Michele Misseri condannato a tre anni per calunnia e diffamazione

Vittime l'avvocato difensore dello stesso Misseri, Daniele Galoppa e la criminologa Roberta Bruzzone

Una nuova condanna per Michele Misseri, zio di Sarah Scazzi, già condannato in via definitiva a otto anni per soppressioe di cadavere. Ora il contadino di Avetrana, il Comune in provincia di Taranto dove il 26 agosto del 2010 venne uccisa Sarah, è stato condannato ad altri tre anni di reclusione.

Le accuse sono di calunnia e di diffamazione ai danni della criminologa Roberta Bruzzone che si occupò del caso e dell'avvocato difensore di Michele Misseri, Daniele Galoppa. Misseri, affermò, durante la trasmissione l'Arena condotta da Massimo Giletti, di essere stato spinto dai due a incolpare la figlia Sabrina dell'omicidio della cugina.

Oltre allo zio di Sarah, alla sbarra c'erano anche l'ex giornalista di Mediaset (oggi assessore della Regione Liguria) Ilaria Cavo e l'avvocato Fabrizio Gallo. La Cavo è stata assolta dall’accusa di diffamazione. Era stata accusata di aver rilanciato in televisione le accuse di "zio Michele". L’avvocato Gallo, invece, secondo quanto si legge su "urbanpost.it", è stato condannato a una multa di 800 euro.