Torino, accoltella la madre in testa dopo una lite: 58enne arrestata

La donna è riuscita a trovare scampo nel bagno di casa, dove si è rintanata per tamponare la ferita con degli asciugamani e per contattare le forze dell'ordine

Una violente lite in famiglia a Torino si conclude con l'accoltellamento di una donna di 78 anni, che è stata soccorsa e trasportata in ospedale d'urgenza.

Tutto ha avuto inizio nel corso della scorsa notte, quando da un'abitazione in via Varaita arriva una disperata richiesta d'aiuto. "Vi prego, aiutatemi, mia figlia mi ha accoltellato", avrebbe riferito al 118 la 78enne, come riportato da "La Stampa".

Al culmine di una accesa lite con la figlia di 58 anni, Liliana P., la pensionata era stata infatti colpita con una coltellata alla tempia sinistra. Terrorizzata e sanguinante, l'anziana è riuscita ad allontanarsi dalla 58enne ed a rinchiudersi in bagno, dove ha tamponato la ferita con degli asciugamani per poi richiedere l'intervento dei soccorsi e delle forze dell'ordine.

In breve sul posto sono giunti i carabinieri del comando di Torino, che hanno fatto scattare le manette ai polsi della violenta figlia, condotta in caserma per l'interrogatorio. La donna è stata incriminata con l'accusa di tentato omicidio. Ancora ignote le cause che hanno portato al litigio, sulle quali gli inquirenti stanno tentando di far luce in queste ore.

Non si è comunque trattato di un evento isolato, come riferito da un vicino di casa delle donne e riportato da "TorinoToday". "Mamma e figlia litigavano sempre anche per le piccole cose. Venivano alle mani. Sono persone strane. La signora più anziana aveva un brutto carattere".

La 78enne è stata trasportata al Cto per una ferita lacero-contusa al cuoio capelluto e subito assistita. Dimessa, se l'è cavata con 7 giorni di prognosi.