Il trucco del gratta e vinci: pensionato smascherato in banca

Una vicenda paradossale. Un 71enne di Pergine Valsugana, in Trentino, ha provato a mettersi in tasca un milione con un gratta e vinci truccato

Una vicenda paradossale. Un 71enne di Pergine Valsugana, in Trentino, ha provato a mettersi in tasca un milione di euro. Il tutto inventando dal nulla una presunta vincita con un gratta e vinci. L'uomo dopo aver rovistato tra i rifiuti di alcune tabaccherie ha recuperato alcuni tagliandi. Tagliandi però in frantumi e così l'uomo ha portato i frammenti in uno sportello bancario affermando di aver vinto un milione di euro e di fatto di essersi accorto della vincita solo dopo aver strappato il tagliando. Immediatamente l'addetto allo sportello ha verificato lo stato di conservazione di quei tagliandi è si è insospettito.

Così ha chiesto alle Lotterie Nazionali di fare qualche verifica più accurata e in poche ore il trucco messo in piedi dal pensionato è stato ben presto smascherato. Adesso l'uomo, come riporta Trento Today dovrà pagare una sanzione di circa 6300 euro. Insomma una truffa in piena regola che però è naufragata davnti ad uno sportello bancario. E a quanto pare questo non sarebbe un caso isolato. Spesso nelle tabaccherie c'è chi rovista tra i tagliandi abbandonati nella speranza di trovare un biglietto vincente e magari "dimenticato"...

Commenti

cgf

Mer, 14/03/2018 - 10:03

ciascun biglietto ha delle codifiche nella stampa, impercettibili se non sai dove guardare, che ne autenticano l'eventuale vincita. È da p..lotti pensare di mettere insieme più pezzi e farne un collage o stamparne uno senza conoscere a fondo cosa stampare. Dovrai dare nome e cognome, ti verranno a cercare.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mer, 14/03/2018 - 13:15

segno di disperazione di chi probabilmente non arriva a fine mese

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 14/03/2018 - 18:24

Questo qui non è normale.

corivorivo

Mer, 14/03/2018 - 19:16

me piase el vin co le luganeghe...