Tele, caffè e corpi nudi Al Fuorisalone l'arte è ovunque

I designer e gli artisti si sbizzariscono tra body e live painting

Al Fuorisalone l’arte trova posto ovunque. Non solo quadri e sculture, ma anche corpi e macchine del caffè. Il design non significa solo mobili, arredamento e istallazioni, ma si coniuga con ogni forma di espressione artistica. Zona Tortona, fulcro della Milano design week, venerdì 11 ha proposto due appuntamenti all’insegna della pittura. Dove essa trovi posto, non ha importanza. Quasi un “Happening” artistico, il live painting ha preso forma in due evnti che hanno radunato attorno a loro centinaia di spettatori. Il primo, in ordine di tempo, è avvenuto tra via Bergognone e piazza del Rosario dalle 12.30 alle 15.30 e dalle 18.00 alle 22.00. Matteo Arfanotti ha dipinto quattro modelle, facendo del loro corpo una tela. Il tutto accompagnato da dj set e musica fino a tarda sera. Matteo, world body painting champion 2013, ha spiegato che per dipingere l’intero corpo della modella occorrono circa sei ore e che la pittura su corpo si interseca bene col mondo del design perché in futuro l’arte non avrà più luoghi definiti. In via Tortona l’arte non ha limiti, né di luogo né di forma, tanto che finisce su espressi e cappuccini. Nescafè ha presentato in anteprima nazionale la macchina del caffè limited edition decorata dal pittore di fama internazionale Billy the Artist. In stile Keith Haring, l’evoluzione della moka presenta coloratissimi motivi geometrici mischiati a occhi e volti. Per l’occasione, l’artista, presente al Superstudio, si è esibito in un live painting sotto gli occhi di molti curiosi, che hanno assistito dall’inizio alla fine alla coinvolgente creazione di un’opera d’arte fatta sul momento, a ritmo di musica. L’esuberante Billy ha stupito il pubblico in quella che si potrebbe definire una danza della creazione, che richiama alla mente le performance di alcuni tra i più grandi artisti del Novecento.