Ravenna, Pd non revoca la cittadinanza al Duce. "Errore da ricordare"

La maggioranza di centrosinistra ha votato contro la proposta. Il sindaco: "Un'occasione per riflettere"

A Ravenna, città decorata con la medaglia d'oro nella antifascista, il Partito Democratico ha votato per non togliere la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini. Una decisione che sembra in controtendenza, se si considera che diversi Comuni hanno tolto l'onorificenza al Duce, ma che il centrosinistra locale spiega al Corriere.it.

Il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, ha detto al quotidiano di via Solferino che a far votare contro il Pd è stata la considerazione che non è giusto "cancellare quell'errore storico" e che invece è preferibile sfruttare la cosa come "un'occasione di riflessione".

Al voto compatto della maggioranza di centrosinistra si sono aggiunto anche quelli di Forza Italia, salvo qualche eccezione. Si sono astenuti i membri del Movimento 5 Stelle. E a chi ha polemizzato con la decisione di non togliere l'onorificenza al Duce, il primo cittadino risponde che la proposta, "per stessa ammissione del consigliere che l'ha presentata" era una provocazione.

Commenti

forbot

Ven, 21/03/2014 - 20:30

Addirittura il Comune mantiene un consigliere per farsi consigliare se la cittadinanza a Mussolini è da lasciargliela o da togliere. Complimenti a questo consigliere. Saprà anche per caso dirci se al cesso è meglio andare alla sera o al mattino? No, perchè i romani dicevano: " Evacuare in mattutino est salubre in medicina." Ma con tutti questi cxxxi con i quali afflosciate di continuo gli zebidei, non avete cose più importanti su cui dare consigli? -

eureka

Ven, 21/03/2014 - 20:50

Ma nel Pd non hanno cose più importanti a cui pensare? Non ci sono cose più importanti a cui pensare per l'Italia? Sembra che si divertano ad inventarsi cavolate. Dimenticano che se abbiamo avuto le case popolari, l'indennità di maternità, la liquidazione ed altro lo dobbiamo proprio a Mussolini e non ai comunisti? Non sono di questo partito ma ....diamo a Cesare ciò che è di Cesare e non scordiamocelo.

angelovf

Ven, 21/03/2014 - 22:09

E l'unica cosa buona da ricordare, il resto solo immondizia, finocchi, lesbiche,drogati,corrotti,ladri, e schiavi di altri popoli che approdono in Italia. Per ravenna è un onore avere un cittadino veramente Italiano, e non dei venduti allo straniero. Piuttosto la sinistra pensasse A stalin ed i soldi che si sono mangiati dall'unione sovietica.

mbotawy'

Sab, 22/03/2014 - 00:13

Guardate la lista dei Presidenti e Primi Ministri italiani dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi, comparateli con Benito Mussolini. Qualche differenza?

Antares46

Sab, 22/03/2014 - 06:27

Invece i vostri errori da comunisti li ricordiamo noi sulla nostra pelle...!!Basta guardarsi attorno ora per vedere la distruzione e la desolazione che avete lasciato in eredità ai nostri figli!!!!

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 22/03/2014 - 15:45

Ma quale errore da ricordare. A suo tempo l'ha avuta e gli rimane. Piuttosto, perchè non fate cittadini disonorari tutti quei delinquenti che autonominatisi partigiani hanno compiuto stragi inaudite ai danni di gente inerme e innocente, solo per vendette personali e per fini delinquenziali. Elencateli uno ad uno, foto comprese, mettendo accanto a ciascuno l'impresa criminale alla quale ha avuto il disonore di partecipato.

mario micheletti

Sab, 22/03/2014 - 19:43

un grazie a tutta ravenna e ai suoi cittadini

vince50

Mer, 03/09/2014 - 17:27

Rispetto agli errori passati e attuali perpetrati dai comunisti,l'errore"presunto" del DUCE si potrebbe dimenticare.