Forza la porta di una casa per "regalarla" agli amici: romeno in manette

Il rpmeno voleva "regalare" la casa occupata abusivamente a due connazionali in cerca di sistemazione: finisce in manette, non prima di aver tentato di aggredire gli agenti

È finito in manette il romeno di 47 anni sorpreso dalla polizia mentre tentava di forzare la porta di un appartamento di Torino per occuparlo abusivamente.

I fatti risalgono allo scorso lunedì, quando il 47enne, intenzionato ad aiutare una coppia di amici e connazionali a trovare una casa dove vivere, ha preso di mira un’abitazione disabitata in via Ghedini. Armato di palanchino, il rumeno è stato colto di sorpresa dagli agenti della squadra volante di Torino proprio mentre stava scassinando la porta d’ingresso. Inutile per lui il tentativo di liberarsi dell’arnese alla vista delle forze dell’ordine: il palanchino è stato ritrovato e sequestrato dai poliziotti.

Dopo esser stato condotto presso gli uffici della polizia scientifica, l’uomo, per nulla intenzionato a collaborare ed a farsi identificare, ha dato in escandescenze. Dapprima si è scagliato contro gli agenti, succesivamente anche contro il mobile su cui erano collocati i macchinari utilizzati per prelevare le impronte digitali, nel tentativo di farlo cadere per terra.

Il 47enne è dunque finito in manette, con l’accusa di invasione di terreni ed edifici, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Sono stati denunciati anche gli altri due rumeni che erano con lui, un uomo di 57 anni ed una donna di 50: per loro l’accusa di invasione di terreni ed edifici.