Uccide il ladro. Amen

Aggredito dai rapinatori nella sua osteria, un ristoratore di Lodi spara. Rischia l'omicidio volontario, ma il paese è con lui

Adesso almeno non chiamiamolo sceriffo. L'uomo, un ristoratore del Lodigiano, che l'altra notte ha sparato, dopo una colluttazione, ai ladri (probabilmente una banda di romeni) che erano entrati in casa sua, merita innanzitutto rispetto. Nel buio delle tre del mattino, con i famigliari a dormire, ognuno fa quello che gli viene in mente di fare, in quel preciso istante, per difendere ciò che ha e ciò che è. Non è questione di dire «ha fatto bene» o «ha fatto male». Ha fatto, punto. E siccome sono attimi ingiudicabili a freddo il giorno dopo, mi auguro che la giustizia non giudichi, anche se purtroppo ha già messo sotto indagine l'uomo per omicidio volontario, invece che limitarsi a prendere atto che un ladro è morto in un incidente sul lavoro.

Nell'articolo di ieri parlavo di un Paese, il nostro, con una agenda di priorità sbagliata e quindi con una distribuzione delle (poche) risorse a capocchia. Se le forze di polizia hanno organici e straordinari bloccati o distribuiti con il contagocce, è evidente che la sicurezza dei cittadini non è nella parte alta dell'agenda. Se per evitare l'affollamento dei carceri invece che costruirne di nuovi si depenalizzano i reati cosiddetti minori, per cui ladri e balordi girano a piede libero protetti da una sostanziale immunità di Stato, vuole dire che la sicurezza non è ritenuta una emergenza. E la conseguenza di ciò è quello che è successo l'altra notte nel Lodigiano e che purtroppo succede ogni santa notte, con esiti diversi, in tutte le città italiane. Per verificarlo basta leggere i giornali o i siti di informazione locali: sette notizie su dieci riguardano episodi di criminalità - furti, rapine, aggressioni e scippi - compiuti in maggioranza da immigrati.

Se anche il pacifista e buonista Adriano Celentano, che pure è superprotetto dai muri della sua villa bunker in Brianza, dice di aver paura e che così non si può andare avanti, allora vuole dire che abbiamo toccato il fondo. E tanto per cominciare aboliamo la parola «microcriminalità». Perché una somma di «micro» a casa mia fa un «maxi». E perché quando alle tre del mattino ti trovi in casa uno o più ceffi non ti viene in mente di chiedergli se lui ha intenzioni «micro» o «maxi». Se hai un'arma a portata di mano, magari prima spari e poi ti informi. Le nostre vite e le nostre cose sono sempre in cima alla nostra agenda, qualsiasi sia l'opinione dei magistrati e dei politici.

Commenti
Ritratto di max2006

max2006

Sab, 11/03/2017 - 14:28

più chiaro di cosi...........si muore, no?

manfredog

Sab, 11/03/2017 - 14:34

Amen; amen-oche qualcuno non si svegli dal sonno dell'incoscienza che genera incubi. mg.

manfredog

Sab, 11/03/2017 - 14:36

'Il sonno dell'incoscienza genera sogni che si trasformano in incubi'. mg.

nunavut

Sab, 11/03/2017 - 15:08

Bravo sig. Sallusti ha veramente descritto quello che succede nel nostro Bel Paese,una sola osservazione, non ha rivolto a Celentano la critica,che lui fu,in parte, uno "sponsor" di tale degrado con le sue idee buoniste sparate in TV.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 11/03/2017 - 15:21

Decisamente, direttore. Ben detto.

Augusto9

Sab, 11/03/2017 - 15:31

BRAVO DIRETTORE!!!! PURTROPPO NON SERVIRA' A NULLA FINCHE' NON CAMBIEREMO TUTTI I PAGLIACCI CHE ABBIAMO A ROMA, TROPPO OCCUPATI A STARE INCOLLATI ALLE POLTRONE, A VIAGGIARE SUGLI AEREI DI STATO A SPESE NS. AI MATRIMONI GAY ECC. ECC., TUTTO MENO CHE LA SICUREZZA DEI CITTADINI.

Valvo Vittorio

Sab, 11/03/2017 - 16:10

La criminalità è sempre esistita specialmente nei paesi, dove il senso dello stato è aleatorio e non riconosciuto dalla collettività; in sintesi dove manca la cultura democratica. Le religioni accentuano il distacco fra cittadini democratici e teocrazia religiosa! Pertanto i fuori legge trovano terreno fertile in Italia. In una società cosi strutturata i delinquenti la fanno da padroni. Ai delinquenti è data una sanzione irrilevante e al cittadino che reagisce armato, è inflitta una condanna per aver reagito in maniera spropositata! Contemperare i due casi con la normativa vigente è una pia illusione.

marcel lò

Sab, 11/03/2017 - 16:19

je suis Mariò

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 11/03/2017 - 16:35

l'augurio mio è che a breve ci siano più case di politici e di magistrati vengano visitate da queste brave persone in un attimo la legge sulla difesa personale è fatta e tanto per non farsi mancare niente metteranno anche il coprifuoco come in guerra

tonipier

Sab, 11/03/2017 - 17:06

" IL PROLETARIATO COME MASSA" Non v'è dubbio come gli strati sociali nei quali prevalgono sentimenti indistinti di adesione piatta ed acritica alle metodologie della violenza od ai metodi di turbolenza sopraffattiva debbano genericamente essere comprese nell'ambito della aggregazione massuale, cioè assunti nella categoria concettuale di "massa" che richiama alla mente qualcosa che partecipa più nella materia bruta che dell'uomo vero e proprio o, quanto meno, rappresenta l'umanità grezza e vile.

BENNY1936

Sab, 11/03/2017 - 17:40

E vero, e tutti lo possiamo constatare, che in una scala da 1 a 10 la sicurezza nostra è a -26 (se va bene). E' pure vero che quando la destra fu al Governo non risulta che fece sfracelli per aumentarla questa sicurezza. Se alle prossime votazioni la destra dovesse vincere, ci dovremmo contare per avere SUBITO interventi di rilievo, altrimenti le lamentele odierne saranno come al solito solo strumentali, come di solito fanno le opposizioni. A. Bormida

guido.blarzino

Sab, 11/03/2017 - 17:53

Giustissimo quanto lapalissiano per le persone normali che vivono con il sudore della propria fronte. La politica è sempre più distante dalla sana popolazione italiana. E poi i politici si stupiscono dell'assenteismo al voto o del voto di protesta. Il ns grande problema è sempre rappresentato dallo zoccolo duro dei sinistri che godono di vantaggi dai compagni. Francamente non riesco ad immaginare come uscire da questo incastro.

Reziario

Sab, 11/03/2017 - 17:57

Grande Sallusti. In quei momenti, il tutto si gioca in pochi secondi e: A) Non si può pretendere che l'aggredito verifichi se l'aggressore vuole solo portargli via la macchina o spaccargli la faccia e violentargli la moglie; non c'è tempo per un accertamento così, né è sensato pretendere che lo si faccia (e a quali rischi..). B) Non è tecnicamente possibile avere un poliziotto a fianco 24 ore su 24. Ci sono situazioni e momenti in cui deve essere possibile (e non perseguito in automatico) agire in autosoccorso.

Ritratto di FanteDiPicche

FanteDiPicche

Sab, 11/03/2017 - 18:00

Occorre stabilire il principio che chi compie un crimine (previsto e definito dal codice penale) lo compie a suo rischio e pericolo, e che tutte le conseguenze ne sono a suo carico. Basterebbe questo per evitare che vengano perseguite le vittime e difesi (e perfino risarciti) i delinquenti.

stefano erbonio

Sab, 11/03/2017 - 18:10

Perché le statistiche e il governo ci raccontano un'altra storia?

forbot

Sab, 11/03/2017 - 18:35

7°. Non rubare -

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 11/03/2017 - 19:05

---sallusti come al solito dice delle cose sacrosante mischiate a delle cavolate colossali---ha ragione quando dice che la politica non riesce ad affrontare una volta e per tutte il problema che ormai è diventato una sorta di taboo -quello cioè dell'affollamento delle carceri --e questo vale sia per la destra che per la sinistra---tutta la politica affronta il problema dalla parte sbagliata --ossia alleggerendo le pene e la certezza di esse---ma quando sallusti dice che ora la giustizia non giudichi ma prenda atto della morte di un ladro---questa è una bestemmia in uno stato di diritto---uno straccio di fascicolo per un ragazzo che muore non di morte naturale ma violenta va aperto sempre e comunque--per conoscere le dinamiche--sennò torniamo direttamente nelle caverne---swag

Luciano2071

Sab, 11/03/2017 - 19:05

Ineccepibile articolo, certo , qualche visita a casa di qualche magistrato e politico da parte di qualche risorsa, alle 3 del mattino e conseguente pestaggio, ( purtroppo, spesso non si accontentano della refurtiva) e forse qualcosina cambierebbe , JE SUIS AUNSI MARIÓ!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 11/03/2017 - 19:19

Le sinistre sono sempre state dalla parte prima dei teppisti, poi dei brigatisti, poi degli islamisti e quindi dei massimalisti ladri e filibustieri; i grillini sono alla pari se non ancora più avanti delle sinistre dato che sono maoisti. Shalòm.

mariod6

Sab, 11/03/2017 - 19:24

In Romania vivono bene e tranquilli come non mai. Tutti i criminali, gli zingari, i Rom, gli sfaticati, i violenti, i parassiti, i ladri e gli altri bei soggetti dei Balcani sono qui in Italia. Se poi ci mettiamo anche gli Africani ed i Medio Orientali siamo a posto. E continuiamo ad andarne a prendere sempre di più, oltre a quelli che ci scaricano in casa tutti i partner europei che li vanno a raccattare con le loro navi con i transponder staccati per non farsi seguire.

mariod6

Sab, 11/03/2017 - 19:27

Caro Direttore, che il Paese sia con questo povero uomo è fuori di dubbio, peccato che invece la magistratura gli sia contro e lo abbia già inquisito per omicidio volontario. Sa quanto gli importa a lui del sostegno del paese ???

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Sab, 11/03/2017 - 20:18

Caro Direttore, parole sante, ma vede, fa parte di quell'aggressione psicologica all'Italia (e agli italiani) ovvero il fatto di proteggere il delinquente. Pertanto potremmo dividere l'aggressività umana in due ceppi: quella volta ad offendere e quella volta a difendersi. Se i giudici sostengono quella offensiva (punendo chi si difende) vuol dire che i giudici diventano a loro volta complici della guerra psicologica all'Italia, potendo disporre di un potere illimitato che non ha mai (e dicasi MAI) ricadute sul loro operato.

nunavut

Sab, 11/03/2017 - 20:25

@manasse lo auguro pure io,ma con una differenza essenziale, che siano presenti in casa al momento del furto,non come librandi che disse in Tv. che pure lui fu derubato,ma non era in casa,bella faccia tosta se non sei in casa non sei minacciato,hai subito solo un furto che non é l'ideale ma almeno non sei stato minacciato o aggredito fisicamente.

uberalles

Sab, 11/03/2017 - 20:32

Alleggeriamo le scorte ai nullafacenti della politica (95 %), magistrati e compagnia bella: vedrete che troveremo migliaia di agenti e carabinieri da distribuire in Italia, a tutela di chi le tasse le paga lavorando e rischiando di persona.

Menono Incariola

Sab, 11/03/2017 - 20:34

@tonipier: Complimenti! Un bel commento da tesi in "Scienze Politiche" alla radical-chic tipo Bocc(hi)oni!! Pubblicata sul giornale sbagliato. L' "umanità grezza MA NON VILE" nella qualle mi onoro riconoscermi, proprio perchè NON VILE affronta i problemi CON LA FORZA quando la legge difetta ed anzi INTRALCIA. Si vis pacem, PARA BELLUM. Solo gli imbelli, gli aspiranti martiri e i MASOCHISTI subiscono SENZA REAGIRE e magari godendo!

edo1969

Sab, 11/03/2017 - 20:44

l'affollamento dei carceri è un reale problema, come cuocere gli uovi e farsi male ai diti

kastigamatti

Sab, 11/03/2017 - 21:48

I ladri erano armati con un piede di porco, e una volta entrati in casa, come è usanza tipica dei rumeni, avrebbero massacrato tutta la famiglia, bambini compresi, dopo averli violentati. Cosa avrebbe dovuto fare questo uomo, assistere a un massacro efferato di tutti i suoi cari? Per me è un vero eroe, da premiare con Medaglia al Valor Civile e titolo di Cavaliere della Repubblica, ed è da portare ad Esempio imperituro. Ma il nostro paese "straordinario", il paese dell'incontrario, lo condanna per omicidio colposo, santificando invece il mostro che il nostro Eroe ha provveduto a eliminare...

Una-mattina-mi-...

Sab, 11/03/2017 - 21:53

NESSUNO DI NOI HA MAI DECISO LIBERAMENTE DI DELEGARE LA PROPRIA VITA E INCOLUMITA' AD ASTRATTE E ASTRUSE NORME, MAI VOTATE DAL POPOLO. LA VITA E' NOSTRA, E OGNUNO DI NOI DECIDE PER ESSA, VISTO CHE QUANDO SI PAGA SI PAGA CON LA VITA. CHI NON E' D'ACCORDO LIBERISSIMO DI SUICIDARSI PER UN'IDEA BALZANA.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 11/03/2017 - 21:53

Viviamo nel far west ma temiamo che diventi un far west. Parlano di femminicidi. No, si tratta di inermicidi. Il violento, muscolare e più grosso se la prende con la femmina che non lo vuole più: lei viene molestata e minacciata per mesi e infine, nonostante sia andata dai i carabinieri, viene ammazzata. Se il molestatore supponesse che costei fratello padre madre parenti ed amici possono aver accesso ad un arma mi viene il dubbio che ci penserebbe molto bene, non diventerebbe un assassino e se ne farebbe una ragione. Ma sarebbe un far west....

Ritratto di malatesta

malatesta

Sab, 11/03/2017 - 22:02

Come mi piacerebbe Dott.Sallusti, che i suoi ragionamenti li facesse un magistrato, un magistrato italiano, un uomo delle istituzioni che con il proprio lavoro difende le vittime di reati applicando la legge.Purtroppo devo dire con grande delusione e rabbia, che non e' cosi'.E non so fino a che punto i magistrati siano veramente dalla parte dei cittadini onesti... sono confuso e perplesso, non so cosa dire..

tonixx

Sab, 11/03/2017 - 22:47

Ma facendo cosi', andiamo contro i voleri di George Soros

nunavut

Dom, 12/03/2017 - 00:47

@edo 1969 farsi male ai diti ??????? io scriverei alle dita,gli uovi ma dai!!! sono le uova...Hai fatto per sfottere ???

Ritratto di FRANZ58

FRANZ58

Dom, 12/03/2017 - 07:41

titolo esaustivo e tombale.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 12/03/2017 - 08:27

Protezione della vita e della integrità fisica proprie e dei propri cari: un diritto naturale strettamente connesso a quello di esistere e sopravvivere alle aggressioni di ogni genere, da quelle della natura a quelle delle bestie feroci, a quelle degli uomini. Diritto naturale è anche la tutela delle nostre cose che usiamo per vivere. La nostra percezione del pericolo, del danno incombente, fa parte del naturale istinto di conservazione che muove e salva di continuo il genere umano e altri esseri viventi dalla estinzione, molto più spesso di quanto non crediamo. Negare e impedire, sanzionare l' autotutela quando la sicurezza pubblica non può essere tempestiva è criminale e criminogeno,; nessuno può ergersi a padrone assoluto delle nostre esistenze: né l' aggressore criminale né il repressore che va contro l'ordine naturale delle cose, contro il diritto naturale.

Mannik

Dom, 12/03/2017 - 08:43

Sallusti, si sbaglia di grosso. Con gente in giro che cosparge di benzina e brucia un essere umano per "gelosia", si immagina cosa succederebbe se tutti potessero semplicemente fare ciò che viene loro in mente? Un conto è difendersi, un conto è sparare alle spalle. La differenza era già stata ampiamente discussa in un altro caso simile tempo fa. Lei sta istigando la gente a farsi giustizia da sola. Metta già in conto centinaia di morti per errore e lacrime di coccodrillo.

Lorenzi

Dom, 12/03/2017 - 08:59

Per ragioni di lavoro ho viaggiato dal 1962 al 1973 in lungo e in largo, in macchina, per tutti i Paesi dell' Est, ai tempi della Cortina di Ferro. Criminalità, praticamente, zero. Potevi uscire, tranquillamente, per le strade, anche alle tre di notte e non ti succedeva niente. Trovavi la polizia che ti fermava ogni 200 metri, ma, se eri a posto, non ti succedeva nulla. Oppure negli Stati Uniti: se violi la proprietà privata è sempre ( dico sempre ) legittima difesa ed è compito altrui dimostrare il contrario !

c'eraunavoltal'Uomo

Dom, 12/03/2017 - 09:08

tutti quei giudici che rimettono in libertà i criminali arrestati dalle forze dell'ordine a rischio della loro pelle o addirittura quelli che vengono sorpresi in casa dai cittadini privati non fanno altro che ISTIGARE a commettere ulteriori crimini o costringono le loro vittime ad uccidere per difendersi: se sono onesti ed applicano solo la legge il dovere di processare per primi SE STESSI!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 12/03/2017 - 09:08

EL PIRL, lei è una colossale pirlata vivente.....

Griscenko

Dom, 12/03/2017 - 09:29

In Romania queste cose non succedono. Per i Rumeni essere civili significa, in primis, garantire il quieto vivere della comunità. Per gli italiani essere civili significa garantire i diritti umani individuali. Cerchiamo di garantire diritti a tutti (onesti, ladri, farabutti, perditempo, truffatori) e non garantiamo alcun diritto alla comunità sociale. Per questo motivo i criminali dell'Est europeo vengono a delinquere in Italia. Sanno che le comunità non sono protette. Loro, invece, lo sono.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 12/03/2017 - 10:18

GRISENKO, ma lei ha mai visto italiani che vanno in romania con il preciso proposito di nuocere al prossimo in maniera costante? di condurre alla prostituzione con violenza le donne? no. non direi. i rumeni in italia fanno principalmente 3 cose: rubano, violentano e diffondono prostituzione! certo, ciò non significa che tutti sono uguali: ma una grossa maggioranza certamente....

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 12/03/2017 - 10:37

Tra clandestini e rapinatori c'è una democratica e chiara connessione. I clandestini vengono attirati dalla falsa benevolenza degli schiavisti democratici, ansiosi di stiparli nelle loro cantine fatiscenti, nei garage, nella case dismesse, incaricarli di lavori domestici, pagarli in nero e un terzo. I ladri e rapinatori vengono perché sanno che troveranno dei giudici altrettanto democratici che non li metteranno mai in galera. Galera che nei loro paesi sconterebbero a vita. Democratici, caritatevoli e misericordiosi sono sempre stati la rovina di ogni convivenza. E la cuccagna dei malfattori.

Griscenko

Dom, 12/03/2017 - 11:07

mortimermouse. I politici ed i magistrati rumeni difendono la società infischiandosene dei diritti umani dei singoli. Hai commesso un reato? Fai in culo e marcisci in galera. I politici ed i magistrati italiani tutelano i diritti umani dei singoli e se ne infischiano della comunità. Hai commesso un reato? Bisogna considerare questo e quello, bisogna affrontare il problema con umanità ecc..Del degrado sociale se ne infischiano. I cittadini italiani e rumeni sono esseri umani che si adattano all'ambiente. I rumeni delinquono (in italia) con rapine, con giri di prostitute ecc.. Noi delinquiamo (in Italia) con truffe, raggiri, mafie e quant'altro. Né italiani, né Rumeni delinquono in Romania dove te la fanno pagare.

Reziario

Dom, 12/03/2017 - 11:47

@Elkid e @Mannik: non è un "ragazzo che muore", ma un delinquente che sta violentando casa mia e mettendomi in pericolo. Questo dovrebbe bastare: Non c'è nulla da accertare. Non è normale che chi si difende finisca sempre e comunque in torture giudiziarie. Mannik poi mette insieme fatti diversi non paragonabili. Lei sa se il ladro era di spalle perchè stava fuggendo o perchè stava ritentando un'aggressione (ricaricare, in termini tecnici)? In ogni caso: chissenefrega: una rapina non è un duello rusticano. L'assurdo è questo pretendere che chi delinque abbia gli stessi diritti dell'aggredito. Basta, non ha senso.

edo1969

Dom, 12/03/2017 - 11:52

nunavut ha ragione caspita... ma che diavolo ho scritto? ma sa com'è, a forza di leggere articoli di sallusti la grammatica diventa un optional. Ora mi leggerò un bell'articolo di fabrizio boschi, l'alighieri di fucecchio, per sciacquare i panni in arno

nopolcorrect

Dom, 12/03/2017 - 11:53

Tutta l'Italia dei Patrioti Italiani è con lui. Contro di lui la sinistra, catto-comunista, anti-italiana e terzomondista.

Reziario

Dom, 12/03/2017 - 11:57

@Mannik, le “centinaia di morti per errore” di cui parla, -ammesso che ci siano- sarebbero comunque venti volte di meno delle migliaia di rapine/stupri etc attuali. In America ogni giorno grazie a civili legalmente armati vengono sventati 2000 reati al giorno. Nei paesi dove si consente ai civili di portare armi legali, si ottengono decrementi dei reati a due cifre. Nei paesi dove le armi legali sono totalmente vietati, il crimine dilaga (vedi Honduras, ad es). Si legga lo studio “Progetto Fire” della Cattolica di Milano e non si faccia indottrinare dal PD.

pasquinomaicontento

Dom, 12/03/2017 - 13:03

Le carceri sono piene? Apriamo er vecchio confino...come ar tempo de mascella volitiva.10 lire ar giorno e te le dovevi fà abbastà.E se provavi a annattene c'era er mitico Portolongone pronto ad apritte le braccia e se nun filavi liscio :un par de mesi de cella a pane e acqua e se rosicavi... mbè, che te lo dico affà,erano "cazzetti d'angelo"(1)tui...'na piallata ai pedicelli, giusto pe fatte aritornà a più miti consigli e s'arivedemo fra due mesi. (1)nun è 'na parolaccia, ma semplicemente 'na pastina piccola da fà in brodo,la mejo è la Voiello...

storico53@yahho.it

Dom, 12/03/2017 - 13:18

Semplice non è eccesso di difesa ma prestazione di soccorso ai famigliari, se non sparava a persone pericolose per altre persone era omissione di soccorso, CHIARO !! Senza perdersi in considerazioni etiche di parte.

Orion65

Dom, 12/03/2017 - 13:20

Grande Direttore ! Complimenti ! Lei, come al solito, senza troppi "giri di parole" riesce ad andare al nocciolo delle questioni ! La sua è una delle poche voci che continuano a rappresentare il buon senso e la razionalità, purtroppo... Bravo, comunque ! Davvero !

squalotigre

Dom, 12/03/2017 - 13:36

Mannik - cosa ha fumato? Cosa c'entra il rogo del povero senzatetto con la difesa sacrosanta, con qualsiasi mezzo, di chi si vede piombare in casa, la notte dei farabutti che mettono a repentaglio non solo la propria vita ed i propri beni, conquistati con il sudore, ma l'incolumità dei propri congiunti? Chi si trova in simili situazioni' non pensa lontanamente di fare giustizia, non gliene importa una fava. Nessuno vuol fare quello che vuole perché nessuno si mette a sparare per il gusto di farlo a meno che non sia un terrorista o un pazzo. La difesa personale è SEMPRE

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 12/03/2017 - 13:58

@elkid: l'uomo non e MAI uscito dalle caverne. La Storia dell'uomo ci insegna che abbiamo solo imparato ad usare 'belle' (e furbe) parole!

Ritratto di Borg52

Borg52

Dom, 12/03/2017 - 14:27

Ho partecipato a vari corsi di Difesa Personale. Mi hanno insegnato due regole basi: 1)Se puoi evita il combattimento, cambia strada, chiedi scusa. 2)Se non puoi evitare perchè hai già il ladro in casa, sei in un vicolo cieco,hanno già messo le mani sulla tua ragazza: reagisci immediatamente con il massimo delle tue risorse, non sai mai chi hai di fronte.

riccioliscio

Dom, 12/03/2017 - 14:32

Ma come era vestito il delinquente entrato in casa tua? sembrava minaccioso? quanto pesava, era più grosso di te? ti voleva colpire con un pugno, un coltello, era armato, ti aveva minacciato? ha tentato di violentare uno dei tuoi cari? aveva fatto un passo avanti, indietro, laterale? Queste sono le domande che affollano la mente dei nostri buonisti che chiamano con la parola "Assassino" chi è stato violentato nella sua intimità. La discriminante deve essere una sola: trattasi di ladro che sta tentando di entrare dentro casa e c'è il tempo per chiamare la polizia? OK! Stanno dentro casa e non c'è la possibilità di chiamare le forze dell'ordine? e allora si chiama il becchino.

Ritratto di combirio

combirio

Dom, 12/03/2017 - 15:08

L'idea che si porti a privilegiare il buonismo dalla sinistra e dalla Chiesa che poi di fatto il criminale è la figura da difendere rispetto a chi subisce mi fanno elaborare la teoria del “ Casino” cioè più c'è ne meglio è! Questo perché? Ma per il delinquente che sta più in alto loco! Può destreggiarsi meglio nei suoi affari e rubare di più! Stesso discorso per l' immigrazione! Le parole Democratico, classe operaia, deboli da tutelare, onlus, sono solo parole vuote dette da loro, per dare alle menti deboli che li sostengono motivi in più di confusione.

Dordolio

Dom, 12/03/2017 - 16:00

Un mio vecchio amico ha avviato un'attività commerciale in Albania. Gli ho chiesto se fosse impazzito. Mi ha raccontato di aver dimenticato un giorno il portafogli sul banco di un bar. Ed è stato inseguito da un cameriere che non solo glielo ha restituito, ma ha preteso che controllasse che dentro ci fosse ancora tutto. Mi ha poi spiegato che l'Albania è diventato un Paese assolutamente tranquillo, da quando tutti i malviventi sono venuti qui da noi.

Cheyenne

Dom, 12/03/2017 - 16:08

PERFETTAMENTE D'ACCORDO MAGISTRATI E GOVERNO PROTEGGONO I CRIMINALI. SI DOVREBBE APPROVARE UNA LEGGE CON UN SOLO ARTICOLO: SE QUALCUNO SI INTRODUCE DENTRO UNA PROPRIETA' SENZA IL PERMESSO DEL PROPRIETARIO QUEST'ULTIMO HA IL DIRITTO DI SPARARGLI. E FINIAMOLA CON IL BUONISMO E TOGLIAMO I CC DALLA VILLA DI CELENTAN0

bac42

Dom, 12/03/2017 - 16:31

elkid,usiamo una frase tanto cara ai tuo "kompari" di partito:colpirne uno per educarne cento. Mi pare che dovresti accettarla,come avrai fatto al tempo delle BR.

Ritratto di ateius

ateius

Dom, 12/03/2017 - 16:32

C’è un aspetto che viene trascurato.. e non è da poco.- siamo nelle nostre città invasi da stranieri le nostre strade piazze.. luoghi di ritrovo vedono orde di nullafacenti provenienti da altri paesi che bivaccano a nostre Spese.. il nostro Paese è privo di propri confini..- poi gli stessi ce li ritroviamo di notte nelle camere da letto.. nelle cucine ad arraffare i nostri averi.- non sono ladri di polli quelli.. sono la mano lunga di una invasione che si insinua fin nelle nostre case mettendo a rischio la nostra intimità e Vita familiare.- i Discorsi BUONISTI non servono.. è l’equilibrio psichico di una intera popolazione (la nostra) che è messa a dura prova da questa realtà. un paese una città.. una casa senza più Confini a protezione…scatena reazione prevedibili LEGITTIME e Inevitabili.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 12/03/2017 - 16:43

povero EL PIRL..... uno che si crede intelligente viene qui per farsi insultare e manco se ne accorge, non mi sembra una mossa da furbissimo :-)

t.francesco

Dom, 12/03/2017 - 16:49

E' ORA DI FINIRLA CON "NESSUNO TOCCHI CAINO" !!!! AD ABELE CHI CI PENSA??????????

giovanni951

Dom, 12/03/2017 - 18:44

un articolo perfetto. Purtroppo per molti é incomprensibile.

Ritratto di orcocan

orcocan

Dom, 12/03/2017 - 19:08

Nessuno si è mai trovato un ladro in casa? Io si, in camera mia. Avevo sottomano una mazza da baseball non per difesa, ma come un vecchio ricordo e quello è riuscito a scappare. Se l'avessi raggiunto gli avrei dato un paio di bastonate. Pochi si chiedono come reagisce il sistema nervoso in simili frangenti. L'adrenalina sale alle stelle e non è possibile comportarsi con calma. Prevale l'istinto primordiale.

levy

Dom, 12/03/2017 - 20:03

Quando un delinquente si introduce in casa tua è responsabile di ciò che la sua azione può causare, anche se la sua intenzione era quella di rubare una caramella. La difesa è un diritto innato in noi che lo stato deve garantire e proteggere, non concedere.

levy

Dom, 12/03/2017 - 20:07

Quando ti trovi faccia a faccia nottetempo in casa tua con certi delinquenti che si avvicinano a tuo figlio/a,ti garantisco che vorresti avere un arma ed essere capace di usarla, provare per credere.

levy

Dom, 12/03/2017 - 20:11

Bravo Sallusti, meno male che c'è ancora qualcuno come Lei con quella cosa in via di estinzione che si chiama "buon senso".

levy

Dom, 12/03/2017 - 20:20

Togliete la scorta"armata" ai politici e poi invitiamoli a passeggiare per le strade e discutere su questo tema. Gli agenti che proteggono i politici sono armati e non succede il "far west" perchè la deterrenza agisce e protegge, stesso discorso dovrebbe valere per i cittadini onesti.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Dom, 12/03/2017 - 20:39

Ho lvorrato una vita, ho sgobbato sodo, non ho mai rubato, ho condotto una vita nel rispetto del mio prossimo. Se venisse un regime Autoritario ne sarei contento perché non avrei nulla da temerre. U reime autoritario capace di esercitare la forza contro chi vive i malaffare, furti sturpi, rapine ,assassinii ecc.ecc.! Magari ci fosse!

Ritratto di michageo

michageo

Dom, 12/03/2017 - 20:44

AVVERTENZA ......se sparate, fate che siano almeno 2 colpi, uno per l'avvertimento (per aria..) ed uno per "conferma": l'ordine cronologico ..... ha un'importanza relativa (vedete voi..), importante che siano almeno 2.....

porcorosso

Dom, 12/03/2017 - 22:49

Purtroppo i responsabili chiamati in causa domattina riusciranno a guardarsi allo specchio senza sputarvici contro. Signor Direttore, provo solo disgusto. Cordialità.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 13/03/2017 - 01:00

------mortimermouse----io scrivo commenti on board tanto per swaggare o dabbare giusto durante la pausa ganja---mentre vedo che per te commentare qui è una cosa importante e te la prendi parecchio----sii più lieve sennò ti prende l'infartino---hasta

Mannik

Lun, 13/03/2017 - 07:45

Squalotigre - Non fumo. La difesa personale NON è sempre legittima, quantomeno non nei suoi effetti. Mai sentito parlare del concetto giuridico dell'eccesso di difesa? Il clochard c'entra perché è un esempio di cosa le persone sono capaci di fare anche per futili motivi se pensano di essere protette dalla legge.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Lun, 13/03/2017 - 09:08

Viviamo in un mondo migliore.Non di molto rispetto a prima ma migliore.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Lun, 13/03/2017 - 09:23

Griscenko Dom, 12/03/2017 - 11:07 Quando parli con un rumeno delle loro carceri gli vengono i capelli dritti...La dentro la pena è certa e sicura al contrario nostro.Ma con un particolare NON trascurabile:La dentro sono ancora in vigore le leggi di Ceausescu.Pitesti ti dice nulla?

BRAMBOREF

Lun, 13/03/2017 - 10:35

GIGI88 Non sono un grande estimatore del Dr. Sallusti ma in questo caso sono totalmente d'accordo su quanto ha scritto.

napolitame

Lun, 13/03/2017 - 10:38

Il buon Silvio aveva i numeri e l'occasione per fare una legge SERIA sulla legittima difesa; non l'ha fatto. Me ne sono ricordato e me ne ricordero'. E mi ricordero' dei suoi alleati.

Ritratto di scidecom

scidecom

Lun, 13/03/2017 - 10:50

La legge è di certo da cambiare bisogna farne una che tenga conto di chi è la vittima e del luogo e delle circostanze, anche psicologiche di un trauma simile (intrusione nel domicilio/luogo di lavoro), paura, shock, panico, condizioni personali alterate e soprattutto inferiorità dell'aggredito (effetto sorpresa, amici parenti e familiari, minori magari, in casa al momento, ecc.). Non ci sarà mai proporzione, è sempre l'aggressore che sbaglia. Inviterei alcuni (come la impreparatissima Costamagna), a rileggersi l'articolo sulla legittima difesa . C’è presunzione della proporzionalità se si tratta di domicilio e luogo di lavoro, si parla di attualità del pericolo e non desistenza (dell'aggressore), per l'uso legittimo tra l’altro anche di armi legalmente detenute. Per tutelare se stessi o altri presenti . L'art. contempla condizioni, per l'uso anche di un'arma legittimamente detenuta, a prescindere, ma presenti certe condizioni.

Ritratto di scidecom

scidecom

Lun, 13/03/2017 - 10:51

Pare ci sia stata colluttazione (=non desistenza) dentro il ristorante (luogo di attività commerciale...), o anche nel cortile? Pertinenza dell'abitazione. Non c'è stata desistenza, c'è stato un corpo a corpo di 4 a 1 (più anziano, boh secondo me c'è più che sproporzione a svantaggio della vittima che si è difesa, non vi pare?). Colpo alle spalle? Si può dire che l'oste abbia deliberatamente inseguito i ladri mentre scappavano? Il ladro è stato abbattuto che so a 20 metri, magari in aperta campagna (fuori dai muri della proprietà...)? Allora sì parlate pure di far west, sceriffo e giustizia fai da te. Il bottino? Ma dopo, dopo, son tutti bravi. La proprietà privata e i tuoi beni sono un valore, non sono di certo stati rubati dalla vittima dell'aggressione, la sottrazione rappresenta una perdita economica e quindi anche la rovina della tua esistenza. In base al l'art., la difesa dei beni è ammessa se ricorrono circostanze attuali di pericolo di vita per sé o altri.

Mannik

Lun, 13/03/2017 - 12:43

Reziario, è veramente sicuro di aver compreso tutto il discorso? La giustizia fatta in casa non ha mai portato nulla di buono in nessuna parte del mondo. Negli USA verranno anche sventate rapine perché la gente è armata, ma ci sono purtroppo troppe morti assurde, proprio perché la gente è armata. Chi le dice che ciò non accadrebbe anche in Italia grazie agli assetati di sangue come il direttore che dalla sua scrivania istiga alla giustizia da far west.

Ritratto di MLF

MLF

Lun, 13/03/2017 - 12:43

Grande Sallusti, GRANDE!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 13/03/2017 - 13:22

Ehi Sallusti... quell'AMEN al termine è "proprietà intellettuale" di Hernando45. Ti farà causa.

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Lun, 13/03/2017 - 14:06

Il fratello del morto si è presentato con l'avvocato. Evidentemente ha subodorato la possibilità di un sostanzioso risarcimento. Spero il il fratello affranto sia stato interrogato per sapere con chi si frequentava il fratello, se egli stesso abbia partecipato ad azioni simili, in base alle impronte digitali. Da un po' di tempo noto un comportamento "fluido" delle forze di polizia verso gli stranieri clandestini e/o delinquenti, mentre al contempo noto un rigore spasmodico nell'inquisire in vario modo le vittime italiane. Sarà un segno del degradato senso della giustizia. Veritas in facta est. amen

Pinozzo

Lun, 13/03/2017 - 14:45

Sallusti, si informi, la notifica di indagine per omicidio volontario e' un atto dovuto per svolgere le (sacrosante) indagini quando c'e' un morto ammazzato. Se le cose si sono svolte come ha descritto il ristoratore verra' assolto con formula piena. Per quanto riguarda le carceri sovraffollate, il suo adorato silvio invece di costruire nuove carceri le ha riempite di ragazzini che vendono marijuana (che andrebbe legalizzata), che mossa intelligente. Ovvio che poi ogni tot anni ci scappa l'indulto (un'indecenza, votata da dx e da sx). Reziario ci vada lei a vivere in un paese in cui i bambini per sbaglio si sparano tra di loro perche' trovano un revolver nel cassetto di papa'. Reziario la smetta di scrivere sciocchezze, negli USA ci sono piu' di 30K morti all'anno per arma da fuoco, di cui oltre 600 per incidenti, cioe' quasi due al giorno. Fatte le dovute proporzioni in italia ne avremmo cento all'anno, dio ce ne scampi.

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 13/03/2017 - 15:12

Ma soprattutto, la nostra casa non può stare nella parte alta dell'agenda dello Stato quando si tratta di tassarla sotto ogni profilo e poi, di botto, scivolare nella parte bassa dell'agenda quando questa dev'essere difesa. Dove per casa non intendo solo l'edificio...

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 13/03/2017 - 15:27

Pinozzo, fino a quando lo zingaro/clandestino non entrerà in casa tua a farsi i suoi porci comodi... allora vedrai come cambierà la solfa. Farai come Celentano... prima venite venite e tutele per tutti, poi quando il culo in gioco è stato il suo allora è passato al "bisogna prendere provvedimenti". Tutti uguali siete... tutti... proprio tutti. Quando crepano gli altri filosofeggiate, poi quando il disagio da voi stessi creato si affaccia sulle vostre chiappe dorate, allora invocate la pena di morte per i colpevoli. La pulizia, perdonateci se potete ma anche no, bisogna incominciarla proprio da voi.