Totti, non si manda in tribuna la storia

Non si manda in tribuna la storia. Totti allontanato da Trigoria, cacciato dal ritiro, rispedito a casa. Ha chiesto rispetto, riassumendo in una parola ciò che nel codice morale del calcio significa tante cose e che nel caso specifico ne significa una: negli ultimi vent'anni la Roma è stata lui

Non si manda in tribuna la storia. Totti allontanato da Trigoria, cacciato dal ritiro, rispedito a casa. Ha chiesto rispetto, riassumendo in una parola ciò che nel codice morale del calcio significa tante cose e che nel caso specifico ne significa una: negli ultimi vent'anni la Roma è stata lui. Dunque sì, il rispetto lo merita, anche da chi legittimamente pensa che a quasi 40 anni non possa più giocare, che sia arrivato alla fine del viaggio. Anche da chi ritiene che non solo lui non possa più dare molto, ma possa togliere, anzi addirittura abbia tolto qualcosa alla Roma negli ultimi tre anni. Ingombrante, dicono. Lo sarà, anzi lo è. Ma è anche un monumento. Rispetto significa che uno così non lo mandi in campo nel recupero di Roma-Real Madrid, quando la partita è finita e soprattutto persa. È un insulto. È una cattiveria. È uno sgarbo.Totti è stato punito dall'allenatore perché ha rilasciato un'intervista piccata.

E la sua punizione è un errore grossolano: bisogna gestire l'addio al calcio di un giocatore così. Il modo peggiore è trasformarlo in un caso: la gente sta con lui e ne ha qualche ragione. Non significa che debba giocare titolare, ma che dovere di un allenatore e una società far sì che le cose funzionino. Bastavano due partite da protagonista: il ritorno contro il Real Madrid e il derby con la Lazio. Neanche Totti pensa di avere futuro, ma ha diritto di chiudere il suo passato alla grande. Anche perché senza quel passato non ci sarebbe il futuro della Roma.

Annunci
Commenti

meloni.bruno@ya...

Lun, 22/02/2016 - 08:31

Da laziale dico che non trovo aggettivi squalificativi verso la sua ex società!

stesicoro

Lun, 22/02/2016 - 08:36

Vallo a trovare un altro campione così. E così attaccato ai colori della sua squadra. Io sto dalla sua parte, senza se e senza ma. Spalletti se dice che Totti è un giocatore come un altro è un ipocrita o un superficiale umanamente alquanto limitato.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 22/02/2016 - 08:36

Un monumento poco intelligente. A 40 anni uno capirebbe da solo quando è ora di smettere, se fosse intelligente. E non aspetterebbe la pedata nel didietro per andarsene. A sua discolpa, è comunque in buona compagnia.

Beaufou

Lun, 22/02/2016 - 08:49

Abbiamo anche il delitto di lesa maestà, adesso...di uno che tira(va) calci a un pallone. Giuseppe De Bellis, si occupi di cose più serie. Che Totti giochi o non giochi, che sia offeso o meno, non frega niente a nessuno, tranne a quelli che non fanno nulla se non occuparsi a tempo pieno di chi non fa nulla di utile, i calciatori, appunto. Ahahah.

malgamax

Lun, 22/02/2016 - 08:54

Totti è stato un grande , è un monumento del calcio e i monumenti vanno messi nelle piazze non in campo !!!

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 22/02/2016 - 09:19

Churchill, vinta la guerra, fu trombato alle elezioni. Ma non s'in....ò!

Ritratto di balonid

Anonimo (non verificato)

Ritratto di g02827

g02827

Lun, 22/02/2016 - 09:49

Spalletti la fatta fuori dal vaso....un buon allenatore non è quello che fa sceneggiate in panchina, è quello che sappia gestire situazioni limite....mandare Totti in campo contro il Real a fine partita è stata una str....chi semina discordia raccoglie tempesta...a questo punto, a fine stagione, Spalletti dovrebbe essere accompagnato garbatamente alla porta....

michetta

Lun, 22/02/2016 - 09:54

Tra pro (pochissimi) e contro (diversi di piu'),io sto' con questi ultimi,pur essendo tifoso della Roma,da sempre. Ogni Soc. dispone delle possibilita' di prendere giocatori,allenatori,dirigenti e quant'altro,per il bene della stessa ed i vantaggi degli azionisti. Totti,E' STATO,un grande del calcio e della Roma. OGGI, non lo e' piu'! Punto. E che facciamo,ritiriamo fuori dagli armadi tutti i vestiti di trenta anni fa e ce li mettiamo? Oppure, paghiamo Totti,fino a quando decidera' di togliere le tende da solo? Non e' proprio possibile! Ognuno di noi DEVE possedere la DIGNITA'. Lo faccia anche lui,che nella sua vita,non ha fatto che prendere a calci un pallone divertendosi e guadagnando miliardi!

Fjr

Lun, 22/02/2016 - 09:59

Wilfredo, vorremo mica paragonare il pupone al grande Churchill,lui si fece la storia , ma nel momento in cui dovette mollare lo fece da gran signore, mi sembra che una volta li chiamavano grandi statisti

ORCHIDEABLU

Lun, 22/02/2016 - 10:39

TOTTI STUPENDO AUGURONI PER IL VOSTRO PROSSIMO BEBE'

Franck Dubosc

Lun, 22/02/2016 - 11:08

Totti santo subito, si cerchi d'urgenza un giorno sul calendario. Udienza papale fissata per mercoledì prossimo

Ritratto di Lupodellealpi

Lupodellealpi

Lun, 22/02/2016 - 11:11

Spalletti ha firmato l'atto notarile della sua incapacità di gestire lo spogliatoio. Dalle sue tempie pelate ci si attendeva maggiore capacità di gestire le esternazioni di un quasi-ragazzotto. Ha così fatto diventare il caso di risonanza mondiale. Suicidio professionale. Il prossimo anno allenerà in Lega Pro, dove merita per la sua arroganza tipicamente toscana.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 22/02/2016 - 11:28

Forse qualcuno dovrebbe spiegare al pupone che in un colletivo tutti sono utili, nessuno é indisensabile! I monumenti poi non vanno allo stadio, servono a far ombra alle carrozzelle e ai turisti .... Il pupone ha sicuramente dato tanto alla Roma ma credo che abbia ricevuto altrettanto se non più di quanto dato!

alfa553

Lun, 22/02/2016 - 11:35

Ma quale storia? ma cosa cacchio ha fatto vincere questo magna magna, ma cosa raccontate, rifiuto la maglia azzurra e nessuno disse niente , arrogante ed ignorante da fare pena a se stesso,e venite a dirmi cosa? che e ........ un carciofo.

Chattanooga

Lun, 22/02/2016 - 11:39

Non posso e non voglio dare giudizi né su Totti né sulla Società Roma Calcio perché non conosco come si sono svolti i fatti nel dettaglio. Detto questo, solo una cosa mi pare sia da sottolineare: Totti sta imparando in questi giorni una lezione importante sulla vita.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 22/02/2016 - 11:53

@Fjr. appunto! Forse il monumento viziatello pensa di essere l'imperatore del Giappone e fa le bizze.

tuttoilmondo

Lun, 22/02/2016 - 12:37

NON SI MANDA IN TRIBUNA LA STORIA. Ma c'è storia e storia. C'è la storia di Paolo Maldini, cinque volte vincitore della Champions, c'è la storia di Gianni Rivera, Paolo Rossi, Roberto Baggio, Fabio Cannavaro, vincitori del Pallone d'oro, e c'è la storia di un perdente nato: Francesco Totti. Totti Maramaldo, forte con i deboli e debole con i forti. Sarebbe bastato un suo gol, uno dei tantissimi gol, nelle garr importanti, per portare a casa un paio di titoli. Invece l'unico trofeo guadagnato con merito nella sua lunghissima carriera costellata da sveglie, umiliazioni, punteggi improponibili, è il tapiro d'oro consegnato per il suo personalissimo record di derby persi.

pasquinomaicontento

Lun, 22/02/2016 - 12:41

Ho visto e inteso le sragioni di un essere insulso che sembrava ai più, il difensore di Totti e che invece cercava con la sua cantileina toscana di affossarlo.La pretesa che lui sia il dominus di tutto questo caravanserraglio che è il gioco del calcio romano è, a dir poco velleitaria.Parlava calmo tranquillo, come se non fosse successo niente,passava dall'io al noi con la calma del 5-0 rifilato al Palermo,noi,noi,che voleva dire tutto e niente e non diceva mai io,parlando poi di Totti non lo nominava mai,ma con quel suo sorrisetto strafottente lo nomava "lui" e basta,prerogativa di chi butta il sasso e nasconde la manina.

compitese

Lun, 22/02/2016 - 12:46

Nel nostro paese ci sono solo tre squadre di calcio: Juventus, Milan e Inter, le altre sono solo comprimarie. Se giochi in una di queste tre e sei bravo, resti nella storia del calcio, altrimenti solo nelle cronache locali. Il destino di Totti è segnato nella cronaca di Roma.

mariolino50

Lun, 22/02/2016 - 14:08

Lippi fece lo stesso a Baggio, che gli fece vincere lo scudetto e poi fu cacciato, i giocatori anche grandi campioni devono stare zitti, il signor mister non vuole critiche.

Alfaber63

Lun, 22/02/2016 - 14:37

L'allenatore deve fare scelte e agire responsabilmente per il bene della sua squadra e Spalletti lo sta facendo. Ma tocca a lui parlare col giocatore in declino, spiegandogli che la competitività e la fierezza che lo hanno reso un campione ora lo sostengono molto meno e per poco tempo in campo. Che è inevitabile. Come è inevitabile che i tifosi siano dalla parte del giocatore e della sua reputazione. L'allenatore, con le parole o coi fatti deve dire al suo campione che non è più quello che era prima: solo così il giocatore inizia ad accettare la realtà. Spalletti sta facendo scelte giuste, ma se non parla a Totti di questa cosa sta facendo una cosa non giusta.Può dirglielo anche coi fatti (cosa che sta facendo): sono juventino e non romanista ma ritengo che Totti per il campione che è stato, per la fedeltà alla maglia, per il suo palmares di vittorie meriti che con rispetto l'allenatore gli parli come un allenatore deve fare in un caso come questo.

Libero1

Lun, 22/02/2016 - 14:50

L'italia con il fiato sospeso per assistere al solito teatrino tra err....pupone e mafia capitale.Non capisco dov'e' lo scandalo se spalletti non lo ha fatto giocare.Che poi la rometta di err..pupone non abbia vinto mai un tubo in campo internazionale non si puo' negare.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Lun, 22/02/2016 - 15:21

Hai ragione Giuseppe però uno dovrebbe capire da solo che tutto finisce. Ammettiamo pure che gli prolunghino il contratto di un anno,poi l'anno prossimo siamo ancora qui con la medesima musica? Io a suo tempo nell'azienda in cui lavoravo ero considerato un pilastro e quando giunse il momento mi dissero quella è la porta.

i-taglianibravagente

Lun, 22/02/2016 - 15:32

Totti e' un grande ...ma dipingerlo come uno che si e' SACRIFICATO per la ROma....me pare troppo. Cosi dicasi per De Rossi.....sono e sono stati riempiti d'oro, e soprattutto, loro lo sanno molto bene, sono e saranno RE a vita a Roma.... e sanno bene che macchiarsi con "esperienze fuori sacco" con altre squadre leverebbe loro la corona...e non sono stupidi.

AndreaT50

Lun, 22/02/2016 - 15:56

Sono d'accordo con l'allenatore, ci si deve rendere conto che corricchiando in allenamento é una cosa, ma la partita é un'altra storia; Totti doveva uscire di scena di sua volontà con grande eleganza anche l'anno scorso. Comunque grande Francesco.

Rossana Rossi

Lun, 22/02/2016 - 17:40

Parole giuste. Ma si sa che in Italia chi fa qualcosa di buono viene scaricato appena si può per pura invidia o ignoranza............

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 22/02/2016 - 21:20

Non mi intendo di calcio, non lo seguo e m'interessano soltato le semi-finali e le finali delle partite mondiali. Questo Spalletti, malmenando Totti, ha voluto far vedere che lui era un duro e che non guardava in faccia a nessuno, insomma che era lui a commandare. Può darsi anche che l'abbia fatto perché aveva le spalle ben coperte dall'alto e ricevuto ordini in questo senso.

pbartolini

Lun, 22/02/2016 - 22:29

quando TOTTI non giocherà più : ritiro della maglia n°10 e fascia del capitano solo a chi porta il n° 1 ( portiere?!)