Un'invenzione ci potrebbe liberare per sempre dalle code al semaforo

Il Mit sostiene che esista un modo molto più efficiente per decidere chi ha la precedenza

Che i semafori non siano il metodo più efficiente per regolare la circolazione degli autoveicoli agli incroci non è di certo una novità. Tutti ci siamo chiesti, fermi all'ennesimo rosso in una calda giornata, se non esistesse una soluzione più sensata per rispondere alla domanda: "A chi tocca imboccare l'incrocio?".

La domanda, sostiene uno studio del Mit di Boston, ha in effetti un'altra possibile risposta, che potrebbe - se mai fosse accettata - risolvere per sempre il problema delle code inutili. Si tratta di un sistema estremamente funzionale, ma che richiederebbe agli automobilisti un alto grado di fiducia nel veicolo di cui si sono messi alla guida.

Il sistema ideato dal Mit funzionata sulla base di una serie di "slot" da assegnare ai veicoli per attraversare. Si tratta, in sostanza di "intersezioni intelligenti per il controllo del traffico urbano", in cui sarebbero le stesse vetture a decidere se e quando è il momento di attraversare.

Per ora l'ipotesi sembra futuristica, ma gli studi compiuti garantiscono che il sistema sarebbe molto più efficienti di quello utilizzato oggi, introdotto nel 19esimo secolo. Le strade - dicono al Mit - potrebbero sostenere tranquillamente il doppio del traffico. E l'attesa per il verde sarebbe naturalmente azzerata.

Commenti
Ritratto di uccellino44

uccellino44

Mar, 22/03/2016 - 16:00

Ovviamente, perché funzioni, tutti gli automezzi, moto e ciclomotori compresi, dovrebbero essere dotati del dispositivo in argomento! La spesa? Non vorrei costasse il doppio del mezzo che lo usa!! A proposito: come la mettiamo con i pedoni che attraversano agli incroci semaforizzati? Dotiamo anche questi ultimi del sistema?!

istroveneto

Mar, 22/03/2016 - 16:51

Complimenti per l'articolo: chiaro, completo, documentato, scientificamente all'avanguardia. Mi ha aperto la mente. Mi ha illuminato.

tiromancino

Mar, 22/03/2016 - 17:52

Si vabbè ne riparliamo fra trent'anni

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 22/03/2016 - 19:01

L'articolo non considera che,alla maniera inglese,i semafori vengono progressivamente sostituiti dalle rotonde che hanno l'indiscusso vantaggio di regolare le precedenze in ogni condizione di traffico.

Beaufou

Mar, 22/03/2016 - 19:11

Eh già, hanno imparato dai Napoletani. A Napoli mica li guardano, i semafori: il primo che arriva passa, verde, giallo o rosso o rosa o viola o spento che sia. Ma le code non le hanno eliminate: le hanno solo vivacizzate con frequenti dispute sul fanalino acciaccato o il paraurti contorto come una biscia d'acqua in calore. Ahahah.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 23/03/2016 - 01:03

Non ho capito un cavolo. Ci sarebbe un fantomatico "slot" che mette in grado la macchina di dire all'autista "FIDATI DI ME, ATTRAVERSA".

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mer, 23/03/2016 - 12:05

In linea teorica, la cosa può funzionare. Non è difficile calcolare, in base a direzione e velocità, se due mezzi saranno nello stesso luogo e nello stesso momento (cioè collideranno), oppure se ci sarà un margine di sicurezza spazio-temporale tale da evitare una collisione. Credo che sia molto più complicato quando flussi di traffico continui trovino ad incrociarsi, o anche solamente a convergere. Non parliamo poi di incroci a stella, che neppure una rotonda riesce a smaltire. A proposito di rotonde: non sono il toccasana. Ricordo come un incubo l'attraversamento di un paesino della Francia dove le rotonde erano così ravvicinate che le auto non riuscivano a sgranarsi, restando bloccate all'interno delle stesse. Quindi, una soluzione alla portata dei mezzi di oggi? Sovra e sottopassi. Sekhmet.