Tutte le persone che accompagnano il Papa

Sono circa cento le persone che accompagnano Papa Francesco nel suo viaggio negli Stati Uniti. Il Washington Post rivela chi sono, suddivisi per categorie

Anche se ama la semplicità Papa Francesco quando si sposta per un viaggio internazionale non può fare a meno di un corposo entourage di un centinaio di persone. Per il Washington Post sono sette la categorie di persone che accompagnano il pontefice nel suo viaggio negli Stati Uniti. Prima di tutto ci sono i membri della Casa Pontificia. Ne fanno fra l’altro parte Sandro Mariotti, il valletto chiamato a reggere l’ombrello in caso di pioggia, prende ogni oggetto dato al Papa perché le mani di Francesco siano sempre libere, prepara e disfa le valigie. Ma ci sono anche segretari, il medico di fiducia e "gorgeous George" (il bellissimo George), ovvero il prefetto della casa Pontificia, l’arcivescovo Georg Ganswein, già segretario di Benedetto XVI.

Vi sono poi i maestri delle cerimonie. Guidati da monsignor Guido Marini, si occupano degli eventi liturgici dei viaggi.

La Curia romana comprende gli alti esponenti dei dipartimenti vaticani che vengono toccati dal viaggio. In questo caso il segretario di Stato e i membri dello staff che seguono i rapporti con l’Onu e con gli Stati Uniti.

La squadra per la sicurezza, composta da ufficiali della polizia vaticana e delle guardie svizzere.

I responsabili della comunicazione: dal portavoce padre Lombardi a monsignor Mark Miles, l’interprete del Papa per il viaggio americano, passando per i giornalisti e lo staff della radio e la tv vaticana e dell’Osservatore Romano. C’è anche una squadra che si occupa dei tweet dell’account Pontifex, molti dei quali sono però rimasti a Roma.

Vi sono poi i giornalisti accreditati. Sono in tutto una settantina e viaggiano in aereo con il Papa. Francesco li saluta tutti prima di partire e, dato che viaggia in una normale poltrona di prima, i reporter possono vedere lo zucchetto bianco del pontefice che sporge dalla poltrona durante il viaggio.

Si unisce alla comitiva del Papa anche un dipendente del Vaticano, ogni volta diverso scelto tra gli impiegati laici. Questa volta la scelta è caduta su Valentina Ambrosi, un’artista del mosaico.