Trentasette anni fa il sequestro di Aldo Moro

Il Presidente della Repubblica ha deposto una corona a via Fani, luogo in cui fu rapito lo statista Dc e furono uccisi gli uomini della sua scorta

Panoramica dall'alto durante i rilievi tecnici sulla scena dell'agguato in via Fani

Il rapimento avvenne la mattina di trentasette anni fa. Oggi le alte cariche dello Stato ricordano l'anniversario di quella brutta e triste pagina della storia della Repubblica, con il rapimento di Aldo Moro e l’eccidio della sua scorta. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha presenziato alla deposizione di una corona di fiori in via Fani, nel luogo del blitz delle Br. Il Capo dello Stato si è fermato a parlare per alcuni minuti con i familiari degli agenti uccisi, prima di risalire sull’auto e lasciare via Fani. Poco dopo anche Pietro Grasso, presidente del Senato, e Laura Boldrini, presidente della Camera, hanno deposto due corone d’alloro. Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, anche il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il sindaco di Roma, Ignazio Marino, il capo della polizia, Alessandro Panza, il questore della Capitale, Nicolò D’Angelo e il presidente della Commissione d’inchiesta sul caso Moro, Giuseppe Fioroni.

Poco dopo le 9 del 16 marzo 1978 l'auto che trasportava il presidente della Dc dalla sua abitazione alla Camera dei deputati fu intercettata e bloccata da un commando delle Brigate Rosse. I terroristi uccisero i due carabinieri a bordo dell'auto di Moro (Oreste Leonardi e Domenico Ricci), i tre poliziotti che viaggiavano sull'auto di scorta (Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi) e sequestrarono il politico. Iniziò, così, una prigionia durata 55 giorni, durante la quale Moro fu sottoposto a un fantomatico processo politico da parte del cosiddetto "Tribunale del popolo", istituito dalle Br. Dopo aver chiesto uno scambio di prigionieri con lo Stato, fu eseguita la "condanna a morte" di Moro da parte dei terroristi.

Il corpo del leader Dc fu ritrovato a Roma il 9 maggio, nel bagagliaio di una Renault 4 rossa parcheggiata in via Caetani, una traversa di via delle Botteghe Oscure, a poca distanza dalla sede nazionale del Pci e da Piazza del Gesù, sede nazionale della Dc.

L'inchiesta e il rientro in Italia di Casimirri

Il governo e in particolare "i ministri Gentiloni e Orlando, mi aguro faranno di tutto per avviare i processi di estradizione di Alessio Casimirri, uno dei br della strage di Via Fani, condannato all’ergastolo e che non ha fatto un solo anno di pena e vive all’estero". Lo ha detto Giuseppe Fioroni, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul caso Moro, ad Uno Mattina su Rai1. "Il prezzo che l’Ialia sta pagando per non conoscere la verità non ce lo possiamo più permettere", ha detto Fioroni in trasmissione dove è intervenuto anche Giovanni Ricci, figlio di Domenico, autista di Moro.

Il presidente della Dc si sarebbe potuto salvare? "Uno spiraglio si aprì - ha spiegato Fioroni - un canale di ritorno c’era ma a un certo punto si interrompe e si crea una reazione delle Br che si sentono non più disposte al dialogo, una grazia che non arriva alle br e questo potrebbe aver accelerato il tutto. La commissione sta lavorando per avere certezze sul nostro passato". Ricci ha sottolineato che "i familiari dei caduti di via Fani non vogliono vendetta ma verità. Stiamo cercando, tramite il nostro avvocato, di portare avanti una proposta di legge in cui chiederemo di aprire un tavolo per avere verità, non risarcimenti".

Commenti

giovauriem

Lun, 16/03/2015 - 10:48

domandate ai comunisti se sanno qualcosa ,chi ricorda quando i telegiornali e i giornali di sinistra chiamavano le brigate rosse "le così dette brigate rosse" e ad ogni azione eversiva delle b. r. il giorno dopo c'erano le manifestazioni antifasciste , le b.r. erano braccio armato della sinistra italiana , che ha sempre avuto la speranza di andare al potere senza passare per il voto popolare .

kingdavid

Lun, 16/03/2015 - 12:20

credo che qualcosa in proposito potrebbero dirla il governo statunitense e la cia...questi signori la sanno molto lunga ....

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 16/03/2015 - 13:53

giovauriem: nei retroscena del caso Moro ci sono teorie che tirano in ballo depistaggi, servizi segreti italiani, americani, israeliani e sovietici oltre a P2, associazioni mafiose e banda della magliana, il tutto passando per una fantomatica "seduta spiritica" e per l'assassinio del giornalista Nino Pecorelli. Alla fine chi ci capisce qualcosa è bravo, fatto sta che dopo la morte di Moro non si parlò più di "compromesso storico" ovvero dell'ingresso del PCI nella stanza dei bottoni. Sei sicuro che fossero "i comunisti" a non volere questo???

giovauriem

Lun, 16/03/2015 - 15:11

dreamer_66 , hai messo troppa minestra in pentola , esattamente come fece allora il pci per sviare l'opinione pubblica , tanto la magistratura già era dalla parte dei comunisti che li aveva indottrinati e messi nei tribunali, a garantire giustizia(solo) per i compagni, specialmente quelli che sbagliavano , a una eventuale trattativa per la liberazione di moro , si opposero solo i comunisti , come mai ? la stessa magistratura ha potuto barare proprio per che i comunisti avevano messo in giro voci di tutto e di più ,come tu li hai elencati , per intorbitire le acque e ci riuscì,ovviamente ad ogni rivelazione del partito comunista c'era una manifestazione antifascista.

Ritratto di semovente

semovente

Lun, 16/03/2015 - 16:21

Fra duecento anni sapremo la verità (forse).

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 16/03/2015 - 18:07

giovauriem: uuuhhh... sempre questi magistrati cattivoni! Fammi capire: secondo te i "komunisti" su indicazioni di Berlinguer ordinarono l'omicidio di Moro per... evitare di andare al governo, dato che Moro era il principale sponsor del cosiddetto "compromesso storico"??? P.S. Per la cronaca, favorevoli alla trattativa per la liberazione di Moro erano solo Radicali e Socialisti. Gli altri, inclusa la stessa DC, erano fermamente contrari. Ma perchè voi bananas raccontate costantemente balle???

giovauriem

Mar, 17/03/2015 - 10:15

dreamer_66 , tu e i tuoi compagni(comunistume)volete scrivere la "storia" a convenienza, ma questa operazione l'avete potuta fare solo nei paesi oppressi dalla vostra dottrina anti uomo e senza libertà (russia ,polonia , cecoslovacchia , ungheria, bulgaria,iugoslavia,romania,d.d.r. , albania ecc. qua in italia non vi è riuscita (nonostante gli sforzi di napolitano & C.) le brigate rosse erano esattamente i figli dei partigiani comunisti , e le loro menzogne e assassini perpetrati non hanno ingannato gli italiani che li hanno smascherati e isolati, Berlinguer non ha ordinato l'assassinio di moro, per che nel comunistume russo/europeo non contava nulla gli ordini sono venuti da altra nazione europea.