Truffa, in arresto ex dg della controllata Infrastrutture lombarde

Misure cautelari per otto persone. Le accuse: associazione a delinquere, turbativa d’asta, truffa alla Regione e falso

L'ex dg di Infrastrutture lombarde, Antonio Rognoni e il capo dell'Ufficio gare e appalti della Infrastrutture lombarde società per azioni, sono stati arrestati con l'accusa di associazione a delinquere, turbativa d'asta, truffa alla Regione e falso nell'ambito di un'inchiesta coordinato dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo. Altre sei persone sono finite agli arresti domiciliari.

Rognoni, nominato nel 2004 dall'amministrazione guidata da Roberto Formigoni, aveva dato le sue dimissioni il 17 gennaio scorso. La Regione non ha ancora nominato un successore, in attesa che le procedure burocratiche iniziate con l'abbandono dell'ex dg siano completate.

La gestione di Infrastrutture lombarde, un controllata della Regione, nata nel 2003 per la realizzazione di ospedali, scuole, ma anche dello stesso Palazzo Lombardia, era finita nel mirino per una serie di spese definite inopportune.

Commenti

angelomaria

Gio, 20/03/2014 - 19:40

EILVERO CANE ORA RIDE NON C'E'BISOFNO CHE NE FACCIA IL NOME!!!!!!

Raoul Pontalti

Ven, 21/03/2014 - 11:02

Toh! Nella regione dell'eccellenza...sì del magna-magna e del Trota.