo ha statuito che all'epoca dei fatti chi di dovere non prese in giusta considerazione il procedimento di riabilitazione del cittadino africano confermato dalla relazione di un'assistente sociale di San Donato. Un report nel quale il soggetto viene considerato affidabile e impegnato in un piano di integrazione sociale e lavorativa.

Ecco, allora, la decisione del Tar, che gli ha accordato il permesso di soggiorno, condannando il ministero dell'Interno al pagamento delle spese legali.

Commenti

Tip74Tap

Lun, 09/09/2019 - 15:36

Una barzelletta senza fine....

Anonimo51

Lun, 09/09/2019 - 15:42

Queste sono le notizie che ti rifocillano lo spirito : sapere che un energumeno immigrato picchia la moglie e viene graziato dalla giustizia italiana perche' un non ben specificato assistente sociale riporta che il tizio e' "affidabile ed impegnato in un piano di integrazione sociale e lavorativa". E per quanto sopra e' autorizzato a picchiare la moglie? Questa e' una vergogna assoluta!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 09/09/2019 - 15:56

C'è stata la presa della Bastiglia. A quando la presa dei tribunali italiani?

dagoleo

Lun, 09/09/2019 - 15:57

abbiamo visto a Bibbiano la serietà professionale della media delle assistenti sociali italiane. c'è proprio da aver fiducia

dagoleo

Lun, 09/09/2019 - 16:05

siamo alla follia più totale. di questo passo verremo travolti.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Lun, 09/09/2019 - 16:05

La bestia andrebbe affidata congiuntamente al giudeice del TAR ed all'assistente sociale che ha steso la relazione.

leopard73

Lun, 09/09/2019 - 16:05

E se pestavano le vostre mogli come sarebbe andata!!!!

dot-benito

Lun, 09/09/2019 - 16:18

I SOLITI TOGATI DI ME..A

Divoll

Lun, 09/09/2019 - 16:21

La riforma del potere giudiziario (e di un certo numero di leggi) diventa sempre piu' necessaria.

sr2811

Lun, 09/09/2019 - 16:29

in Italia ci sono due metodi di giudizio il primo condanna il secondo assolve, penso che uno sia di troppo...

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Lun, 09/09/2019 - 16:32

medaglia al valore no?

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Lun, 09/09/2019 - 16:41

E' la sua Cultura! Possono picchiare selvaggiamente, le mogli, i controllori sui treni, la polizia, i carabinieri. E' la loro Superiore Cultura! Integriamoci.

Una-mattina-mi-...

Lun, 09/09/2019 - 16:45

NON SIA MAI CHE L'ITALIA RINUNCI A COTANTA "RISORSA", AMBITA DAL MONDO INTIERO!!

dallebandenere

Lun, 09/09/2019 - 16:45

Quindi il TAR,che dovrebbe occuparsi degli aspetti amministrativi della barzelletta,entra nel merito e stabilisce che qualcuno "non prese in giusta considerazione il procedimento di riabilitazione" del cittadino africano.E giù spese legali per il gratuito patrocinio,per la riabilitazione della incalcolabile risorsa,per le spese processuali e perchè no,per un futuro risarcimento in sede civile.Mentre i contribuenti italiani,che pagano tasse per stipendiare questo carrozzone immondo,attendono per una sentenza TAR anche 7-8 anni.Maledetti.

ricktheram

Lun, 09/09/2019 - 16:45

scusate ma le femministe dove sono? quelle che sbraitano per i diritti con le tette di fuori dove sono? le quote rosa dove sono? kyenge? bonino? c'e nessuno??

Una-mattina-mi-...

Lun, 09/09/2019 - 16:46

SOLITO REPORT FASULLO: NE HO VISTI A DECINE, E' UNA PRASSI SCANDALOSA MA DIFFUSISSIMA. IO POTREI FARE UN ROSARIO DI NOMI E COGNOMI, DATE E INDIRIZZI

Abit

Lun, 09/09/2019 - 16:49

Andate a raccontarlo in Africa, miei cari Magistrati : vi faranno neri (gli occhi)!!!

Abit

Lun, 09/09/2019 - 16:50

A calci nel sedere va preso anche l'assistente sociale!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 09/09/2019 - 18:09

certo è tutto normale, ma la colpa è anche vostra babbei comunisti grulli e legaioli: negando il voto a berlusconi, si è negata la riforma della giustizia, e gli effetti sono questi! contenti? non lamentatevi :-) volevate stupri, condanne ingiuste, delinquenti a spasso, porcate mafiose senza fine.... è quello che vi ha promesso la sinistra!

seccatissimo

Lun, 09/09/2019 - 22:21

Se e quando verrà riformata la nostra magistratura, sarà sempre troppo tardi ! Nel frattempo l'azione prevalentemente anti italiana dei magistrati avrà completato la distruzione dell'Italia e l'annientamento degli italiani !