Turista italiano in carcere ​per due pastiglie di Xanax

È la disavventura capitata a un turista di Chioggia in Thailandia

In carcere per due pastiglie di Xanax. È la disavventura capitata a un turista di Chioggia in Thailandia. Come racconta il Gazzettino, l'uomo di 50 anni era partito insieme con la sua compagna e una coppia di amici. I quattro non si sono trovati bene nella pensione dove erano alloggiati e avevano così deciso di cambiare alloggio. L'albergatore però non ha gradito e ne sarebbe nata una discussione. Con l'arrivo della polizia thailandese, gli agenti hanno trovato alcune pastiglie di Xanax. Ma se in Italia è un normale tranquillante, ma in Thailandia è considerata una droga. Al turista veneziano è stato detto che rischiava cinque anni di carcere. Tuttavia, pagando duemila euro di cauzione e - a suo dire - alcune "busterelle", è riuscito ad avere un processo che si è concluso con 250 euro di multa. Non prima di aver fatto tre giorni di prigione.

Commenti

franco-a-trier-D

Mer, 10/02/2016 - 10:52

informatevi prima di andare in un paese estero.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 10/02/2016 - 10:59

Perché in Italia la Lorenzini permette il commercio di sostanze sospette? Ora, i tailandesi di droghe se ne intendono ed è facile che abbiano ragioni da vendere.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mer, 10/02/2016 - 11:04

Fosse rimasto a casa nostra o fosse andato in vacanza in un paese civile questo non gli sarebbe successo.

corto lirazza

Mer, 10/02/2016 - 11:18

beh, là stanno nel sicuro...

altanam48

Mer, 10/02/2016 - 11:42

Bene bene. Andate in questi paesi di m.. e non lamentatevi però.

scarface

Mer, 10/02/2016 - 11:45

L'Italia è sicuramente un paese più evoluto, non serve corrompere un poliziotto o un giudice per uscire di galera. Anche nel caso di reati più gravi sei libero entro 24 ore.

telepaco

Mer, 10/02/2016 - 11:52

X Pajasu 75 La Thailandia è un paese civile, a differenza del nostro che incarcera i tabaccai che si difendono e si fa invadere dagli islamici sottomettendosi. Per certe medicine occorrerebbe portarsi dietro la ricetta medica, perchè in alcuni paesi sono considerate droghe. Anche da noi lo Xanax non si vende liberamente. Il tizio probabilmente avrà insultato il gestore e i poliziotti e si sono attaccati a quel pretesto per fargliela pagare. Normale direi

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 10/02/2016 - 11:54

Credeva di essere in itaglia dove tutto è permesso???

cgf

Mer, 10/02/2016 - 11:56

Le bustarelle sono normali in Thai esattamente come lo sono in un civilissimo paese come l'itaGlia.

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 10/02/2016 - 12:29

la non scherzano. qui ti liberano se stupri o rapini figurati se ti beccano con 2 pasticche si mettono a ridere

BlackMen

Mer, 10/02/2016 - 12:54

Pajasu75: se fosse stato zitto ci avrebbe lasciati nel dubbio. Invece ora siamo certi della sia idiozia!

mauro mencaroni

Mer, 10/02/2016 - 13:43

sono sposato con una donna thai da tanti anni frequento quando posso la thailandia , mai avuto problemi di nessun genere anzi sono sempre stato rispettato portando anche io rispetto per loro...la stessa cosa che non ho quando torno in italia .....

Libertà75

Mer, 10/02/2016 - 14:08

@pajasu, per i compagni la thailandia non solo è un paese civile, ma pure un faro sul percorso della libertà di genere

Raoul Pontalti

Mer, 10/02/2016 - 14:48

I bananas e i somari non dovrebbero viaggiare....I farmaci psicotropi sono soggetti a limitazioni sia nell'esportazione che nell'importazione. In caso di necessità del loro trasporto per uso personale oltre alla ricetta medica si deve esibire apposita dichiarazione doganale vidimata dal paese di partenza (l'Italia nel caso). Ineccepibile dunque la sanzione.

Blueray

Mer, 10/02/2016 - 14:50

Se aveva con sé un antidolorifico tipo tachidol (tachipirina + codeina che è un oppiaceo) lo condannavano all'ergastolo? Buffoni!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mer, 10/02/2016 - 14:57

Ragazziiiiiiiiiii solo in ITALIA tutto è permesso. Negli altri Paesi che qualche fallito POLITICO chiama "poco civile" le REGOLE le fanno rispettare!!! Informarsi prima di partire!!

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Mer, 10/02/2016 - 15:38

E gli è andata pure bene. Se l'albergatore avesse corrotto i poliziotti, questi gli avrebbero messo un po' di droga nella valigia e l'ergastolo non glielo levava nessuno.

blackbird

Mer, 10/02/2016 - 16:32

In tutti i Paesi seri, si possono introdurre farmaci "salvavita". Gli psicofarmaci devono essere accompagnati dalla prescrizione del medico scritta, o tradotta, in lingua locale. Introdurre psicofarmaci da "prendere al bisogno" non sempre è consentito. Prima di intraprendere un viaggio è bene informarsi. In Italia lo Xanas è un "normale tranquillante", in Perù il mate a base di foglie di coca è una "bevanda normale". Paese che vai...

Libertà75

Mer, 10/02/2016 - 16:39

@pontalti, cosa centrino i bananas lo sa solo lei in preda alle sue solite isterie... faccia pace col suo cervello e le sue frustrazioni

Giorgio Rubiu

Mer, 10/02/2016 - 16:46

Tre giorni di prigione in Thailandia (così come in Indonesia e Malesia) sono,mi si dice,una pessima esperienza.In quei paesi,per droga ed altri reati,oltre ad anni di galera in condizioni disumane ci sono anche punizioni corporali e la pena di morte.Non si vada a far turismo in quei paesi e,se lo si fa,non portarsi dietro alcuna droga,non importa quanto innocua e legale essa sia in Italia.Informarsi prima di partire. Anche una semplice aspirina può essere considerata droga allo scopo di estorcere bustarelle e multe.

Demetrio.Reale

Mer, 10/02/2016 - 17:38

e chissà quanti turisti occidentali beccano mentre si inchiappettano i bambini, probabilmente neanche uno, sono i paesi "modello" per la sinistra liberal

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 10/02/2016 - 17:38

Se andava a Cercivento, in Friuli, non gli sarebbe successo.

Clericus

Mer, 10/02/2016 - 17:38

Fate girare la notizia, anche fuori dall'Italia. Se questa è la Theilandia, maglio starne alla larga.