Uomini, mezzi e soldi bruciati: le rom rubano e tornano libere

Le baby borseggiatrici rom ci costano 100 euro al giorno. Ma, una volta arrestate, sono libere di tornare a rubare

Un inutile dispendio di soldi per le baby borseggiatrici rom. Ci costano 100 euro al giorno con la libertà di tornare a rubare. A Roma il sindacato Ugl della polizia locale denuncia lo spreco di uomini, mezzi e fondi nella "inutile lotta giornaliera per arginare" l'emergenza, "con l'ulteriore risultato di avvilimento professionale da parte degli agenti, di qualsiasi uniforme operante, a causa dell'imperante impunità di cui possono godere tra le maglie troppo larghe della giustizia minorile e dell'assistenza sociale".

Sergio Fabrizi della Ugl di Roma proprio non si spiegamo come mai davanti ad un fenomeno così grave che investe, da un lato la sicurezza e tranquillità delle persone che subiscono le angherie di queste ragazzine e dall'altro proprio la tutela dei ragazzi coinvolti costretti a crescere nella condizione di illegalità con "educazione" al furto e privati dei diritti internazionali a loro riconosciuti, le Istituzioni non assumano drastiche soluzioni, tra l'altro già previste dalle norme giuridiche. "Diventa imbarazzante - denuncia il sindacalista - accettare che per la generalità delle famiglie sia applicata la perdita della potestà genitoriale nei casi di difficoltà economiche, magari dovute alla perdita prolungata di lavoro dei genitori o per insanabili conflitti familiari, mentre si deve ipocritamente mantenere bambini ed adolescenti in pessime condizioni di vivibilità in tuguri urbani e sottomessi all'illegalità da parte dei genitori, a loro volta cresciuti allo stesso modo, senza che per essi non venga applicata la stessa misura legislativa".

Nei casi di furti e borseggi le baby borseggiatrici rom non possono essere perseguite penalmente perché hanno meno di 14 anni. E, in assenza di diversi provvedimenti da parte del tribunale dei minori, vengono riaffidate ai famigliari nel campo nomadi in cui vivono, anche quando questo è abusivo, o vengono portate nei centri di primissima accoglienza da dove, immancabilmente, si allontanano dopo pochi minuti o qualche ora. "Lascia interdetti la facilità di allontanamento di questi minori dai Centri di accoglienza - riflette Fabrizi - dal momento che sono dotati di cancelli automatici o comunque non liberamente accessibili e senza che nessuno venga chiamato a risponderne considerato che gli addetti assumono la presa in consegna di minori". Da qui l'appello al Comune di "rivedere l'efficienza e l'efficacia di questi Centri" che, comunque, "ricevono denaro pubblico in cambio, a quanto pare, di un non servizio ed anche a garanzia dei diritti inviolabili dell'infanzia e adolescenti".

Commenti
Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Lun, 24/07/2017 - 13:53

Espellere tutti i Rom dal territorio nazionale sarebbe l'unica soluzione. E sarà anche l'unica soluzione che non sarà mai adottata. Quindi mettiamoci l'animo in pace e accettiamoli così come si accettano le zanzare o le cimici, specie animali tra l'altro molto più nobili.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 24/07/2017 - 14:01

Questa è l'Italia che "funziona" dei ROSSI, delle DEPENALIZAZIONI, degli INDULTI,delle SCARCERAZIONI a meta della pena,della caccia ai FASCISTI in primis, tutto il resto puo andare a CATAFASCIO per i KOMUNISTI che ci stanno S/governando da quasi 5 anni e che hanno tutta l'aria e la prosopopea di continuare a farlo in futuro. SVEGLIAAA ITALIANII che state andando sempre piu giu!!! AMEN.

Franck Dubosc

Lun, 24/07/2017 - 14:14

Siamo ridicoli, e i politici ancora di più

giusto1910

Lun, 24/07/2017 - 16:12

E' una questione di forza. Il ragionamento non serve. I Rom hanno capito che le leggi di questo Paese permette loro di delinquere, delinquere, delinquere, nell'impunità. Se poi pensate che ci sono Governatori come Rossi (Toscana) che si fa fotografare con i suoi vicini di casa Rom felice e contento!!!!!!! Cosa resta da dire. Niente! Cioè.........

Gion49

Mar, 25/07/2017 - 07:13

Tolleranza delinquenza 100% : un giorno quest'era Boldrini, Renzi, Alfano,Gentiloni sarà ricordata come la più nefasta dal secondo dopoguerra.

Giggig

Mar, 25/07/2017 - 08:05

La cura ci sarebbe: ogni volta che si becca una di queste ladre le si da, anche se minorenne, una badilata di taglio sulla bocca... vediamo se poi torna a rubare Purtroppo però siamo in Itaglia, quindi si continuerà come prima!

portuense

Mar, 25/07/2017 - 08:05

basta con i diritti, esistono anche i doveri. se sono straniere vanno cacciate con tutta la famiglia, è inutile invocare che ci sono pochi poliziotti se poi non possono fare nulla.

VittorioMar

Mar, 25/07/2017 - 08:35

...I NOSTRI MAGISTRATI,CHE SONO BRAVISSIMI E COMPETENTI,QUANDO VOGLIONO TROVANO I "CAVILLI" I "CODICILLI" LE "POSTILLE",PER PROCESSARE E CONDANNARE I DELINQUENTI !!! IN ALTRI CASI DIVENTANO "PIGRI" E PER NON INCORRERE IN ATTACCHI POLITICI O DELLA LORO ASSOCIAZIONE..EVITANO !!!...INTANTO IL CITTADINO ONESTO E' SOTTO ATTACCO DEI DELINQUENTI E MALAVITOSI...QUALCUNO RIPRISTINI LA "LEGALITA'"...!!!

Lapecheronza

Mar, 25/07/2017 - 08:42

@elkid cosa dice? Tutto nella normalità.

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 25/07/2017 - 09:09

Queste ETNIE ribelli, cominciano veramente a rompere le GUALLERE della popolazione. Se la Boldrini, il Pontefice e i giudici, non prendono rimedi seri, va a finire che la popolazione prenderà la giustizia con le proprie mani e come nei paesi arabi, molta gente rimarrà senza mani Se poi questo sistema, sarà positivo, si espanderà per tutti i rappresentanti governativi e degli enti, come pure per magistrati e giudici che assecondano questo tipo di delinquenza e non obbligano queste popolazioni ad integrarsi!!!