Sanitopoli in Abruzzo, l'ex presidente Del Turco ​assolto dal reato associativo

Il collegio ha rideterminato per lui la condanna in 3 anni e 11 mesi per induzione indebita

Ottaviano Del Turco, ex presidente della Regione Abruzzo è stato assolto "perché il fatto non sussiste" dal reato di associazione per delinquere dalla Corte d’Appello di Perugia al termine del processo sulla cosiddetta "Sanitopoli abruzzese". Il collegio ha rideterminato per lui la condanna in 3 anni e 11 mesi per induzione indebita. Con la stessa formula sono stati assolti anche tutti gli altri imputati.

L'ex presidente non era presente in aula al momento della lettura del dispositivo. La condanna residua di Del Turco fa riferimento al solo reato di induzione indebita. Lo scorso dicembre la Cassazione aveva confermato la condanna di Del Turco per questo reato, ma aveva annullato con rinvio la condanna d'appello riguardante l'accusa più pesante, quella di associazione per delinquere.

Ottaviano Del Turco era stato arrestato il 14 luglio del 2008 con l'accusa di concussione, associazione per delinquere, truffa e appropriazione indebita. L’inchiesta faceva riferimento a presunti favori che il presidente della Regione avrebbe concesso a cliniche private facenti capo alla famiglia Angelini. A Del Turco veniva contestata una concussione da oltre 12 milioni di euro. In primo grado l’uomo politico era stato condannato a 9 anni.

Commenti

VittorioMar

Mer, 27/09/2017 - 16:36

...PERO' CHE VELOCITA'!...DOPO SOLO 9 ANNI !!

angelo1951

Mer, 27/09/2017 - 16:38

Chissà perchè non mi meraviglia tale decisione dei "giudici" per un figuro sinistrato.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 27/09/2017 - 16:41

Piu' sei ladro e piu' hai lo sconto...

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 27/09/2017 - 17:09

Reato introdotto dalla legge 190/2012 con l'art.319 quater. I fatti risalgono a 4 anni prima, periodo nel quale non era in vigore la legge 190. Perché hanno applicato la retroattivitá? La costituzione (che essi dicono sia la piú bella del mondo ma che ognuno la tira e la molla come piú gli garba) vieta la retroattivita della legge penale. Pertanto nessuno puó essere processato e condannato per un fatto che all'epoca di commetterlo non era privisto come reato. E' cambiata la costituzione per caso?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 27/09/2017 - 17:10

Ma che bravi questi comunisti ex sindacalisti. Quell iche in piazza gridavano che sono gli altri a rubare. Comunisti questi sono i vostri beniamini che avete votato per decenni. Non una parola?

Ritratto di malatesta

malatesta

Mer, 27/09/2017 - 17:28

2008 2017 :::9 anni!!...siamo in tempo regolamentare.

demetrio_tirinnante

Mer, 27/09/2017 - 19:57

Non ho capito niente.

GUARDACOMEDONDOLI

Mer, 27/09/2017 - 20:17

PROPRIO IN ABBRUZZO CAPITO' QUALCOSA DI SIMILE QUANDO TANGENTOPOLI IN UNA NOTTE SPAZZO' VIA CON GLI ARRESTI LA GIUNTA DELLA REGIONE ABBRUZZO A GUIDA DC DOPO TANTI ANNI ANCHE QUEI CONSEGLIERI ED ASSESSORI HANNO AVUTO UN VERDETTO DI TOTALE ASSOLUZIONE, IL FATTO NON SUSSISTE. PECCATO PERO' CHE, NEL FRATTEMPO, IL GOVERNO REGIONALE ANDO' ALLA SINISTRA E CHE QUEI POLITICI ABBIANO AVUTO LA VITA ROVINATA E LA CARRIERA COMPROMESSA PER SEMPRE. E DOPO L'ASSOLUZIONE NON HANNO PIU' AVUTO LO SCRANNO IN REGIONE. CHE NE DITE ?