La tempesta devasta la Sardegna: 16 morti, devastazioni e dispersi

Allagamenti, frane e black-out: il ciclone Cleopatra mette in ginocchio l'isola. In 24 ore la pioggia di sei mesi. Oltre 2.700 sfollati. Il Papa: "Pagate per le vittime"

Una tragedia senza precedenti ha messo in ginocchio la Sardegna. Il bilancio è in continuo aggiornamento. Dopo che è stato ritrovato vivo uno dei due dispersi, l’alluvione in Sardegna ha provocato 16 vittime. Un uomo manca ancora all’appello. Tredici i morti nella provincia di Olbia; due in quella di Nuoro, dove vi è anche l’unico disperso; una vittima, infine, nella provincia di Oristano. Oltre 2.700 sfollati, strade e appartamenti allagati per l'esondazione di fiumi, intere zone rimaste senza corrente elettrica. E ancora: pesanti disagi alla circolazione stradale e ferroviaria, ritardi nei collegamenti aerei e marittimi, decine di scuole chiuse. È il pesante bilancio dei danni causati dal ciclone "Cleopatra" che, in queste ore, sta attraversando il Mar Mediterraneo. Il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato d'emergenza e ha immediatamente stanziato 20 milioni di euro per far fronte ai danni causati dalla tempesta.

Una vera e propria strage. Dopo un lungo colloquio telefonico con il presidente del Consiglio Enrico Letta, il capo della Protezione civile Franco Gabrielli ha convocato urgentemente a Roma il Comitato operativo per affrontare l'emergenza che in queste ore ha messo in ginocchio la Sardegna. In Sardegna, in 24 ore è scesa una quantità di pioggia pari alle precipitazioni di sei mesi, con punte di 450 millimetri nella zona di Orgosolo (Nuoro) in 12 ore. Il dato è stato fornito dal capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, secondo il quale con quantitativi di pioggia simili non ci sarebbero territori al riparo. Tutta la zona orientale, da Villagrande sino ad Arzachena ha registrato, secondo la Protezione civile, valori fra 250-400 millimetri. "Il sistema di allertamento nazionale ha fatto il suo dovere. È strato un evento eccezionale, chi ha lanciato false accuse ne risponderà", ha dichiarato Gabrielli. Che poi ha minimizzato le polemiche sull'allrme dato in ritardo ritardi: "Sono affermazioni che lasciano il tempo che trovano, destituite di ogni fondamento perché l’Italia dal 2004 ha un sistema di allertamento codificato". Il governatore Ugo Cappellacci ha, infatti, raggiunto subito la Gallura per effettuare un primo sopralluogo nelle zone più colpite. Regole per interventi rapidi e stanziamento di fondi per l’emergenza sono state, invece, approvate dal Consiglio dei ministri convocato da Letta per affrontare i gravissimi danni, umani e materiali, dovuti a "Cleopatra". "La prima cosa è salvare le vite umane, prestare assistenza e ripristinare la viabilità principale - ha spiegato il premier - siamo di fronte a un dramma di proporzioni incredibili perché in ventiquattr'ore è piovuta una massa d’acqua equivalente alle precipitazioni di un anno intero in quella zona". Durante il Consiglio dei ministri, che ha decretato lo stato di emergenza, è stato deciso anche lo stanziamento immediato di 20 milioni di euro. "Si tratta di una cifra per l’immediato - ha assicurato Letta - non riguarda tutto il lavoro di ricostruzione per cui ci vorranno le stime".

"Una tragedia immane - ha commentato Cappellacci - in questo momento solo un dolore immenso". La prima vittima è una donna di 64 anni, Vannina Figus, trovata morta nella sua casa allagata a Uras (in provincia di Oristano), uno dei centri più colpiti dal maltempo. Il marito, invece, è stato tratto in salvo ed è stato ricoverato all’ospedale "San Martino" di Oristano in ipotermia. Proprio a Uras, decine di famiglie sono state evacuate e hanno trascorso l'intera notte nella palestra comunale. La stessa misura d'emergenza è stata applicata nella vicina Terralba, dove gli sfollati hanno raggiunto quota 800. Un’anziana 90enne è stata trovata morta nella sua casa allagata a Torpè (in provincia di Nuoro). Un agente della Polstrada è, invece, morto per il crollo di un ponte a Dorgali, sempre nel Nuorese. Sterminata anche un'intera famiglia di brasiliani residente ad Arzachena: il seminterrato nel quale abitavano è stato sommerso da tre metri d’acqua e tutti gli occupanti (padre, madre e due figli di 16 e 20 anni) sono rimasti intrappolati morendo annegati. Tutte in Gallura le altre sei vittime. A Olbia sono morte madre e figlia, che si trovavano a bordo di una Smart, travolta dalla furia dell’acqua a pochi chilometri da Bandinu. Il marito della donna, un poliziotto, che si trovava con loro, è invece riuscito a salvarsi. L’altra vittima è una donna anziana, morta nella sua abitazione in via Lazio. Tre morti anche in un incidente stradale causato dal crollo del ponte sulla provinciale Olbia-Tempio, all'altezza di Monte Pino. Marito, moglie e suocera sono stati trovati privi di vita all’interno di un furgone finito sotto il ponte. "Profondamente commosso dall’immane tragedia che ha colpito la Sardegna - ha commentato papa Francesco - chiedo a tutti di pregare per le vittime, specialmente per i bambini".

Dalla scorsa notte piogge incessanti e raffiche di scirocco fino a 100 chilometri all’ora hanno messo in ginocchio tutta la regione. Oltre alla Gallura, Ogliastra, Oristanese e Medio Campidano sono state pesantemente colpite dal passaggio di Cleopatra. La furia dell’acqua ha causato danni ingenti anche alle aziende agricole, mentre le strade rurali sono spazzate via dai torrenti in piena. Nelle campagne sono stati rinvenuti centinaia di animali morti. La tempesta ha, infine, causato anche pesanti disagi nei trasporti. Mentre sulla zona si abbatteva un violento acquazzone, all’aeroporto di Cagliari-Elmas, due aerei dell'Alitalia provenienti da Roma e Milano, un Ryanair proveniente dal Belgio e un Meridiana da Bologna non sono riusciti ad atterrare a causa della scarsa visibilità, per i fulmini e i campi magnetici a bassa quota. La nave Tirrenia che sarebbe dovuta partire da Civitavecchia per Cagliari si è vista costretta a rimandare di un giorno la partenza, mentre il treno Olbia-Chilivani con a bordo 18 viaggiatori, è rimasto fermo alcune ore a causa dell’esondazione del torrente Enas che ha allagato la stazione.

Mappa

Commenti

michetta

Mar, 19/11/2013 - 11:31

Questi, purtroppo, sono i tragici momenti in cui si vede il famosissimo "AMORE VERSO IL PROSSIMO TUO" ! Noi, tutti, dovremmo sensibilizzare i media ed i capi carismatici messi in quella posizione dal Popolo, ad iniziative per alleviare, almeno un pochino, le sofferenze di questi poveri Sardi, colpiti da cataclismi impossibili da prevedere! Loro, adesso, sono il nostro prossimo! A loro, dovrebbe e deve essere rivolto tutto il nostro pensiero! IL GIORNALE, si faccia subito iniziatore di raccolta aiuti per i nostri amici Sardi. Lo vogliamo, lo chiediamo, lo auspichiamo. E' così che gli Italiani, si debbono sentire! Accomunati da un unico pensiero: aiutare gli amici Sardi, che in q

Mario-64

Mar, 19/11/2013 - 11:32

Se qualcuno ancora si ostinava a mettere in dubbio i cambiamenti climatici puo' mettersi l'animo in pace. In un giorno e' caduta la pioggia di sei mesi ,decisamente c'e' qualcosa che non va'. Io , che abito al nord ,quest'anno ho acceso il riscaldamento il 7 novembre ,quando in Sicilia ancora facevano il bagno in mare...

michetta

Mar, 19/11/2013 - 11:32

..., che in questo momento, soffrono le pene dell'inferno. Auguri a tutti voi e che Dio vi assista!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 19/11/2013 - 12:46

UNA BELLA ACCISA SUI CARBURANTI, TABACCHI E GIOCHI A PREMIO PER FAR FRONTE AI SARDI, CORAGGIO ITALIANI UNA VOLTA INTRODOTTE QUESTI BALZELLI NON VENGONO MAI TOLTI ALCUNI DI ESSI RISALGONO ALLA GUERRA MONDIALE, GLI ITALIANI DIMENTICANO E SI ABITUANO A PAGARE, L'UE NE SA QUALCOSA E SE NE APPROFITTA

YNGWIE83

Mar, 19/11/2013 - 12:51

Grazie Michetta.

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Mar, 19/11/2013 - 12:57

Spero almeno che da questo male, si possa intervenire in modo da dare l'opportunità ai sardi, di ricominciare a sperare. Ho sentito Cappellacci su videolina parlare di un rilancio del interesse turistico, anche in aree con vincoli assurdi imposti dall'europa grassa, che hanno sino ad ora immobilizzato l'isola, proprio nel turismo che è l'unico settore dove si può riporre speranza...dove ho io la casa, per costruire un abitazione a quattro km dal mare, servono trentamila metri di terra e per utilizzare un edificio esistente ad uso ricettivo turistico, serve la stessa superficie è tutto bloccato, immobile! Serve a gonfiare l'incompetente ego di sedicenti ambientalisti, che amano vedere la sardegna selvaggia per quindici giorni l'anno, mentre i sardi tirano la cinghia e non sono più padroni di niente, neanche a casa loro!

diodemerf

Mar, 19/11/2013 - 13:31

Sicuramente qualche verde dirà che è tutta colpa dell'uomo che inquina e i tutti i vari blablabla sui cambiamenti climatici ed annunci catastrofici. Avrà pure piovuto ma, probabilmente, se avessero fatto pulire i tombini dalle foglie e dall'immondizia accumulata durante l'estate forse tutto sto casinò sarebbe stato molto ma molto meno dannoso. Saluti

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Mar, 19/11/2013 - 13:37

Il...mio cuore colpito a morte ringrazia...MICHETTA...questa mia gente di poche parole non parla di se...non dice se canta,se ride, se muore...io lo so!! con LEI mi sento uguale in libertà...giovane e tanto antica...MIA MADRE TERRA!!!!!! GRAZIE!!

mar75

Mar, 19/11/2013 - 13:59

@diodemerf: ma non dica stupidaggini per evitare di ammettere che c'è qualcosa che non va nel clima. Se in poche ore cade la pioggia di 6 mesi non ci sono tombini che tengano. Ieri mattina alle 7 a Cagliari mi ha svegliato la pioggia fortissima, unita a grandine e vento, faceva impressione. In Sardegna il 5 novembre si poteva ancora andare al mare e fare il bagno....tutto normale?

lamwolf

Mar, 19/11/2013 - 14:00

La mia famiglia vicina alle famiglie colpite dai lutti e dalle devastazioni. Il clima è decisamente cambiato e i nostri governanti negli ultimi due decenni hanno abbandonato i territori e le attività di contenimento per far fronte alle calamità naturali. Inoltre i tagli hanno fatto si che ogni anno saranno decine le situazioni gravi dovute al maltempo. Che si ritorni ad avere cura del territorio 20 milioni stanziati per i soccorsi. Se ne avevano spesi 10 in questi anni per salvaguardare le zone più propense ad essere colpite avremmo risparmiato la metà dei denari pubblici.

FRANCOSANNA

Mar, 19/11/2013 - 14:10

forse non è il momento giusto per fare polemiche, ma mi chiedo, se negli USA 81 tornado hanno fatto 8 morti e qui un ciclone 18 morti, il dubbio che un pò di responsabilità umana esista. condoglianze a tutti i familiari.

Ritratto di dbell56

dbell56

Mar, 19/11/2013 - 14:11

Quando la natura si scatena con tutti i suoi elementi non c'è cosa che l'uomo possa fare! Sono addoloratissimo per l'ardua prova a cui il popolo sardo è sottoposto in queste ore di tragedia e le mie più profonde condoglianze per le persone che ci hanno lasciato a causa di questi infausti eventi.

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Mar, 19/11/2013 - 14:22

VERO...VERISSIMO.ciò che afferma MAR75...io stessa, mi sono immersa nelle splendide Acque di Stintino...Noi fortunati finora ...a Sassari l'abbiamo scampata...ma piango la vittime; bimbi in primis!! FORZA TERRA MIA...CE LA FAREMO ANCORA...tra aromi di erba e rosmorino!!! TI AMOOOOOO!! GRAZIE!!

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Mar, 19/11/2013 - 14:30

in 24 ore la pioggia di sei mesi? Certo, ma di quelli estivi, quando non piove mai. Quante pirlate si sentono. Si imparasse a costruire dove il buon senso e la tradizione dicono e a non arginare e "disciplinare" i torrenti.

FRANCOSANNA

Mar, 19/11/2013 - 14:46

BIASINI non è una pirlata... se ti colpisce una goccia d'acqua al giorno non ti asciughi nemmeno, se invece ti colpisce un secchio d'acqua tutto insieme ti dovrai almeno cambiare i vestiti o no? l'esempio era più o meno questo tanto per farti capire, per la seconda parte del tuo discorso, sono anche d'accordo con te

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 19/11/2013 - 14:50

Se il Capo della Protezione Civile fosse stato Bertolaso, per l’alluvione in Sardegna si sarebbe scatenato l'inferno, con la conseguente richiesta di immediate dimissioni, per la mancata all'erta sulle pessime condizioni meteo. Siccome, però, Bertolaso è stato estromesso da quel ruolo con una infamante campagna stampa, a dirigere il baraccone della protezione Civile è stato prescelto Franco Gabrielli, una autentica nullità, però ben voluto dalla cialtrona sinistra italiota. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Spero, pertanto, che i sardi inondino di denunce le varie Procure competenti per OMICIDIO PLURIMO E DISASTRO PREMEDITATO!!!

Lino1234

Mar, 19/11/2013 - 14:50

#maxmello e Maxi1969. Scommetto che siete stati voi due ad insegnare a Berlusconi e ad Agnelli come si fa a costituire società di livello economico mondiale che danno lavoro a decine di migliaia di lavoratori ed allo stesso tempo versano allo Stato fior di miliardi di tasse e contributi. Invece , con i vs. commenti vi qualificate di una incultura di dimensioni galattiche. Voi, proprio voi, pretendete di dare lezioni a Berlusconi al quale basta il dito mignolo del piede sinistro per subissarvi culturalmente. Dovrete rassegnarvi : Silvio è più forte e riuscirà ad abbattere il tempio comunista, liberando l’Italia. W Sillvio. Saluti. Lino.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mar, 19/11/2013 - 14:58

@Marina58 - Unisco il mio ai messaggi di solidarietà al popolo sardo.La tua bella immagine di erbe e rosmarino è evocatrice dei profumi della tua terra.Saluti.

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Mar, 19/11/2013 - 14:59

So perfettamente...che Sardi, in questo Giornale a me caro, sono pochi o addirittura...assenti, in quanto quasi tutti nordici alcuni del sud...pugliesi,siciliani, napoletani...ma un minimo di vicinanza, almeno virtuale...per quanto conti, sarebbe opportuna!! dove son finite...la varie EUTERPE, LE NADIE...così, leste ed acute, non che pregne di sentimento e profondità...virtuale???? per non citare altri...sui quali stenderei un velo pietoso!! chiedo venia per lo sfogo, ma quando ce vo ce vò!! GRAZIE E BUON PROSEGUIMENTO A TUTTI...non che buona fortuna; augurandovi...ogni bene!! GRAZIEEE!! ed un grazie come sempre alla sensibilità de il Giornale ed ai suoi giornalisti!!

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Mar, 19/11/2013 - 15:14

@EUTERPE...son stata severa con te...in un precedente commento che spero sinceramente non venga pubblicato; a volte mi faccio prendere la mano, dalla troppa fretta e dalla sensibilità, che aimè... mi appartiene e che non posso non mostrare...son fatta così...prendere o lasciare!! GRAZIE TESORO...per le tue parole e per la vicinanza graditissima...che scalda il cuore affranto...vedessi i lecci, il mirto che sono... ed il profumo di selvaggio...così fragrante e vero...da perdersi!!! un abbraccio sentito Marina. GRAZIEEEEEE!!

FRANCOSANNA

Mar, 19/11/2013 - 15:24

mentre il ministro orlando legge in tv i suoi dati statistici, qui continua a piovere ininterrotamente da parecchie ore, speriamo bene...

berserker2

Mar, 19/11/2013 - 15:48

Noi però, inteso come il nostro governicchio, mi raccomando, preoccupiamoci del tifone nelle filippine, alla ricerca dei 10 italiani imbecilli che hanno deciso, a loro rischio e pericolo, di andarci in vacanza. Abbiamo già stanziato milioni di euro, e inviato aiuti, medicinali e tutti i cavoli che se li fregano, tanto mica sono soldi della bonino o di letta, sono soldi nostri, dopo che ci hanno fatto sopra la cresta e detratto i loro stipendi parlamentari, la bella figura internazionale non ce ne possiamo privare. Intanto in Italia non ci sono più soldi per niente. Non si fa più manutenzione, quella che impediva a montagne, colline di smottare, o a boschi di prendere fuoco, o a fiumi di straripare, o a voragini di aprirsi. Non ci sono più fondi e si lascia tutto al caso e alla speranza che non succeda nulla. Al massimo poi, dopo che la tragedia è avvenuta, riparare i danni e a volte nemmeno quello. Non ci sono più soldi per riparare scuole che crollano sulle teste dei nostri ragazzi, o ponti che crollano, o strade che smottano. Non ci sono, perchè buttiamo soldi dalla finestra e li utilizziamo per "l'accoglienza" di clandestini senza arte nè parte. "Risorse" sempre più proterve e arroganti che pesano sulla spesa pubblica, ovvero su tutti noi. Miliardi di euro all'anno (e l'esatto ammontare ancora non ce lo dicono) che sono un pozzo senza fine. Non si può fare una previsione di spesa, perchè se di clandestini ne arrivano 100 la spesa è una, se ne arrivano 1000 (e grazie a questo governicchio imbelle di clandestini ne stanno arrivando sempre di più) la spesa ovviamente è un altra. E posto che i fondi non ci sono, indovinate dove li vanno a prendere sti soldi e a scapito di chi. CARI MODERATORI, lo pubblicate per favore. è il mio punto di vista

linoalo1

Mar, 19/11/2013 - 15:57

Ora ci saranno le polemiche perchè,i soliti Intelligentoni,diranno che si potea evitare!Si,è vero se qualcuno avesse previsto e saputo calcolare il comportamento dei corsi d'acqua di fronte ad una pioggia che in un giorno scarica l'equivalente di 6 mesi!E se,invece,la pioggia dispettosa,scaricasse in un giorno l'equivalente di 1 anno o più,a chi si dovrebbe dare la colpa?E' un po' come prevedere l'intensità di un terremoto!Forse,un domani,si riuscirà a prevedere l'evento,ma l'intensità credo che sia molto difficile!E così,per tutti gli eventi naturali!Stolto è,chi crede di poter conoscere la Natura!Lei fa quello che vuole,quando e come vuole!Senza nessuna legge logica!E noi,purtroppo,dobbiamo subire passivi!Dobbiamo solo sperare di non essere colpiti durante le sue manifestazioni e che colpisca solo agli altri!Lino.

linoalo1

Mar, 19/11/2013 - 16:22

Perchè,voi giornalisti,puntate sempre sulle emozioni?Forse,i bambini,nelle catastrofi non debbono morire?Se fossimo d'acciaio,potrei capirlo!Ma,visto che siamo di carne e siamo nati per morire,basterebbe dire solo il numero delle vittime!Ci penseranno i loro cari a piangerli e soffrire!Per noi,estranei,è solo una notizia che,domani,non ricorderemo più!Lino.

Ritratto di giuliocapilli

giuliocapilli

Mar, 19/11/2013 - 16:51

Tutta la mia solidarietà al popolo sardo. Vediamo se le istituzioni intervengono con decisione come a Lampedusa!!

FRANCOSANNA

Mar, 19/11/2013 - 16:57

sento il meteo di sky e dicono che ha smesso di piovere, ma qui nel centro sardegna è da più di 6 ore di fila che piove di brutto. anche se ha smesso a olbia, non è detto che non ci sia pericolo da altre parti. ragazzi sempre all'erta mi raccomando...

Giorgio5819

Mar, 19/11/2013 - 16:59

Per prima cosa solidarietà a tutta la Sardegna. Poi,però,mi viene da pensare che, in tutta Italia, dissesto idrogeologico,incuria,incapacità di controllo,abusi edilizi,abbandono delle campagne e dei boschi,lassismo sui controlli preventivi al momento di rilasciare concessioni edilizie (o peggio tresche) qualche cosa hanno prodotto. E poi, se penso che la maggior parte delle volte qualche genio ci racconta che tutte queste carenze sono dovute a mancanza di fondi, mi chiedo perchè mai dobbiamo continuare a spendere i nostri soldi per la sporca macchina degli aiuti internazionali e lasciare allo sfascio la nostra terra e chi la abita. Servono soldi? basta frignare con la solita storiella delle spese per il ministero della difesa, cominciamo a chiudere le frontiere a chi ci sta invadendo e rapinando ogni giorno e dirottiamo quelle risorse (soldi nostri) per riassestare un territorio che scricchiola da tutte le parti. 40 euro al giorno per ogni immigrato clandestino...stop per dieci anni a questo scempio e vediamo se con quei soldi riusciamo afar vivere più sicuri gli ITALIANI.

Marioga

Mar, 19/11/2013 - 18:37

Un maltempo eccezionale (NON killer) associato ad amministratori del territorio che non hanno mai fatto nulla in termini di sicurezza e ambiente fa vermente grossi danni. Ogni anno si registrano disastri in Sardegna ed in altre regioni d'Italia, passata la tempesta (in senso letterale e figurato) non salta mai fuori nessun responsabile. La Sardegna meriterebbe molto di più ma con le teste che stanno al potere è solo un sogno.

diodemerf

Mar, 19/11/2013 - 18:42

Mio caro mar75 anche da me ha fatto il finimondo ma nunseallagato niente. Chissà perchè??? Il buon Dio ha voluto risparmiare la mia città??Lo ringrazio. Se le fa piacere credere che l'uomo sta modificando il clima è liberissimo di farlo nessuno le impedirà di crederlo.Saluti... piovosi

YNGWIE83

Mar, 19/11/2013 - 18:43

@Biasini, l'esempio di @francosanna è perfetto. Si fidi, è piovuto come non mai. Che poi, si sia costruito dove non si dovrebbe (Olbia sino a 50 anni fa era un borgo di pescatori, abitavano nei paesi limitrofi molto più in alto e non perchè gli Olbiesi fossero "ingenui" ma perchè sapevano benissimo che lì, in quella porzione di territorio, un immenso alveo, era un suicidio. Ma ripeto, ciò che è piovuto ieri non ha precedenti. Qui a Tempio è piovuto veramente tanto ma grazie al cielo non ha fatto danni, ma le notizie da parenti e amici di Olbia erano allunicanti. Mi creda, le immagini non danno l'idea della disgrazia e di ciò che è venuto giù. Ps. Il dato che sia piovuto in una giornata ciò che fa in sei mesi è frutto di un calcolo molto semplice. Le precipitazioni annue in Gallura sono di 900/950 mm. Ieri ne sono venuti giù 450. Saluti.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 19/11/2013 - 19:08

MI CHIEDO MA CONTRO GLI SCIACALLI NON C'E UNA GUARDIA NAZIONALE COME IN usa CHE SPARANO A VISTA MENTRE STANNO RUBANDO?

odifrep

Mar, 19/11/2013 - 19:31

"Così la Sardegna fa fuggire i turisti" - 1 anno 3 mesi fa ho commentato quest'articolo:""""""""""" Per mancanza di "tempo" solo all'età di 57 anni, cioè l'anno passato, ho avuto il piacere di toccare la meravigliosa terra sarda, esattamente, Porto San Paolo (OT), piccola località turistica e a misura di persone normali. Ho visto Porto Cervo e la lussuria degli stranieri. La gente del luogo è affabile e cortese -nel vero senso della parola- è pur vero che l'eccezione conferma la regola, però in prevalenza, è rispettosa. Personalmente, sono dell'avviso che, la Sardegna debba essere un pò "cara". Per la pulizia, l'ospitalità, per i servizi resi al turista del ceto medio-discreto, il rapporto qualità-prezzo, è ottimo. Volendo dire la mia opinione sulla lamentela di quel signore che, col cane, barca e resto, avanza pretese -soggettive ed opinabili- sul territorio con manodopera italiana, sinceramente sembra che voglia "sputare in chiesa". Concludo, specificando che : sono pensionato dello stato, vivo in Lombardia e quest'anno -DIO permettendo- ho prenotato un B&B a La Maddalena ove dal 26 al 3 sett. respirerò aria italiana. P.S. Il termine "tempo" per il mio vocabolario, significa "denaro". Saluti."""""""". Oggi, in questo triste e mesto evento non posso fare altro (se non rinnovare la mia stima ad un popolo che si nutre di DIGNITA') che confermare quel pensiero espresso tempo addietro. Ho attraversato quel benedetto ponte a Dorgali, sono stato a Sassari, a far visita ad un amico. Sono napoletano e, qui a Bergamo, ove risiede, conosco più sardi che miei compaesani, così come a Lecco. Mi associo al commento dell'amico michetta che, più di qualche volta ci siamo incontrati col medesimo commento. Non posso che inviarvi un forte abbraccio, fratelli sardi, senza le mie problematiche di famiglia, sarei corso in aiuto.

Anselmo Masala

Mar, 19/11/2013 - 20:10

michetta:da cittadino Sardo ti ringrazio per le tue parole di solidarieta'ed il tuo appello commovente a favore dei miei conregionali,in questo momento non mi viene niente di meglio che esprimerti piena Gratitudine per la tua sensibilita' che ti fa' tanto onore. Saluti

Anselmo Masala

Mar, 19/11/2013 - 20:12

Dragon_Lord:non mi sembra il momento non credi??

Ritratto di inserraglio

inserraglio

Mar, 19/11/2013 - 20:46

Da friulano legato alla vostra terra desidero augurarvi tutto il bene possibile e la forza di risollevarvi da q

daniele66

Mar, 19/11/2013 - 20:56

@ Luigi.Morettini Concordo al 100 %. grande Bertolaso,l'ha dimostrato in molte occasioni. Un errore ENORME averlo mandato via. Ora piangiamo e piangeremo per gli errori di una sinistra vergognosa,ma a loro poco interessa....

bluprince

Mer, 20/11/2013 - 00:26

All'indomani del terremoto dell'Aquila, quel trombone di pseudo geologo del CNR - non erano passate nemmeno 24 ore! - se ne uscì con una sparata da lasciare annichiliti gli ascoltatori: "Invece di spendere miliardi per il ponte sulla Stretto di Messina - sbraitò, più o meno, ma sicuramente con la bava alla bocca - perchè non si costruiscono case con criteri antisismici!". Ecco, domando, come mai, di fronte al disastro della Sardegna, non si è ancora fatto vivo con un'altra intuizione geniale??? Perchè questa volta è difficile incolpare Berlusconi, visto che, di fatto, non conta più un fiammifero?

Baloo

Mer, 20/11/2013 - 01:16

Italiani lavorate di più e dite meno fregnacce. E lasciate lavorare in pace la Protezione civile. Naturalmente a ragliare si sollevano i più somari! Qui tutti si vogliono fare beli sulle disgrazie altrui: Vergogna!

Ritratto di nero60

nero60

Mer, 20/11/2013 - 07:43

CHISSA' SE IL GOVERNO DEL DIRE FARE BACIARE PROCLAMERA' IL LUTTO NAZIONALE??????