Trieste, scambiano le salme: cremata quella sbagliata

Una storia singolare. Scambiano la salma e il marito non ritova più il corpo della moglie. L'episodio è accaduto a Trieste

Una storia singolare. Scambiano la salma e il marito non ritova più il corpo della moglie. L'episodio è accaduto a Trieste: una settantenne, Vera Vidali, è stata scambiata con Nivea Vidali. Tutta colpa del cognome uguale. Ma alla svista nessuno purtroppo potrà porre rimedio. Vera, infatti, ha ricevuto il funerale e la cremazione. Il suo corpo dunque non esiste più. Ma alla funzione non hanno assistito, in lacrime, i suoi parenti ma quelli di Nivea. Subito dopo la funzione il marito ha cercato la bara, ma non ha trovato sua moglie. Poi la tragica scoperta: sua moglie era stata cremata al posto di Nivea.

Secondo una prima ricostruzione, come riportato dal Piccolo, "ad effettuare lo scambio di persona sarebbero stati gli addetti della società di onoranze funebri, che non avrebbero controllato il nome di Nivea Vidali, l'anziana che avrebbero dovuto cremare, ma solo il cognome".

Commenti

joecivitanova

Dom, 24/04/2016 - 01:10

E adesso come risarciranno il povero marito, con una .. Corposa torta alla Crema..!? A parte gli scherzi, io chiederei il massimo del risarcimento possibile con il migliore degli avvocati, e l'amen solo a risarcimento ottenuto; e così sia. G.

cicero08

Dom, 24/04/2016 - 08:41

e se per caso fosse successo a Canicattì??? Ma, si sa, tutto il mondo è paese...

leserin

Dom, 24/04/2016 - 21:33

Posto che i familiari della povera defunta incenerita hanno certo diritto a un risarcimento, non sarebbe male se la cremazione diventasse il metodo più diffuso per la conservazione dei defunti. È molto più dignitoso un corpo ridotto in cenere che mangiato dai vermi, è più igienico, e poi un'urna occupa meno spazio al camposanto, senza contare che in questo modo non è più necessaria l'esumazione e quel che ne consegue.