Uccise il compagno della madre, ma se finirà la scuola eviterà il processo

La decisione del tribunale per i minori di Genova: un 15enne accusato di aver ucciso il compagno della madre potrebbe evitare il processo

Uccise il compagno della madre a coltellate ma se riuscirà a terminare con successo gli studi superiori potrebbe evitare il processo. La storia, riportata dal Secolo XIX, arriva dalla provincia di La Spezia.

Dove nell'estate del 2015 un ragazzo di 15 anni si accanì a coltellate contro il convivente della madre, un idraulico di 44 anni spezzino. L'uomo, poco prima di esser ucciso, aveva aggredito il ragazzino con un pugno al viso e una testata. Poco prima, ubriaco, aveva rischiato di investirlo con la propria auto.

Tre anni dopo la Procura ha chiesto l'imputazione per omicidio volontario ma il tribunale per i minori di Genova, competente per il territorio, ha invece sospeso l'udienza preliminare, preferendo accogliere la richiesta di messa in prova. Se il quindicenne seguirà con successo il percorso di studi e un altro percorso di recupero e reinserimento, potrebbe evitare il processo.

Nel 2021 i giudici stabiliranno se il reato andrà considerato estinto oppure se il giovane dovrà essere rinviato a giudizio e affrontare un processo vero e proprio.

Commenti

agosvac

Mer, 07/02/2018 - 13:40

Il titolo dell'articolo è fuorviante. Leggendo l'articolo ci potrebbe essere nient'altro che la legittima difesa.

Libertà75

Mer, 07/02/2018 - 13:43

l'alcolismo è una disgrazia, miete tantissimo dolore nelle famiglie.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 07/02/2018 - 15:59

guarda quanti avvocati difensori, quando si tratta di un patano!

sparviero51

Mer, 07/02/2018 - 18:55

SPERIAMO CHE NEL 2021 NON ABBIANO SMARRITO LA CARTE DEL PROCESSO ALTRIMENTI POVERO RAGAZZO !!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 07/02/2018 - 22:57

Questa non l'avevo mai sentita. A me pare che la Costituzione venga letta al contrario e ribaltata più volte. Non mi pare di aver letto una cosa del genere.