Totò Riina accetta di rispondere sulla trattativa Stato-mafia

Il capomafia, imputato nel processo, ha detto "sì". Già sentiti Ciancimino e Brusca

Il boss mafioso Totò Riina risponderà, a sorpresa, alle domande dei pm del processo sulla trattativa tra Stato e mafia. Lo ha fatto sapere il suo legale, Vittorio Anania, alla fine del dibattimento. "Sì, accetto di rispondere alle domande dei pubblici ministeri. Perché no?", ha detto il capomafia, imputato per minaccia a corpo politico dello Stato. Finora sono stati interrogati due degli imputati: Massimo Ciancimino e Giovanni Brusca. E il dieci febbraio dovrebbe rendere dichiarazioni spontanee un altro imputato, Nicola Mancino, ex presidente del Senato, accusato di falsa testimonianza.

Commenti

VittorioMar

Lun, 30/01/2017 - 21:14

..MI PARE"MOLTO" STRANO !!

tiromancino

Lun, 30/01/2017 - 22:57

Sempre a scoppio ritardato

Ermanno1

Lun, 30/01/2017 - 23:18

Qualunque cosa dirà vera o falsa, non sarà considerata attendibile!!! La verità è quella che si vuole fare credere!!!

Ritratto di pippo48

pippo48

Mar, 31/01/2017 - 02:27

Se Toto Rina ha deciso di parlare,vuol dire che sino ad oggi ha sentito raccontare tante di quelle menzogne da parte della stampa e TV, che fanno rabbrividire . E' risaputo che la mafia non è altro che il braccio armato della politica statale e religiosa massonica. Speriamo che Rina ci dica i nomi dei mandanti delle stragi di innocenti degli ultimi 30 anni.

un_infiltrato

Mar, 31/01/2017 - 05:06

Aggiornate li coccodrilli, poi ve spiego!

Ritratto di orione1950

orione1950

Mar, 31/01/2017 - 06:37

Qualunque cosa dirà non sarà mai credibile; a meno che i giudici non l'abbiano "ammaestrato".

guerrinofe

Mar, 31/01/2017 - 08:03

Ci fosse veramente giustizia,per questo tipo IL TEMPO E' SCADUTO!