Uccide due donne e si dà fuoco: ombra della setta su Alessandria

Un ex poliziotto ha ucciso la moglie, poi ha caricato in auto unaltra donna e l'ha ammazzata. Quindi si è diretto sulla Genova-Ventimiglia dove si è dato fuoco

Nel XIX secolo si affermò nel sud America una religione, nata dagli influssi di cattolicesimo e della tradizionale religione yoruba, che prese il nome di santeria. Una religione che venera anche le divinità afro-americane. In una parola, una setta.

Una setta alla quale, molto probabilmente, come sottolinea il Corriere, appartenteva anche l'ex poliziotto che oggi si è dato fuoco, uccidendo anche un'altra donna, sull'autostrada Genova-Ventimiglia.

Questa notte l'uomo, un pensionato di Alessandria, ha chiamato la polizia dicendo di aver ucciso la compagna. Poi ha imboccato l'autostrada verso Ventimiglia. Ed è qui che la polizia lo ha trovato morto, nell'auto in fiamme, insieme al corpo di un'altra donna.

Quando i poliziotti sono arrivati nell'appartamento di via Pascoli ad Alessandria, dove l'uomo abitava, hanno trovato il corpo senza vita della compagna, probabilmente morta già da alcuni giorni. Sul corpo non ci sarebbero evidenti segni di violenza e sarà l'autopsia a stabilire le cause del decesso.

In un biglietto, come riporta il Corriere, "l’assassino fa riferimento a una sorta di disegno divino, indicato dal fato e alla necessità, sentita come imposta, di doverlo attuare in prima persona, prima che gli eventi stessi si verifichino".