Torino, operaio 59enne si ammala di Parkinson e l'impresa lo licenzia

Un uomo di 59 anni affetto dal morbo di Parkinson è stato licenziato dall'azienda presso cui lavorava perché ritenuto "inabile al lavoro"

Un operaio di 59 anni, Franco Minutiello, è stato licenziato dall'azienda per la quale lavorava perché ritenuto "inabile al lavoro" dopo essersi ammalato del morbo di Parkinson.

L'impresa è la Teknoservice e si occupa della raccolta dei rifiuti nel Canavese. I vertici si difendono dicendo di non avere altri ruoli disponibili e compatibili con la sua condizione fisica nello stabilimento in cui lavorava.

L'uomo era stato assunto nel 2006 dal consorzio Asa ed è passato alla Teknoservice nel 2013 quando l'impresa pubblica è fallita. Dopo oltre due anni di lavoro saltuario a causa della malattia, l'operaio è stato sottoposto a un controllo medico da parte dell'azienda che lo ha privato dell'idoneità alla mansione di raccoglitore. La Teknoservice ha proceduto al licenziamento ma ora la vicenda si sposta in tribunale.

Commenti

Doc71

Mer, 05/04/2017 - 23:05

Da Parkinsoniano massima solidarietà al lavoratore. Che i dirigenti mentecatti vadano a leggersi il manifesto dei diritti del malato di Parkinson.