Udine, la destra organizza campo profughi per italiani

L'organizzatore del campo, Stefano Salmé: "Vogliamo che questi italiani siano aiutati nello stesso modo in cui vengono aiutati gli immigrati e i richiedenti asilo"

Nel comune di Pavia di Udine, non distante da Villa Lovaria, lo storico edificio del XVII secolo dove il comune, tra le polemiche, aveva avanzato qualche tempo fa la proposta di ospitare alcune decine di immigrati, è sorto stamattina il secondo campo profughi per italiani. Una ventina di attivisti, infatti, all’alba hanno montato le tende in uno spazio verde sulla statale Udine-Grado, dove a partire da oggi alloggeranno alcuni senzatetto friulani. "Abbiamo scelto Pavia di Udine proprio per sottolineare la disparità di trattamento che questo Stato riserva agli immigrati rispetto ai suoi cittadini: per i rifugiati una villa aristocratica, e per gli italiani i giardini pubblici di Udine e Gorizia", spiega Stefano Salmé, presidente del Movimento Sociale Fiamma Nazionale e promotore dell’iniziativa. "È un’iniziativa che è stata organizzata dal mio movimento in collaborazione con Forza Nuova e Nessuno Tocchi il mio Popolo, e con le associazioni Solidarietà Nazionale e Pronto Soccorso Nazionale, sul modello del campo che da più di venti giorni va avanti a Roma, a via del Casale di San Nicola". Lo spazio dove sono state sistemate le tende del secondo campo profughi per i ‘rifugiati di casa nostra’ lo ha messo a disposizione un ristoratore del posto, che oggi si è pure occupato di cucinare per loro.

"In questo momento al campo ci sono quattro senzatetto italiani, di età compresa tra i 40 e i 60 anni, due di Udine e due di Gorizia: gente che ha perso il lavoro e che non ce la fa ad arrivare a fine mese" racconta Salmé, "in tutto sarebbero dovuti essere sei, ma due persone alla fine hanno deciso, per timidezza, di non venire. Credo però che già da domani, superato lo scoglio del primo impatto, potrebbero farsi coraggio e unirsi anche loro. Noi ovviamente li aspettiamo perché possano testimoniare anche le loro storie. Delle storie che, purtroppo va detto, anche noi finora abbiamo fatto finta di non vedere".

Come per esempio quella di Loris B., 44 anni, che da anni ormai vive in una tenda al Parco del Cormor di Udine assieme al suo gatto. Il gatto dopo un po’ gliel’hanno tolto gli animalisti dell’Enpa, perché secondo loro non era giusto che vivesse in quelle condizioni. Delle condizioni in cui viveva Loris, però, finora, non si è preoccupato nessuno. Anche Giorgio, 48 anni, vive al Cormor da quando ha perso il lavoro. Abita nella tenda accanto a quella di Loris: "Ci facciamo forza l’uno con l’altro", dicono. Loris per lo Stato italiano non ha diritto a nessun tipo di assistenza sanitaria perché il comune, per il fatto che non possiede un domicilio fisso, non gli rilascia i documenti. "Questa è una protesta ad oltranza", spiega Salmé, "e l’obiettivo è quello di ottenere un tavolo permanente con il Prefetto e con il Presidente della Provincia di Udine, nel quale verrà chiesto alle istituzioni che a questi italiani in difficoltà siano garantite le stesse condizioni di trattamento e gli stessi aiuti che sono garantiti agli immigrati e ai richiedenti asilo". Salmé spiega che l’iniziativa è collegata con quella di Roma: "Le nostre città sono invase dagli immigrati e ridotte in condizioni di degrado, mentre i nostri cittadini muoiono di fame. Crediamo che quella di Nessuno Tocchi il mio Popolo a Roma sia un’iniziativa coraggiosa dal punto di vista civico e sacrosanta considerando la società in cui viviamo. Una società che ci riempie di buonismo quando si parla di persone in difficoltà che arrivano da fuori ma che chiude gli occhi di fronte alle tragedie di casa nostra".

Gli organizzatori raccontano che da stamattina molti cittadini sono passati al campo spontaneamente per testimoniare la propria solidarietà. Qualcuno ha portato una bottiglia di vino, qualcun altro solo una parola di conforto. Alcuni si fermano per firmare la petizione al Prefetto. Di fronte a queste scene il pensiero non può non andare alle immagini degli ultimi giorni: quelle delle principali città italiane trasformate in centri di accoglienza a cielo aperto. E ad Udine la situazione sembra non essere diversa, anzi, "è davvero un disastro", ci dice Salmé. "Ci sono profughi che stazionano in molte zone del centro e anche qui si sono registrati casi di scabbia". "Da quando è stata parzialmente bloccata l’entrata di Tarvisio adesso passano anche attraverso la Slovenia", prosegue, "un Paese dove è presente una numerosa comunità musulmana che fornisce loro gli appoggi logistici per entrare in Italia". "La situazione in Friuli, inoltre" prosegue l’organizzatore del campo, "dimostra che le affermazioni di Alfano e di Renzi su Schengen sono delle colossali menzogne: la maggior parte dei profughi infatti arriva da noi dalle frontiere comuni con l’Austria e Slovenia dopo essere entrati in Europa dall’Ungheria, seguendo la rotta balcanica". La porta per entrare in Italia, infatti, ormai è chiaro, non è solo quella del Mediterraneo centrale. Centinaia di profughi e clandestini dal Pakistan, dall’Afghanistan, dalla Siria, dall’Iraq entrano in Europa anche dalle foreste al confine tra la Serbia e l’Ungheria, senza nessun tipo di controllo. La destinazione per molti di loro è l’Italia. L’Italia di Loris, senza una casa e senza un lavoro, che si prepara alla prima di una serie di notti in tenda.
Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 13/06/2015 - 17:42

Vuoi vedere che il francesco non spenderà una parola per gli italiani che hanno bisogno di aiuto??????

Massimo Bocci

Sab, 13/06/2015 - 17:51

Un campo profughi per Italiani, sicuramente sarà tutto esaurito.

timoty martin

Sab, 13/06/2015 - 17:53

Meno male che a Udine qualcuno ci pensa perchè, per l'attuale governo, gli Italiani non vengono nemmeno considerati. Tutto gratis per chi non ha mai lavorato ne pagato le tasse.

altair1956

Sab, 13/06/2015 - 17:54

Giusto, ci sono anche gli Italiani che soffrono, non solo gli extra.

Anonimo (non verificato)

Pisslam

Sab, 13/06/2015 - 18:05

immagino che siccome qui non ci vanno telecamere e giornalisti vari non si faranno vedere le sedicenti organizzazioni umanitarie. Quelle che sono sempre in prima fila quando ci sono i telegiornali e i ci sono da arraffare i soldi per la "solidarietà"

Anonimo (non verificato)

Ritratto di woman

woman

Sab, 13/06/2015 - 18:26

Eppure anche in Friuli la maggioranza dei cittadini ha votato per il PD (cioè per il partito che ha creato questo disastro dell'invasione dei clandestini) ... se la gente non si sveglia, andremo sempre peggio.

Dordolio

Sab, 13/06/2015 - 18:39

Mi piace la raffinata menata del comune che non rilascia documenti all'italiano che "non ha domicilio fisso". Qui da me ce ne sono a pacchi che eleggono come domicilio l'Asilo Notturno. E i nomadi? Si è dato il caso di "domicili" risultati assolutamente inesistenti. Cioè fittizi. Propriamente "luoghi che non esistevano proprio".

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Sab, 13/06/2015 - 19:28

Non appena avranno un minimo di attrezzature, vedrete che questi campi profughi per italiani saranno presi d'assalto dagli immigrati portati da autobus. Non ci sarà scampo.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 13/06/2015 - 20:46

E chi li ospita a questi. I leghisti nelle loro case?

Ritratto di inserraglio

inserraglio

Sab, 13/06/2015 - 22:09

Woman,non è così, ossia il centro destra ha avuto la maggioranza dei voti ma si era presentato separato e l'ha preso nel c....

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Sab, 13/06/2015 - 22:14

Lodevole iniziativa della destra. Peccato che la Lega Nord, che a livello nazionale, con Salvini, fa della priorità dei diritti degli italiani un baluardo della sua attività politica qui a Udine si sia ancora una volta fatta scavalcare dalla destra. Purtroppo i politici locali della Lega manifestano ancora una volta tutta la loro limitatezza. E questo spiega perché, in Friuli, la Lega sia al 6% mentre nel contiguo Veneto supera il 30%. Dimenticavo: consentendo ad una romana, la Serracchiani, di insediarsi come podestà del Friuli...Ti prego Salvini: manda a casa gli incapaci, salva il Friuli!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 14/06/2015 - 00:01

Eccolo qui dove si era "nascosto" oggi Luigipiso per non farsi trovare!!! LUIGINOPISOOOO anche stavolta ti sei meritato il TUO TAPIRONE!!!lol lol. Se non postavi la stupidata che hai postato era meglio. Cosa vuol dire "e chi li ospita a questi,i Leghisti nelle loro case"??? I leghisti semmai hanno allestito un campo atrezzato dove questi poveracci Italiani dei quali i tuoi amati Renzi, Vendola, Boldrini ed il PAPA SE NE FREGANO!!!!! COSTRUISCI I PONTI come ti ha ordinato oggi FRANCESCO!!!lol lol Stammi bene li in COCOMERLANDIA dal Leghista Monzese

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 14/06/2015 - 00:19

Bisognerebbe chiedere l'immediata espulsione dall'ENPA di quegli animalisti che hanno tolto il gatto al signor Loris B. SECONDO QUEGLI IMBECILLOIDI I GATTI VIVREBBERO MALE ALL'APERTO IN UNA TENDA? Ma si può essere più stolti di così?

Italianoinpanama

Dom, 14/06/2015 - 01:34

povera itaglia che tristezza

Ritratto di BRACCOstufo

BRACCOstufo

Dom, 14/06/2015 - 01:59

APPENA RIENTRO IN ITALIA FARO' VISITA AL CAMPO PORTANDO LA MIA SOLIDARIETA' A LORIS E COMPAGNI PER LE MIE POSSIBILITA'. SOLIDARIETA' VERA... NON A PAROLE. SENZA FASCE TRICOLORI ADDOSSO!!

vince50_19

Dom, 14/06/2015 - 08:06

luigipiso - A parte l'ortografia che lascia molto a desiderare (chi li ospita "a" questi), lo sai per lo meno quale partito governa in Friuli? Lo sai chi ha fatto tagli pesanti al sociale e alla sanità in Fvg? A che pro l'intervento sui leghisti: il campo creato per questa esigenza a che serve? Lo sai che le frontiere friulane sono sguarnite ed è tutto merito del duo citato nell'articolo? E proteggere le nostre frontiere come fanno i francesi, no? Ma vai a mettere la testa sotto una doccia fredda: ne hai forte bisogno.

vale.1958

Dom, 14/06/2015 - 08:15

Salvini non puo' farci nulla se gli ignoranti abitanti del Friuli hanno votato la nullita' Serrachiani...ognuno ha quello che si merita!!Tra l altro questa e' sempre a Roma qunado caxxo lavora per il Friuli????

Italiota_Medio

Dom, 14/06/2015 - 08:16

E pensare che il Friuli e' una delle regioni piu' ricche d'italia. Serracchiani dove sei? questi non sono degni di attenzione? ma non eravate il partito del popolo ? Siete buoni solo a riempirvi la bocca di parole e di scelte scellerate sull'immigrazione. VERGOGNA

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 14/06/2015 - 08:24

Luigipiso sai leggere o sei razzista.Già tu sei uomo della terra.