La tentazione di Matteo: restare al potere per battere Craxi

Più si avvicina il D-day, più diventano insistenti le voci secondo cui Matteo Renzi non sarebbe poi così deciso a lasciare Palazzo Chigi in caso di vittoria del No (purché, ovviamente, i numeri non siano impietosi). Anzi, ormai da qualche giorno, diversi degli interlocutori con cui il premier ha parlato ipotizzano che si stia convincendo a restare in sella, così da poter gestire la difficile transizione che accompagnerà il Paese alle elezioni nel caso la riforma venga bocciata. Le ragioni sarebbero diverse, alcune più valide e altre meno. Anche se, racconta un parlamentare che a Palazzo Chigi è di casa, una di quelle che più fa presa su Renzi è la voglia di salire sul podio dei governi più longevi della Repubblica, scalzando al terzo posto un mostro sacro come Bettino Craxi.

D'altra parte, che il leader del Pd a certi dettagli tenga molto è cosa nota. Il traguardo è ormai ad un passo, visto che proprio ieri il suo governo ha staccato il tagliando dei 1.013 giorni di crociera: solo 80 meno dei 1.093 del primo esecutivo Craxi, metà Anni Ottanta. L'obiettivo sarebbe quello di arrivare almeno al 19 febbraio 2017 e piazzarsi al terzo posto. Davanti a quel punto resterebbe solo Silvio Berlusconi, che occupa i due gradini più alti del podio: il suo secondo esecutivo, dal 2001 al 2005, è durato 1.412 giorni; il Berlusconi IV, dal 2008 al 2011, 1.287. «È difficile, ma se vince il Sì - si è lasciato andare il premier in alcuni colloqui privati - arriviamo a scavalcare Craxi e saliamo sul podio». Il che non sarebbe solo un dettaglio per i maniaci delle statistiche, ma la certificazione di quanto Renzi - nonostante la sua giovane età - abbia già inciso sulla politica.

Ragionamenti che lasciano supporre una certa sua inclinazione a venire incontro alle richieste del Quirinale nel caso dalle urne dovesse uscire vittorioso il No. Dopo l'altalena dei mercati e una serie di appelli alla responsabilità, Renzi si farebbe per così dire «convincere» a restare, in modo da guidare la transizione. E qui sta il punto. Record di longevità a parte, l'aria che si respira ormai da settimane nel Pd è quella del redde rationem. E se la riforma venisse bocciata per il premier non sarebbe affatto facile parare i colpi. Il fatto che uno prudente come Dario Franceschini non si faccia problemi a definire Renzi un «irresponsabile» nei capannelli di deputati dem in Transatlantico dà la misura di quanto le cose vadano precipitando. Il timore è che il cappello di segretario Pd potrebbe non essere sufficiente a Renzi per difendersi dall'assalto interno. Mentre continuando a sedere a Palazzo Chigi avrebbe più facilità di manovra. E molta meno ne avrebbero i suoi oppositori - non solo Franceschini, ma anche il Guardasigilli Andrea Orlando - che, continuando a ricoprire i rispettivi incarichi, farebbero fatica a sparare apertamente sul «loro» premier.

Commenti

Duka

Ven, 02/12/2016 - 08:31

Vuole fare l' "UOMO PUBBLICO" ma pensa solo a se stesso. Ora si mette in gara con il defunto Craxi? Ma dove ha il cervello?

audionova

Ven, 02/12/2016 - 09:03

battere craxi?ma chi e' craxi?

un_infiltrato

Ven, 02/12/2016 - 09:06

Deve andare a casa. E' stato capace di mettere in piedi un'operazione reazionaria molto pericolosa, un sovvertimento della democrazia, a partire dal disprezzo dichiarato del Parlamento. Un attentato all'ordine costituito di cui bisogna avere consapevolezza. Una volgare escalation perpetrata da un manipolo di traditori della Patria che vollero consegnarci ai Poteri Forti per arrivare a sottrarci definitivamente perfino la libertà di pensiero. Una campagna elettorale, senza precedenti nella Storia della Repubblica, cominciata male e che finisce peggio. All'insegna dell'arroganza e dell'inganno.

carpa1

Ven, 02/12/2016 - 09:53

E' in cerca del grande slam visto che tutti gli altri record possibili li ha già stracciati: disoccupazione più alta, tasse in costante aumento, debito pubblico alle stelle e che non si ferma, balle stratosferiche, numero esagerato di viaggi inutili e pagati dai contribuenti, comparse in TV limitate solo dal fatto che la giornata è di 24 ore e, da ultimo, l'antipatia per antonomasia impersonata proprio degli arroganti fiorentini parlanti.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 02/12/2016 - 10:05

Renzi ci tradisce tutte le volte che imbarca un migrante. Chi tradisce una volta lo fa anche una seconda. VOTARE NO è' d'obbligo per chi vuole fermare l'invasione.

mrdarker10

Ven, 02/12/2016 - 10:21

Renzi deve andare a casa! Votate No. Un italiano all'estero

VittorioMar

Ven, 02/12/2016 - 10:31

...se dovesse vincere il "No",il NOMINATO non essendo più né UTILE né INDISPENSABILE ,è giusto che si faccia da parte;la transizione sino alle elezione(SPERIAMO)la potrà gestire uno qualunque!!..SI PRESENTI ALLE ELEZIONI che probabilmente VINCEREBBE!!

wotan58

Ven, 02/12/2016 - 10:38

interessante. Bel termine di paragone si è scelto, il governo di uno dei peggiori sinistri della storia italica che, Tangentopoli a parte, ci ha "regalato" l'esplosione del debito pubblico che ha massacrato l'Italia e di cui pagheremo le conseguenze per altri decenni. D'altra parte reati penali a parte sta agendo sulla stessa linea... non certo a caso, la matrice ideologica è quella. Una ragione in più per cui Renzi dovrebbe vergognarsi e levare per sempre il disturbo.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Ven, 02/12/2016 - 10:48

Vedere la presunzione di questo omino, che nemmeno è stato eletto, osare paragonarsi a Craxi sulla durata del governo e non sulla sostanza di ciò quanto quel ruolo rappresenti, è davvero disarmante. Craxi avrà certamente avuto i suoi difetti, ma allora l'Italia era differente, contava qualcosa. Un esempio: sequestro Achille Lauro e la "notte di Sigonella"... quando anche l'America fece un passo indietro davanti all'Italia. Un altro esempio: l'odierna crisi dei migranti, con 500.000 sbarchi e qualche centinaio di ricollocazioni. Penso che ogni commento sul confronto di questi due uomini di stato sia assolutamente superfluo! (Sono stato bravo, non bannatemi please...)

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 02/12/2016 - 11:34

Forse,fonzie, vuol ricevere un numero maggiore di...monetine, non si accontenta mai!!

carpa1

Ven, 02/12/2016 - 12:04

E' in cerca del grande slam visto che tutti gli altri record possibili li ha già stracciati: disoccupazione più alta, tasse in costante aumento, debito pubblico alle stelle e che non si ferma, balle stratosferiche, numero esagerato di viaggi inutili e pagati dai contribuenti, comparse in TV limitate solo dal fatto che la giornata è di 24 ore e, da ultimo, l'antipatia per antonomasia impersonata proprio degli arroganti fiorentini parlanti