Tranquillo, porta bene

Se qualcuno sperava che questo governo durasse poco, si può mettere il cuore in pace. Ad allungargli la vita, nonostante i primi scontenti degli elettori (che già si stanno manifestando sui temi fiscali ed economici), sarà l'ostilità dichiarata e idiota della solita compagnia di giro, senza arte né parte, che gioca al comunismo, frequentando attici da sogno, spiagge esclusive e circoli alla moda. Non nullatenenti ma sicuramente nullafacenti che alla gente stanno più sulle palle di qualsiasi politico, tanto da preferire il secondo a loro, come a suo tempo si dimostrò con i girotondi e gli appelli pseudo-intellettuali contro l'epopea berlusconiana.

Questa allegra compagnia si è rimaterializzata ieri grazie all'iniziativa della rivista Rolling Stone, una volta tempio della musica e oggi parcheggio per radical chic frustrati. Nel numero in uscita si lancia un manifesto-appello dal titolo «Noi non stiamo con Salvini, da adesso chi tace è complice» al quale aderiscono i soliti nomi, scrittori e cantanti reduci chi dal '68, chi dal fallimento della sinistra in tutte le sue variegate forme.

Parliamo di persone che, politicamente parlando, non ne hanno mai azzeccata una. Hanno portato sfortuna a chiunque hanno appoggiato e allungato la vita a tutti quelli che hanno avversato. C'è da aver paura a non essere nel loro mirino, non l'inverso.

Non stare con Salvini è legittimo, ci mancherebbe, e anche noi su alcune scelte, a partire dalla sciagurata alleanza con Di Maio, non lo siamo. Ma altro è aprire l'ennesima stagione dell'odio solo perché non fai parte della loro casta, che poi è una castina di quattro amici che se la cantano (Fiorella Mannoia, già musa di Ingroia) e menano (Erri De Luca, poeta della violenza No Tav) tra di loro.

In parte la capiamo, questa cricca che ha campato per anni sull'antiberlusconismo a prescindere. Senza il Cavaliere al governo si sono ritrovati orfani e si annoiavano, tra una cena a Capalbio e una vacanza a Porto Cervo. Salvini è caduto come il cacio sui loro maccheroni. Si abbuffino pure, tanto finiranno come al solito ingozzati dalle loro parole e dalla loro arroganza. Il loro banchetto sarà ancora una volta disertato dalla gente a cui pensano di dare voce. Non si fanno le rivoluzioni seduti su una montagna di milioni spesso spillati senza merito (vedi Daria Bignardi, renziana passata dagli insuccessi su La7 a quelli sulla Rai) al potente amico di turno.

Commenti

greg

Ven, 06/07/2018 - 15:27

La rivista Rolling Stones è talmente vigliacca che non consente, neppure a chi si è registrato, e io l'ho appena fatto ed ho ottenuto la risposta positiva, di mandare commenti o dissentire dalla loro linea editoriale. E' la solita linea politica dells sinistra, che non vuole, non accetta, non ammette, non tollera contraddittorio, quindi a maggior ragione chi ha redatto quell'articolo è un povero di mente, un mentecatto, un Minus Habens, o per dirla meglio, un tarato mentale

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Ven, 06/07/2018 - 15:37

Ma che ci fanno sti rimbambiti sessantottini su Rolling Stone? , non conoscono gli italiani, basta un titolo su una pagina e si ritrovano nella polvere in 24 ore... Zainetto in spalla, il barcone è in arrivo, tutti nelle missioni ad imparare cosa è la vita vera! FORZA MATTEO, SEI TUTTI NOI.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 06/07/2018 - 15:40

---caro sallusti--il suo incipit-"Se qualcuno sperava che questo governo durasse poco"----proprio lei caro sallusti --era tra quelli che non solo sperava che durasse pochissimo questo governo---ma anzi ne bramava addirittura la non nascita--ora fa i testa coda a 360 per ordini editoriali piovuti dall'alto---ma tant'è---l'elenco del rolling è un insieme di cantanti -attori --personaggi tv---ma nessuno può pensare oggi che essi siano i depositari della vera sinistra in italia---i governi nascono e cadono quando non mantengono le istanze promesse agli elettori--questo governo non si sottrarrà all'eccezione---sempre che la smetta di fare campagna elettorale ad oltranza per evitare di essere giudicato per la sua effettiva operatività--fra qualche mese il giochino sarà sgamato e felpini ultrastanco di essere sempre presente ovunque e col dito di twitter iperconsumato--swag

corivorivo

Ven, 06/07/2018 - 15:44

...ma lorsignori han la puzzetta sotto il naso. perché non usano il bidet: Fulco Pratesi docet...

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Ven, 06/07/2018 - 15:50

Una pagliacciata sinistra. Liberi di esprimersi, affinché li si possa riconoscere dalle idee conformiste, vane, insulse.

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Ven, 06/07/2018 - 16:10

ha ragione Direttore, pero' non vale: e' una competizione sleale, nessun partito ha dei testimonial come la boldrini, la m'annoia (nomen omen), i due cosi tatuati fez & geiax, fazio, la nuora dell'assassino, don ciotti, tutta gente che quando la vedi ti viene di getto una voglia matta di votare Lega. Con questi e quanlche magistrato di sinistra Salvini va al 50%. Non vale.

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Ven, 06/07/2018 - 16:13

@elkid...solita tiritera di chi è a corto di argomenti, il governo non fa campagna elettorale, HA GIA'VINTO con il consenso di una larga parte degli italiani, adesso non senza fatica stanno portando avanti le promesse elettorali e nel caso di Salvini devo constatare che si sta impegnando al 100% nonostante le continue critiche. Vinceremo per i prossimi 10 anni senza fare propaganda, mentre la sinistra si sta impegnando per cercare di capire perchè la terra non è piatta.

Ritratto di venividi

venividi

Ven, 06/07/2018 - 16:30

Elkid, 15:40. Magari fosse come lei dice: "I governi nascono e cadono quando non mantengono le istanze promesse agli elettori". Per quello che ho visto finora, i governi cadono perché qualcuno ha fatto loro lo sgambetto

Ritratto di Aulin

Aulin

Ven, 06/07/2018 - 16:40

Ma qualcuno lo compra Rolling Stone, almeno? Secondo me tra le riviste spazzatura vanno molto più forte Die Bild o Novella 2000, a giudicare dalle citazioni che vedo ogni tanto in giro.

elpaso21

Ven, 06/07/2018 - 16:45

Salvini non è il Pupazzo. Porterà le sue battaglie fino in fondo e i radical chic possono stare freschi.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 06/07/2018 - 17:19

--MaddyOk--se non hanno cambiato le regole--e credo proprio che non l'abbiano fatto---il luogo ove si legifera è il parlamento---vada a vedere quante volte si è riunito il nuovo governo in parlamento e su cosa ha trattato---ci sono i dati---fra un pò vanno tutti in vacanza ed amen --ci vediamo a settembre----nel frattempo un fiume di parole--che non sono leggi--swag

fisis

Ven, 06/07/2018 - 17:50

Questi poveracci (di cervello, non di soldi) radical chic non hanno capito che il vento è cambiato in Italia, ma anche in Europa e negli Usa. Alle loro idiozie politicamente corrette non crede più nessuno, tranne qualcuno con la mente bacata come la loro, in overdose di ideologie marxiste sorpassate e annichilite dalla storia.

INGVDI

Ven, 06/07/2018 - 17:55

Non mi metto il cuore in pace. Spero che Salvini rompa al più presto con i 5s, prima di essere contaminato, assieme alla Lega, dal loro grillocomunismo. Gli elettori del centrodestra sono ancora sotto effetto della luna di miele e non si rendono conto dello sciagurato (come lo definisce Sallusti) accoppiamento M5s-Lega. Svegliatevi gente! Finché dura vale l'equazione: M5s+Lega=Tsipras.

valerie1972

Ven, 06/07/2018 - 18:30

@elkid, ancora non ci credo: ma davvero torni ogni due ore su un articolo già letto (su un giornale che peraltro disprezzi) caso mai qualcuno avesse risposto alle tue sconvolgenti riflessioni mai prima udite a memoria d'uomo? Cosa fai durante il giorno? Ce li hai degli amici? Guarda che un po' lo facciamo tutti, ma tutto il giorno a parlare a uno schermo si diventa scemi...

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 06/07/2018 - 18:31

I lavoratori brutti sporchi e cattivi, che sarebbero la loro ragione di vita, non li hanno mai ascoltati. E stanno con Grillo e Salvini. E tanto basterebbe. Sono il grande fratello della sinistra, amici dell'assessore, ricchissimi, lavorano negli enti di stato, fanno films "di interesse culturale" cioè pagati da noi e fanno gli squadristi, come quasi tutti i loro avi. Oggi se la prendono con Salvini ed uno come me, che non ne condivide quasi niente, sente il bisogno di correre in suo aiuto ma solo perché gli aggressori sono degli sciacalli e fanno veramente schifo.

asalvadore@gmail.com

Ven, 06/07/2018 - 18:54

Salvini é per me l'evidenza che l'Italta é ancora viva e sta distandiadosi dal conformimo auspicato da quella tenia che é la chiesa e dalla ipocrisia che nasconde interessi egoisti e vicende di mala vita. Che c'é di piú triste vedere quella massa di pecore che giornalmente si raccoglieer sentire le parole mellifue di colui che con gran sacrificio si ospita ll¡hotel Santa Mata,nel nome del santo.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 06/07/2018 - 19:02

Direttore, il fatto curioso è che Salvini non è arrivato con l'astronave da lontana galassia e a ben vedere le cose che dice oggi le dice da dieci anni almeno ed essendo stato direttore di Radio Padania Libera e tuttora suo collega in aspettativa una qualche visibilità ce l'aveva. Ed allora come mai oggi questa crociata contro Salvini promossa da un coagulo di mezze cartucce della cultura popolare del tutto ignoti alla casalinga di Voghera o di Pontida che poi sono la stessa cosa ? Il pericolo costituito da Salvini non è quello che dice ma che è un eletto che fa quello che ha detto e disintegra l'insieme di palle che per anni dalla terza carica dello stato a Gramellini ci hanno raccontato per anni. Un persona comune arrivato al Viminale che fa cose di buon senso. Il tutto mentre l'ex presidente del Consiglio da Rignano la mattina va al "Four Seasons" con il personal trainer ma poi a colazione twitta cose molto di sinistra. Fantastico !

rrobytopyy

Ven, 06/07/2018 - 19:07

in futuro, prima o poi, le coalizioni saranno: -5 Stelle + Pd+ altri sinistrucoli- -Lega+Forza Italia + Meloni +altri destrucoli- e sarà molto facile l' alternanza.

Mannik

Ven, 06/07/2018 - 21:02

Sallusti, ma non si vergogna proprio mai? Sa cosa significa orgoglio?

sgarbistefano

Ven, 06/07/2018 - 22:15

Non v'è un quotidiano, non v'è una rete televisiva, non v'è un talk show che sostenga Salvini e il suo governo, eppure il consenso non gli manca. Perchè? Stasera ho sentito Cuperlo su La7... la Santanchè non l'hanno quasi fatta parlare. Si passavano la palla, i due commentatori, con Cuperlo e l'altro intellettuale collegato (non ricordo il nome...sic!)quasi ignorando l'interlocutrice del centrodestra. A parte il disgusto per il modo di condurre "raffinatamente" di parte, sentir parlare Cuperlo, tutto teoria e "massimi sistemi", mi ha dato quasi il voltastomaco. Hanno mandato in onda un servizio su una periferia romana degradata... Cuperlo sembrava quasi indifferente.

kobler

Sab, 07/07/2018 - 10:07

La rivista pensi alla musica e lasci il resto a chi sa trattarlo! E' un altro atto di disturbo, di distoglimento da cose più serie

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Sab, 07/07/2018 - 10:30

Gli sfigati progressisti non stanno con Salvini, stanno con i ladri svuota banche.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 07/07/2018 - 12:12

Abbiamo visto tutti come anche certi Attori che si credono dèi americani che si sono scagliati contro Trump; sono ormai finiti sugli spazi pubblicitari e nessuno se li calcola più. Questi Individui pensano di dare voce al Popolo ma io dico che dovrebbero imparare da Lucio Battisti che cosa significa essere artista. Forza Italia e shalòm.

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Sab, 07/07/2018 - 12:24

@elkid - Hai ragione, sono stati poco in Parlamento a scaldare le sedie come il precedente governo ma stanno realizzando quelle cose che gli italiani aspettano da 30 anni, non sarà facile curare le ferite del popolo italiano, ferite che gli sono state inferte con il perdurare della crisi economica, la quale come tutti sappiamo ha creato diseguaglianze profonde e sofferenze inaudite, in particolare negli ultimi anni con la sinistra al potere che ha voluto leggi e riforme irragionevoli...io credo in questa coalizione e sono certa che non ci deluderà. Saluti.