È ufficiale: Starbucks apre in Italia

Il primo negozio sarà a Milano agli inizi del 2017

Questa volta è vero: dopo molte voci, altrettante indiscrezioni e persino un evento (falso) su Facebook, Starbucks arriva anche in Italia. Il primo punto vendita in cui gustare il famoso "Frappuccino", protagonista di molti film, verrà aperto a Milano all'inizio del 2017.

L'annuncio è arrivato dalla stessa azienda americana, colosso delle caffetterie, che sbarcherà all'ombra del Duomo in partnership con Percassi. "La storia di Starbucks è direttamente collegata al modo in cui gli italiani hanno creato e prodotto il perfetto caffè espresso" ha detto l'amministratore delegato Howard Schultz, "Tutto ciò che facciamo lo facciamo sulla base di quelle meravigliose esperienze che molti di noi hanno avuto in Italia e aspiriamo a rappresentare rispettosamente questa eredità da 45 anni. Ora cerchiamo con grande umiltà e rispetto di condividere ciò che abbiamo fatto e quello che abbiamo imparato nella nostra prima esperienza in Italia".

Starbucks è già presente in Europa, Medio Oriente e Africa dal 1998 con 2400 punti vendita (appena il 10% del fatturato globale), ma il Vecchio continente non è uno dei mercati in cui ha maggiore successo. L’amministratore delegato di Starbucks, Howard Schultz, ha visitato l’Italia nel 1980 e dopo il viaggio ha deciso di importare l’espresso negli Stati Uniti. L’Italia presenta molte sfide per Starbucks, con la sua tradizione per il caffè e un concetto di bar che non rientra esattamente nello standard di Starbucks.

Commenti

cgf

Lun, 29/02/2016 - 13:49

avanti, c'è posto! poi passata la moda anche i fAIghetti torneranno all'espresso.

Ritratto di robergug

robergug

Lun, 29/02/2016 - 16:45

La loro brodaglia se la possono pure tenere.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Mar, 01/03/2016 - 03:58

Sicuramente il loro target di clienti sono gli stranieri già abituati ad andare allo starbucks e non gli Italiani. Io in Cina purtroppo ci vado regolarmente per bere un espresso perché è vicino a casa mia, ma definirlo espresso è dir tanto. I baristi hanno tutte procedure da rispettare (in quanto il personale non è composto da professionisti). Cambia una virgola ed ecco il panico. Figurati quando uno chiede un espresso in tazza fredda macchiato caldo... disastro. Non potranno mai competere con i bar i Italiani!

berserker2

Mar, 01/03/2016 - 12:51

è tutto merito del Nostro Presidente Del Consiglio!!!!! Il caffè lo ha inventato lui!!!! Tutti i successi del mondo sono grazie a lui! Che fortuna avere renzi.....

berserker2

Mar, 01/03/2016 - 14:22

Ualter Sveltroni ne sarà contento.... così non sarà più costretto a volare in prima classe fino a New York per aggustare una tazza di caffè ammerricano!

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mer, 02/03/2016 - 10:17

Approfondite il significato del simbolo (logo)...