"Terroni" contro Salvini: ​è lotta tra gli scrittori

La sfida tra gli scrittori pro e contro Matteo Salvini: il napoletano Maurizio De Giovanni e il milanese Fabrizio Carcano sui due fronti opposti

Scrittori contro. Anzi in questo caso pro o contro Matteo Salvini.

Il leader leghista spacca in due il mondo del giallo e del noir contrapponendo due tra i più noti giallisti nostrani, il napoletano Maurizio De Giovanni, l’autore de ‘I Bastardi di Pizzofalcone’, e il milanese Fabrizio Carcano, l’autore de ‘Gli Angeli di Lucifero’, contrapposti nella più classica delle divisioni, tra sud e nord. Una disfida che potrebbe consumarsi sul terreno di Pontida e il giorno precedente tra gli stand del salone milanese del libro.

De Giovanni non ha mai nascosto la sua antipatia per il leader leghista, lo ha criticato per la sua manifestazione dello scorso 11 marzo a Napoli, lo ha persino paragonato al ‘traditore’ Higuain, e adesso, insieme ad altri artisti napoletani, ha firmato un manifesto anti salviniano, dei cosiddetti ‘scrittori terroni’, che sosterranno ufficialmente la manifestazione anti leghista che si terrà il prossimo 22 aprile nella simbolica cornica del feudo leghista di Pontida.

La risposta del collega e rivale milanese, Fabrizio Carcano, il ‘Dan Brown milanese’, che non ha mai nascosto la sua militanza leghista e la sua storica amicizia con Salvini, non si è fatta attendere, con un lungo post sulla sua pagina Facebook (subito condiviso nei vari gruppi social leghisti), in cui critica la ‘discesa in campo’ di De Giovanni e lo accusa di razzismo alla rovescia, ipotizzando addirittura l’organizzazione di un gruppo di ‘scrittori lombardi’ pro salviniani da contrapporre ai colleghi orgogliosamente e dichiaratamente ‘terroni’.

La solita atavica sfida ‘nord vs sud’, già vista anche in tante pellicole cinematografiche, si sposta sui banchi delle librerie, anche perché i due, proprio il giorno precedente alla manifestazione di Pontida, potrebbero incrociarsi a Milano al Tempo di libri’, il nuovo salone del libro trasferito alla Fiera di Milano.
E il rischio è che tra i due volino parolone e forse scintille tutt’altro che letterarie…

Commenti

mstntn

Mar, 04/04/2017 - 17:03

Compriamo gli occhiali a questi: in giro ci sono solo neri, quelli dell'est e gang sudamericane, ma vedono ancora i terroni. Un pezzo di terra da coltivare anziché scrivere romanzi farebbe bene.

DemyM

Mar, 04/04/2017 - 17:39

Siamo divisi al nostro interno, e poi parliamo di Europa Unita.

Polgab

Mer, 05/04/2017 - 08:04

Penso che Carcano abbia ragione. Ormai è palese il razzismo napoletano nei confronti della gente del Nord. Stanno organizzando una specie di caccia l'uomo, stanno creando un'atmosfera anti Italiani del Nord che non esita a prevalersi della violenza.è molto pericoloso perché di questo passo la gente comune si troverà legittimato a pestare chiunque venga dalla Lombardia o dal Veneto ( oggi è Salvini, ma domani?). Stanno aizzando i Napoletani contro tutto quello che viene da Nord, dimenticando che molti nordisti sono meridionali.