Trentenne stuprata nel milanese: fermato un egiziano

Il fatto è accaduto nella notte tra domenica e lunedì a Sesto San Giovanni (Mi): la polizia ha fermato un 35 egiziano con numerosi precedenti

L'incubo per questa ragazza marocchina di trent'anni è iniziato nella notte tra domenica e lunedì in una discoteca di Sesto San Giovanni, nella periferia di Milano, dove è stata violentata da un egiziano che poi ha fatto perdere le tracce. La donna, che ha sporto denuncia alla polizia ha fornito una descrizione dell'aggressore e le forze di polizia sono riuscite a fermare proprio ieri sera l'egiziano autore dell'orribile gesto.

E' un egiziano di 35 anni, Y.D.M.A., con precedenti per numerosi reati, anche di tipo specifico, che è stato sottoposto a fermo per la violenza sessuale.

Inoltre nel corso dei controlli nella discoteca coinvolta nell''episodio, gli agenti del commissariato della polizia di stato di Cinisello hanno rintracciato due uomini stranieri, privi di documenti, che sono stati fotosegnalati risultando irregolari sul territorio nazionale.

"Su indicazione della stessa vittima - si legge in una nota - è stato riconosciuto quale autore della violenza. Nei suoi confronti è scattato il fermo di indiziato di delitto e lo stesso è stato posto a disposizione dell''autorità giudiziaria".

Adesso con il Codice Rosso, il nuovo Ddl che contrasta la violenza di genere che punta a velocizzare le procedure di denuncia e di indagine nei casi di violenza sulle donne voluto da dai ministri Alfonso Bonafede e Giulia Bongiorno, si spera che il colpevole sia sempre più spesso individuato e preso in tempi così brevi come in questo caso.

Commenti

Epietro

Mar, 04/12/2018 - 11:24

Incartatelo ben bene, come un regalo di Natale e inviatelo alla Procura Generale Egiziana, che pensi a tutto la stessa come sta facendo per gli assassini di Regeni. Almeno ci liberiamo di un criminale senza incorrere nelle ire della Procura Egiziana.